Motomondiale

MotoGP 2021, GP Qatar/2: le pagelle

- Lode per il rookie Martin, punteggio pieno per Quartararo; bene i ducatisti a podio, male purtroppo gli italiani
MotoGP 2021, GP Qatar/2: le pagelle

La seconda gara sul tracciato di Losail rimescola quasi tutte le carte. Ecco le valutazioni di piloti e moto.

 

Fabio Quartararo voto 10

Un fine settimana quasi perfetto, una vittoria molto importante, ottenuta con velocità, forza, intelligenza, solidità. Dopo la brutta gara di domenica scorsa, dopo una partenza complicata, è stato bravissimo a mantenere la calma, conscio del suo potenziale. Belli anche i sorpassi, tutti fatti nel momento e nel posto giusto. Bravò.

 

Johann Zarco 9

Era il mio favorito alla vigilia, in Qatar si conferma grande protagonista, veloce e intelligente, bravo ad amministrare il ducatone e a non farsi prendere dalla frenesia di superare a tutti i costi il compagno di squadra. L’ha fatto nel finale, nel momento opportuno. Avrebbe dovuto vincere? Forse. Ma, ancora una volta, è lui il primo pilota Ducati al traguardo. Capoclassifica!

 

Jorge Martin 10 e lode

Pole position alla seconda gara, partenza perfetta, amministrazione da pilota esperto, 18 giri al comando, la lucidità di non esagerare all’ultima curva per provare a passare il compagno di squadra. Semplicemente stratosferico. Predestinato.

 

Alex Rins 7

Ancora una volta non convince fino in fondo, anche se non è facile rimanere tranquilli quando fai una gran fatica a superare e poi chi hai appena passato ti svernicia facilmente in rettilineo. Ma dopo la bella partenza, dopo che è risalito fino alla seconda posizione, sembrava avesse tutte le possibilità di vincere. Bravo nel finale a ripassare Vinales. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

 

Maverick Vinales 7

Il tempo perso all’inizio ha compromesso la sua gara, ma se non avesse fatto un errore alla 16 per provare a passare una Ducati, sarebbe finito sul podio. E’ chiaro che è stato lui a sbagliare, ma è piaciuta la sua reazione a un GP che si era messo piuttosto male. Vinales 2.0.

 

Pecco Bagnaia 6

A sei giri dalla fine sembrava avesse la gara in pugno, perché era il più veloce e stava guidando benissimo. Poi ha fatto un dritto alla uno e i sogni di vittoria sono rimasti tali. Ma è forte, fortissimo, ogni GP impara qualcosa: dopo lo sbaglio di domenica scorsa, ha gestito benissimo le gomme. Adesso ha imparato un’altra cosa, si sta completando gara dopo gara. In evoluzione.

 

Joan Mir 5

Ha preso una sportellata quando cominciava a sentire profumo di podio: su questo non ha colpa. Ma la sua entrata alla curva 10 è stata sicuramente discutibile: se Miller non avesse rialzato la moto, sarebbero potuti cadere entrambi. E non si può partire sempre così indietro sullo schieramento. Ma è uno tosto. Fuori pista.

 

Brad Binder 7

Zitto zitto ha portato la KTM a 4”9 dalla vetta: non se ne accorto quasi nessuno, ma la sua è stata sicuramente una prestazione tenace. In avvicinamento.

 

Jack Miller 3

D’accordo, ha subito una brutta entrata alla 10, ma anche ammesso - e non concesso - che la manovra di Mir fosse irregolare, il fallo di reazione non è concepibile, soprattutto in moto. Lui dice di non averlo fatto apposta, ma le immagini trasmettono un’altra sensazione e nella sua difesa è stato poco convincente. E’ un momento difficile, perché dopo i test sembrava il numero uno della Ducati, invece dopo il Qatar è addirittura il quarto. Nervi tesi

 

Aleix Espargaro 7

Meno esaltante rispetto a settimana fa, ma sempre veloce e concreto. E ancora più vicino al primo. Buona prestazione.

