MotoGP 2024. Jack Miller: “È un privilegio essere tra i 22 più forti del mondo”

MotoGP 2024. Jack Miller: “È un privilegio essere tra i 22 più forti del mondo”
Le parole del pilota australiano alla presentazione del team KTM per il 2024
12 febbraio 2024

L’abbiamo già detto: Jack Miller si gioca con Maverick Vinales e Alex Rins un record particolare della MotoGP. Ma probabilmente non è questo il suo obiettivo principale per la stagione 2024. Queste le sue parole nel giorno della presentazione della nuova Rc16 2024.

Sulla moto...

“Come avete visto la moto appare come l'anno scorso. I miei stivali invece sono diversi e anche il design del mio casco è leggermente cambiato"

Perché il cambio di abbigliamento?

“Volevo solo aggiungere un po’ di novità in modo che si possa capire l’anno dalle immagini. Ho avuto spesso la stessa moto nel corso della mia carriera, con Marc VDS, Pramac e Ducati. Abbiamo fatto una piccola modifica per rendere un po' più facile riconoscere l'anno"

Su quanto fatto e sugli obiettivi...

"Il 2023 è stato un anno di apprendimento e di crescita come persona e come pilota. Verso la seconda metà della stagione ci siamo davvero sentiti a nostro agio con la moto e abbiamo potuto iniziare a lottare per le posizioni in cui dovevamo essere. Non sono riuscito a realizzare tutti i desideri che avevo nel 2023. Ho una lista completamente nuova di desideri per il 2024"

Sull’aerodinamica e la guida di una MotoGP...

"Guidare una MotoGP è il lavoro più bello del mondo, indipendentemente dall'aerodinamica, dagli abbassatori eccetera... È un privilegio essere tra i 22 motociclisti più talentuosi al mondo da quasi dieci anni. Per me è un viaggio fantastico. Ogni volta che esco dalla pit lane e spengo il limitatore di velocità è una sensazione meravigliosa: nient'altro al mondo è paragonabile. È sempre un piacere stare su un mostro come questo, indipendentemente dalla forma e indipendentemente dal fatto che tu lo trovi bello o no, è divertente!"

Sei pronto a vincere la prima gara?

"Sarei stato pronto a vincere a Valencia, ma sfortunatamente sappiamo tutti come è andata a finire. A vincere comunque ci ho pensato solo negli ultimi due mesi e mezzo del 2023"

In inverno Miller si è rotto lo scafoide facendo motocross…

“Mi sono rotto lo scafoide subito dopo essere tornato a casa. Pioveva, quindi non volevo allenarmi con la bici da corsa e ho fatto motocross. Ho avuto una piccola caduta e mi sono rotto lo scafoide, ma in quel momento non lo sapevo. Ho preso la bici, ho fatto un'altra sessione di 20 minuti, poi mi sono preso cura di Pip e di mio nipote, poi mi è gonfiato tutto ma non ha influito molto sulla mia preparazione e non ho avuto problemi a guidare a Sepang”

Hot now

Caricamento commenti...