GP di Francia

MotoGP 2021. GP di Francia a Le Mans. Pole position di Fabio Quartararo

- Terza pole position consecutiva per il francese della Yamaha, davanti a Maverick Vinales e Jack Miller. Quarto Franco Morbidelli, nono Valentino Rossi, 11esimo Lorenzo Savadori (bravo!), 12esimo Luca Marini, 16esimo Pecco Bagnaia, 17esimo Danilo Petrucci, 22esimo Enea Bastianini
MotoGP 2021. GP di Francia a Le Mans. Pole position di Fabio Quartararo

LE MANS - In qualifica, come in tutte le prove: pioggia, sole, freddo, vento. Tutti entrano con le rain tranne Rossi e Morbidelli che partono subito con le slick. Un giro e tutti i piloti sono rientrati a montare le gomme d'asciutto, ma c’è voluto un po’ prima che si riuscisse a prendere un buon ritmo, perché nella parte finale del circuito c’era ancora l’asfalto umido.

In queste condizioni, solitamente chi passa per ultimo sotto la bandiera a scacchi è favorito e così è stato: la prima fila è stata ottenuta proprio dai piloti che hanno fatto per ultimi il giro tirato. Per Fabio Quartararo è la terza pole consecutiva.

Non ero mai stato così nervoso prima di una qualifica. Con l’acqua non ero a mio agio, sono entrato con la media, mai provata. Poi ho montato le slick, ero settimo prima dell’ultimo giro, ho pensato o prima fila o cado. Non sono stato perfetto, ma ho fatto la pole”, spiega Fabio, velocissimo quando è asciutto, molto meno efficace quando l’asfalto è bagnato. In caso di gara con le slick parte favorito, ma è impossibile fare un pronostico con questo meteo.

Se la pole di Quartararo non può certo essere considerata una sorpresa, lo è un po’ di più il secondo posto di Maverick Vinales.

“Sono molto contento. Non riuscivo a fare un buon giro, vedevo le bandiere dell’acqua ma la pista era asciutta. Essere secondo mi rende molto soddisfatto” è di poche parole nel parco chiuso, ma la soddisfazione è evidente. Sappiamo quanto è importante per Maverick partire davanti: per lui, più di chiunque altro, la prima fila è fondamentale.

Poi, domani, probabilmente alla prima frenata ci sarà davanti Jack Miller con il suo Ducatone, che è riuscito a non prendere la bandiera a scacchi per appena due secondi, effettuando poi un ultimo giro da applausi in scia alla Yamaha.

“Ho dovuto metterci tanto a prendere il ritmo, soffrivamo con la pressione delle gomme, ho preso tanti rischi nell’ultimo giro, ma era importante partire davanti”. Miller ha avuto fino adesso un rendimento altalenante, ma la sensazione è che può essere competitivo in ogni condizione.

Morbidelli in seconda fila

Dopo la paura al termine delle FP3, quando gli è ceduto il ginocchio sinistro mentre provava il cambio moto (“E’ un po’ debole”), Franco Morbidelli è tornato regolarmente in pista nelle FP4 e in qualifica è stato ottimo protagonista, perdendo solo nel finale la prima fila.

Per lui vale lo stesso discorso per tutti gli altri piloti Yamaha: con l’asciutto può essere protagonista, ma con il bagnato fatica.

Honda, un po’ meglio

A tre minuti dalla fine, davanti a tutti c’erano tre Honda, poi la classifica è stata rivoluzionata e la prima RC213V è quella di Marc Marquez, ottimo sesto a 0”437.

Le tre Honda sono rimaste una dietro l’altra, con Takaaki Nakagami settimo e Pol Espargaro ottavo: Espargaro si stava migliorando nell’ultimo giro, aveva un casco rosso, ma è caduto alla curva quattro.

In ogni caso, la Honda sembra più competitiva e non dimentichiamo la gara di Alex Marquez qui nel 2020.

Rossi terza fila, Savadori bravissimo, bene Marini

Terza fila per Valentino Rossi che ha disputato qualifiche simili alle FP2: Valentino sta andando decisamente meglio rispetto ai GP precedenti. Non ha il passo per giocarsi il podio, ma può stare nei primi sei, sette, perlomeno con l’asciutto.