 

Enea Bastianini 7

Un’altra buonissima rimonta, questa volta dalla 17esima all’11esima posizione. Tutto dopo prove e qualifiche più complicate del previsto. Bravo, bella reazione.

 

Franco Morbidelli 5

Fine settimana difficilissimo, bel al di sotto delle aspettative. Faccio fatica a capire il motivo: forse la M1 2021 decisamente più competitiva della sua moto e non ce la fa più a tenere il passo. La mia è solo un’ipotesi, personalmente, però, sono sicuro delle qualità del pilota. C’è qualcosa che non va bisogna capire cosa. Mistero.

 

Pol Espargaro 4

Un netto passo indietro rispetto a settimana scorsa, anche se, per la verità, il distacco al traguardo è lo stesso del primo GP. Unica consolazione: primo pilota Honda al traguardo. Faceva molto meglio con la KTM.

 

Valentino Rossi 4

Mai così male in prova in tutta la sua carriera, quasi mai così male in gara. E’ un momento difficilissimo, si fatica a vedere qualcosa di positivo, anche considerando le prestazioni della Yamaha su questo tracciato e quelle passate del pilota a Losail. Cosa sta succedendo? La situazione è critica, ma lui ne può uscire. Dai dai dai.

 

Luca Marini 4

Dopo buone qualifiche - ha mancato l’accesso in Q2 per appena 8 millesimi - si è completamente perso in gara, in difficoltà anche fisica, come ha spiegato a fine giornata.

 

Danilo Petrucci 4

Sembrava aver trovato una discreta velocità, se paragonata agli altri piloti KTM, ma in gara è affondato. Scusante: è il primo GP che fa con questa moto.

 

Lorenzo Savadori 4

I problemi alla spalla continuano a limitarlo: nei tempi sul giro ha fatto un passo in avanti, ma siamo ancora molto lontani.

 

Yamaha M1 voto 9

Due vittorie nelle prime due gare, come a Jerez nel 2020. Ma questi sono due successi più pesanti, perché ottenuti con due piloti differenti e contro moto molto in forma.

 

Ducati DesmosediciGP voto 9

Gara fotocopia della settimana scorsa: dominio iniziale, ma un po’ in sofferenza nel finale. Ma la moto ha dimostrato di essere molto competitiva.

 

Suzuki GSX-RR voto 8

Si guida benissimo, ma in rettilineo soffre troppo, qui anche più della Yamaha. Un violino al quale manca una nota.

 

Aprilia RS-GP voto 8

Si conferma ad altissimo livello, in crescita e costante nelle prestazioni. Bel lavoro.

 

KTM RC16 voto 6

Merita 10 per la partenza di Miguel Oliveira (voto 5), la migliore mai vista in MotoGP: evidentemente è stato trovato qualcosa di importante per quando si spegne il semaforo. Ancora una volta ha faticato, poi, però, vai a vedere la classifica è Binder è a meno di 5” dalla Yamaha. La mia sensazione è che a Portimao la ritroveremo protagonista.

 

Honda RC213V voto 5

Sembra incredibile, ma è stata la peggiore moto al traguardo. Quanto manca Marc Marquez.

  • Davidhammer46, Modena (MO)

    Per Petronas 2 gp da dimenticare, ma credo che il valore di Morbidelli verrà fuori nelle altre piste. Evidentemente in questa pista non sono riusciti a risolvere i problemi. Rossi prestazione purtroppo da 3 in pagella ma non bisogna dare a lui le colpe del lato box di Morbidelli perché penso proprio che abbiano set-up (e qualcuno dice anche tutta la moto) completamente diversi e possano decidere in autonomia.
  • lorenz753344, Santarcangelo di Romagna (RN)

    il fallo di reazione non è concepibile, soprattutto in moto

    Ne vogliamo parlare? Chi apre le danze?
Inserisci il tuo commento