GP di Stiria

MotoGP 2020. GP di Stiria. I commenti dei piloti dopo il GP

- Le dichiarazioni dei tre piloti saliti sul podio del GP di Stiria: Miguel Oliveira, Jack Miller e Pol Espargaro
MotoGP 2020. GP di Stiria. I commenti dei piloti dopo il GP

Miguel Oliveira: “Ho la testa dura, nessuno mi ha ragalato niente”

“Sono molto orgoglioso, per un pilota portoghese non è facile arrivare fino qui. Quando a 14 anni correvo nella Rookies Cup sognavo di arrivare in MotoGP, ma non sapevo se ce l’avrei fatta. Ho la testa dura e questo mi ha aiutato: ho lavorato duro per arrivare fin qui, nessuno mi ha regalato niente. E’ fondamentale credere in se stessi. L’anno scorso, dopo l’infortunio, ero un po’ scoraggiato, ma il team mi ha aiutato. Rispetto al 2019, la moto è cresciuta tantissimo: Pedrosa l’ha resa più facile da guidare. In gara1 ero in difficoltà con la gomma anteriore, la bandiera rossa mi ha permesso di cambiarla. Sapevo che all’ultima curva avrebbe potuto accadere qualcosa tra Espargaro e Miller: quando ho visto Jack entrare ed entrambi andare lunghi ho capito che era il mio momento. Poi nel giro d’onore, un commissario mi ha dato una bandiera portoghese e anche un biglietto, non ho ben capito cosa c’era scritto. Sarà incredibile finire il campionato a Portimao, con anche i tifosi che potranno entrare in circuito”.

Jack Miller: “Non avevo fatto i conti con Oliveira”

“Prima di tutto devo ringraziare la Clinica Mobile, il dottor Zasa e tutte le persone che mi hanno aiutato. E grazie alla Ducati e a Campinoti. Speravo nella vittoria: ce l’ho fatta a superare Espargaro, ma non avevo fatto i conti con Oliveira: gli faccio i miei complimenti. In tutto il fine settimana sono stato forte nel T1, ma Pol e la KTM uscivano in maniera incredibile dalla curva 1: con tanto grip al posteriore potevano uscire velocissimi. Adesso si va a Misano, dove ho faticato parecchio nel 2019: vediamo cosa riusciamo a fare. Poi, nel finale ci sono tutti circuiti che mi piacciano”.

Pol Espargaro: “Come una gara di moto3”

“Il finale è stato come una gara di Moto3: sono entrato primo all’ultima curva, sono uscito terzo… E’ chiaro che sono andato sul verde, ma ci sono finito perché mi hanno mandato sul verde: la regola dice che devi essere penalizzato se guadagni, io invece ho perso due posizioni. Sarebbe stato ingiusto perderne un’altra. Quando sono passato sul traguardo, ho visto +0”0 sulla lavagna: ho cercato di coprire la traiettoria, per questo sono entrato molto stretto alla 3. Miller mi ha portato fuori all’ultima curva, ma ci sta fare quel sorpasso lì. Sono molto contento per le prestazioni della moto, ma mi spiace per quello che è accaduto a Mir: gli è successo esattamente quello che è capitato a me settimana scorsa. A Misano abbiamo provato, ma bisognerà vedere che condizioni troveremo”.

  • wallaceegromit, Como (CO)

    Al di là del fatto che la gara completa l'ha vinta Joan Mir, con almeno 2 secondi di margine (2.6 sec - 0.6 sec), la direzione gara e i regolamenti sono un'accozzaglia di fessi e fesserie.

    Fesseria no 1: permettere di sostituire le gomme non è giusto, visto che il totale dei giri non cambia. Joan non aveva piu gomme nuove.

    Fesseria no 2: Pol Espargarò doveva essere retrocesso di una posizione visto che ha pascolato sul verde all'ultima curva. Un contentino a KTM, Red Bull e all'Austria tutta. In Moto2 Martin è uscito di 20 cm ed è stato retrocesso.

    Fesseria no 3: va bene contingentare le gomme ma qui siamo arrivati alla demenza. Fra un po i piloti dovranno portarsi le gomme da casa.

    Fesseria no 4: la penalizzazione di Zarcò.

    E questo è quanto.
  • k-dream, Lastra a Signa (FI)

    Pol è un pilota che mi piace molto ma ultimamente ne sta facendo diverse di razzate! Per me andava sanzionato.
    Bravo Millerone che conferma quanto di buono aveva fatto settimana scorsa.
    Complimentoni ad Olivera che zitto zitto ma nemmeno troppo si porta a casa il bottino pieno.

    E brava K! Nel 2021 non avrà piú le concessioni speciali e allora si vedrà realmente cosa sono in grado di fare🖖
Inserisci il tuo commento