MotoGP 2022. Marc Marquez: "Vado in Austria, per Honda è un momento difficile" ma sui tempi di recupero frena [GALLERY]

Il pilota spagnolo sta iniziando a intensificare il lavoro in palestra e tramite Hrc ha parlato della sua situazione fisica e dello sviluppo della RC213V: "Parlo sempre con Stefan Bradl"
10 agosto 2022

Allenamenti più intensi per Marc Marquez che prosegue la riabilitazione in vista del rientro in pista e dopo la quarta operazione all'omero, avvenuta negli Usa il 3 giugno scorso. Ma più che le immagini degli sforzi del 93 sono le sue parole che destano interesse e che sono state diffuse con un comunicato di Honda Hrc. Alcuni media lo avevano anticipato e Marquez ha confermato che andrà in Austria la prossima settimana per il 13esimo Gp della stagione.

Hrc ha spiegato che, a dieci settimane dall'intervento chirurgico, il pilota “continua a fare progressi. Dopo diverse settimane di riposo e leggera fisioterapia, la routine del 93 sta ricominciando a intensificarsi. Frequentemente in palestra, Marquez ha lavorato per mantenere la forma fisica generale durante il recupero e ora ha iniziato a lavorare per rafforzare il suo braccio destro”.

Honda ha spiegato che l’attuale regime di allenamento prevede “corsa, nuoto e allenamento di resistenza in palestra con elastici. Ogni settimana il peso e la resistenza vengono aggiunti lentamente per aumentare la forza senza sollecitare troppo il corpo”.

Le parole di Marquez sul suo recupero fisico

“Passo dopo passo mi sento meglio – ha detto Marquez - e l'osso sta guarendo in modo positivo, che è la migliore notizia di tutte. Siamo ancora in fase di riabilitazione; Sto lavorando molto duramente sul lato cardio per cercare di essere pronto. A fine agosto ho un altro controllo medico, da lì possiamo fare un altro passo avanti con la riabilitazione e iniziare davvero a spingere e costruire i muscoli. Alcuni giorni sono migliori di altri, ma tutto questo fa parte del viaggio. Sono ottimista, ma non voglio dire troppo sui tempi fino a quando non avremo questo controllo: non è il momento di spingere troppo" ha spiegato Marquez.

Poi ha aggiunto: "È stata una lotta, non sono due giorni o due mesi che sto lottando, sono due anni. Ho vinto alcune gare l'anno scorso ma stavo lottando molto. A Jerez ho capito che qualcosa doveva cambiare. È stata dura ed è dura anche ora, mentalmente, non perché non stia correndo, ma perché hai sempre questo dubbio sul braccio. Non posso fare un'altra operazione. Sono convinto che questa è andata bene, ma questi pensieri sono sempre lì, da qualche parte nella tua mente”.

Le parole di Marquez sulla RC213V

Da Honda hanno specificato che Marquez è “profondamente coinvolto nello sviluppo della Honda RC213V. Mentre Stefan Bradl continua a fare i test e a sostituire il 93 in pista, Marquez è in costante contatto con il tedesco per comprendere appieno la moto attuale e il suo sviluppo”.

La Honda è in un momento critico – ha concluso Marquez - Sto parlando molto con la mia squadra e sto cercando di capire la moto 2022, la situazione e cosa sta succedendo. Questo è il motivo per cui andrò in Austria, per parlare con tutti e per incontrare lo staff HRC dal Giappone per lavorare per il futuro. Lavoriamo tutti insieme, vinciamo insieme, perdiamo insieme e torneremo insieme. Parlo molto anche con Stefan Bradl, noi e Santi stiamo lavorando insieme e testando le cose, entrambi sappiamo come guido. Ho detto al Mugello che mi sarei fermato, ma voglio restare connesso. Con l'operazione precedente mi sono allontanato troppo e ora voglio essere coinvolto in modo che al mio ritorno avrò tutto più chiaro".

Ultime da MotoGP

Caricamento commenti...