All’11esimo posto un Lorenzo Savadori da applausi: il giovane pilota dell’Aprilia ha conquistato il miglior tempo in Q1 sul bagnato, confermando di essere particolarmente a suo agio con l’acqua. Ma poi si è difeso bene anche sull’asciutto, continuando la sua progressione in questa difficilissima categoria.

Dodicesimo posto per un bravo Luca Marini, secondo in Q1: anche Luca sta crescendo. Qualifiche invece da dimenticare per Enea Bastianini, ultimo.

Bagnaia, che peccato

Ancora una volta fuori dalla Q2 il campione del mondo Joan Mir, questa volta 14esimo, con Alex Rins 15esimo. In gara le Suzuki saranno probabilmente lì, ma non si può partire sempre così indietro.

Ed è un peccato che anche Pecco Bagnaia sia così lontano, solo 16esimo dopo una Q1 tribolata: ha tirato Marini che ha fatto il secondo tempo, ma lui è rimasto invischiato nelle retrovie e dovrà scattare dalla sesta fila con il 16esimo tempo. Il suo ritmo è buono, ma scattare così indietro è un grande problema.

Sempre in difficoltà Danilo Petrucci, tristemente 17esimo. Dai Danilo, non mollare.

Segui il GP di Francia 2021 sul nostro LIVE

Segui il commento alle qualifiche di Le Mans con Zam e Manuel Poggiali IN DIRETTA OGGI ALLE 20:45

Rivedi il commento delle prove libere di Le Mans con Zam e Simone Battistella, manager di Andrea Dovizioso

Gli orari della corsa in TV domani su Sky e DAZN

MotoGP - La classifica delle qualifiche

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 20 Fabio QUARTARARO FRA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 311.6 1'32.600  
2 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 310.6 1'32.681 0.081 / 0.081
3 43 Jack MILLER AUS Ducati Lenovo Team Ducati 321.6 1'32.704 0.104 / 0.023
4 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 308.7 1'32.766 0.166 / 0.062
5 5 Johann ZARCO FRA Pramac Racing Ducati 322.7 1'32.877 0.277 / 0.111
6 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 312.6 1'33.037 0.437 / 0.160
7 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 320.6 1'33.120 0.520 / 0.083
8 44 Pol ESPARGARO SPA Repsol Honda Team Honda 319.6 1'33.150 0.550 / 0.030
9 46 Valentino ROSSI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 309.6 1'33.391 0.791 / 0.241
10 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 310.6 1'33.867 1.267 / 0.476
11 32 Lorenzo SAVADORI ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 303.1 1'34.258 1.658 / 0.391
12 10 Luca MARINI ITA SKY VR46 Avintia Ducati 318.5 1'34.265 1.665 / 0.007
13 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 306.8 1'43.418 0.868 / 0.066
14 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 304.0 1'43.422 0.872 / 0.004
15 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 305.8 1'43.523 0.973 / 0.101
16 63 Francesco BAGNAIA ITA Ducati Lenovo Team Ducati 311.6 1'43.530 0.980 / 0.007
17 9 Danilo PETRUCCI ITA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 301.2 1'43.857 1.307 / 0.327
18 27 Iker LECUONA SPA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 303.1 1'44.324 1.774 / 0.467
19 73 Alex MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL Honda 305.8 1'45.146 2.596 / 0.822
20 53 Tito RABAT SPA Pramac Racing Ducati 300.3 1'45.590 3.040 / 0.444
21 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 301.2 1'45.911 3.361 / 0.321
22 23 Enea BASTIANINI ITA Avintia Esponsorama Ducati 291.5 1'46.123 3.573 / 0.212
  • MM2110, Civita Castellana (VT)

    Mr70 ultimamente pure il super intelligente 46 sta spesso per terra ricordi le Mans 2020 quindi secondo me pure se piove non sta nei primi tre
  • billiballo, Bergamo (BG)

    le mans è l'unica gara dell'anno in cui non scommetto, piove sempre e quando non piove sta per piovere, già le carte sono belle mescolate di loro. tuttavia non ho resistito e ho giocato miller, che dovrebbe andar forte in entrambe le condizioni.

    ps quando scrivete "savadori, il GIOVANE pilota dell'aprilia" siete consci che ha 6 anni più di quartararo?
Inserisci il tuo commento