MotoGP 2022. Dani Pedrosa spiega perché Ducati va meglio di Ktm: c'entrano le gomme

MotoGP 2022. Dani Pedrosa spiega perché Ducati va meglio di Ktm: c'entrano le gomme
Il collaudatore della Casa austriaca ha rilasciato un'intervista in cui ha approfondito vari aspetti tecnici del suo lavoro e dello sviluppo della moto: "Le gomme sono sicuramente un punto chiave"
22 novembre 2022

Dani Pedrosa, da quattro anni collaudatore di Ktm, ha rilasciato un’intervista a Speedweek, parlando di vari aspetti del suo lavoro e del livello della moto che contribuisce a sviluppare: la RC16, confrontandola anche con le altre moto, Ducati in primis.

Dopo due anni senza gare nel 2021 Pedrosa ha partecipato come wild card al GP della Stiria, dove ha concluso al decimo posto.

Pedrosa ha corso 296 gran premi vincendone 54, di cui 31 in MotoGP. I podi complessivi sono stati 153, cioè una volta ogni due gare finiva sul podio. Un rendimento straordinario che infatti gli ha fruttato tre titoli mondiali: uno in 125 e due in 250.

È il pilota con più vittorie in MotoGP a non aver mai vinto un mondiale: c’è andato vicino varie volte, finendo secondo nel 2007, 2010 e 2012 (anno in cui vinse 7 GP e fece 332 punti).

Negli ultimi anni KTM ha vinto sette gare, cinque con Oliveira e due con Brad Binder. Cosa manca alla moto per lottare per il titolo?

“I piloti sanno benissimo dove sono i punti deboli della moto, perché hanno difficoltà a essere costantemente davanti su tutte le piste e perché a volte faticano in qualifica. Ma non è così facile dare ai tecnici un quadro dei problemi dei piloti perché loro non guidano le moto. Non sanno in prima persona cosa sta succedendo per il pilota in pista e quale potrebbe essere la soluzione per il futuro. Per questo motivo il nostro direttore tecnico MotoGP, Fabiano Sterlacchini, si è adoperato per sviluppare una strategia basata sui dati in modo che gli ingegneri, attraverso i numeri, possano capire meglio cosa c'è in gioco, quali informazioni trasmettiamo noi piloti e la moto”

Da questo lavoro è emersa una chiara analisi dei problemi in qualifica...

“Se guardiamo indietro agli ultimi due anni, le qualifiche sono state spesso un punto debole per noi. Perché si vedeva che era più facile per i piloti Ducati andare un secondo più veloci con le nuove gomme morbide. Di conseguenza, piazzano tutte e otto le Ducati molto avanti in griglia. È più difficile per le altre squadre essere davanti in griglia. La KTM è facile da controllare e gestire con pneumatici usati. Ma con le gomme nuove non siamo riusciti a fare grandi miglioramenti. Questo punto debole ci ha impedito di raggiungere le prime posizioni in partenza”

Un altro aspetto sottolineato da Pedrosa…

“Ci sono problemi con le gomme anteriori quando si segue un avversario in scia. Quindi la pressione dei pneumatici sale a livelli folli e perdi aderenza, non puoi più sorpassare e non puoi recuperare posizioni”

Ma Brad Binder ha spesso fatto rimonte in gara...

“(Pedroda sorride, ndr) Brad Binder è stato fortissimo per tutta la stagione. Nelle gare ha sempre dimostrato dei recuperi esemplari. Sappiamo che dobbiamo rendere la nostra moto più competitiva per le qualifiche. Questo è uno degli elementi chiave. Non posso tecnicamente andare in profondità. Ma abbiamo scoperto due aree problematiche che hanno a che fare con la nostra debolezza in termini di qualità. Penso che possiamo risolvere uno dei due problemi per il 2023. Questa è la mia speranza. Abbiamo ancora dei dubbi sul secondo problema. Stiamo ancora cercando una soluzione; ci stiamo ancora lavorando”

E la mancanza di coerenza: come si può ottenere un miglioramento?

“Questo problema è legato alla debolezza in qualifica. Sono fiducioso che la coerenza aumenterà man mano che otterremo migliori posizioni in griglia. C'è già un miglioramento. Ma a novembre una previsione del genere può essere fatta solo con riserva, perché anche tutte le altre Case migliorano le loro moto in inverno. La Ducati sarà sicuramente di nuovo forte all'inizio della stagione”

La Ducati ha impiegato 15 anni per vincere un altro campionato piloti. Anche Aprilia, Honda, Suzuki e Aprilia hanno avuto i loro alti e bassi nel 2022. Gli alti e bassi hanno molto a che fare con le gomme, giusto?

“Le gomme sono sicuramente un punto chiave. Vedrai spesso che la mescola si adatta meglio a un particolare tipo di moto su una particolare pista. Ducati ne trae vantaggio perché ha il maggior numero di moto in campo. E a quanto pare fanno un uso migliore delle gomme rispetto alla concorrenza. Gli altri costruttori possono essere competitivi solo se la mescola è adatta alla moto. Ma se la mescola non si armonizza così perfettamente con la moto, ci sono dei problemi. Questo vale anche per KTM. Forse la Ducati ha trovato un equilibrio migliore tra le mescole dure e morbide. Questo li fa performare meglio. Ma questo è solo il mio pensiero. Non so se è corretto”

Ultime da MotoGP

Da Automoto.it

Hot now

Caricamento commenti...