GP di Rep. Ceca

MotoGP 2020. GP di Brno, a Nakagami le FP1

- Takaaki Nakagami è il più veloce, davanti a Joan Mir e Pol Espargaro. Sento Andrea Dovizio-so, settimo Danilo Petrucci, ottavo Valentino Rossi, nono Franco Morbidelli, 15esimo Pecco Bagnaia, caduto violentemente nel finale.
MotoGP 2020. GP di Brno, a Nakagami le FP1

Tutto un altro clima rispetto a Jerez: qui si corre in condizioni accettabili, con circa 35 °C sull’asfalto. Tutti i piloti hanno lavorato con la media posteriore, mentre per l’anteriore la scelta è stata tra soffice e media, con qualche eccezione. Su una pista molto lunga e impegnativa, continua a esserci un grandissimo equilibrio: 15 piloti in meno di mezzo secondo. Come dire, sarà difficilissimo fare la differenza, ma anche solo entrare nei 10 per accedere direttamente in Q2. Alla fine, la classifica, come spesso accade, è stata rivoluzionata da chi ha montato la gomma nuova nel finale; nel dettaglio, l’hanno montata: Nakagami (1°); Mir (2°); Zarco (4°); Rossi (8° coppia nuova di dure, però), mentre tutti gli altri hanno continuato con le gomme usate fino alla bandiera a scacchi.

BENE NAKAGAMI E KTM
Al di là del giro secco, Nakagami ha ben impressionato per tutto il turno, con un ottimo passo: è decisamente in forma. Così come lo è la KTM, terza con Pol Espargaro, che ha girato con grande costanza. Per la verità, gli altri piloti della Casa austriaca sono un po’ indietro, ma Espargaro conferma che questa potrebbe essere una buona occasione per la KTM. La Suzuki, secondo con Mir, si conferma moto molto competitiva anche su questo tracciato e Rins, 12esimo, sembra più a posto fisicamente.

DUCATI IN CRESCITA
Buona la prestazione anche della Ducati, sicuramente più a suo agio su questo tracciato. Al di là del quarto tempo di Johann Zarco - ha fatto un solo giro veloce e qui aveva conquistato la prima fila anche nel 2019 con la KTM, seppure in condizioni particolari -, il più efficace e costante è stato Andrea Dovizioso, che come il compagno di squadra Danilo Petrucci non ha cambiato gomme: Dovi (6°) ha mostrato un buon passo, mentre Petrux (7°) è sicuramente più in forma fisicamente rispetto alle gare di Jerez. In difficoltà, invece, Pecco Bagnaia, 15esimo anche per una rovinosa caduta nel finale, quando stava tentando il “time attack”. Pecco si è rialzato un po’ malconcio dalla scivolata: speriamo siano solo delle botte. Adesso andrà al centro medico e poi ne sapremo di più. La Ducati si conferma competitiva su questa pista, ma le altre Case sembrano più vicino rispetto al passato.

YAMAHA SUL PASSO
Apparentemente, rispetto al dominio di Jerez, la Yamaha sembrerebbe un po’ in difficoltà, ma tutti i piloti hanno lavorato solo sul passo gara. Vinales (5°) è scivolato subito, ma poi ha trovato un buon ritmo; Quartararo (13°) ha provato il passo gara; Morbidelli (9°) non si è preoccupato del tempo sul giro. Rossi, ottavo, è risalito nel finale con una coppia di gomme nuove, ma dure: Valentino ha continuato a usare l’assetto che l’ha portato sul podio a Jerez2, cercando poi nel finale più sostegno da pneumatici dalla mescola più dura.

APRILIA LI’ VICINO
Su una pista che in passato ha spesso creato problemi, l’Aprilia conquista un incoraggiante 11esimo posto (con gomma nuova) con Aleix Espargaro, a soli 0”436 da Nakagami. Un buon inizio, mentre Stefan Bradl, sostituto di Marc Marquez, è ultimo, con Alex Marquez 14esimo. Ma come quando c’era Marc Marquez in pista, davanti a tutti c’è una Honda…

La classifica delle FP1

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 310.3 1'57.353  
2 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 308.5 1'57.364 0.011 / 0.011
3 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 313.0 1'57.392 0.039 / 0.028
4 5 Johann ZARCO FRA Esponsorama Racing Ducati 308.5 1'57.460 0.107 / 0.068
5 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 307.6 1'57.565 0.212 / 0.105
6 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 313.9 1'57.632 0.279 / 0.067
7 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 310.3 1'57.638 0.285 / 0.006
8 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 305.9 1'57.646 0.293 / 0.008
9 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 305.9 1'57.718 0.365 / 0.072
10 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 312.1 1'57.753 0.400 / 0.035
11 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 308.5 1'57.789 0.436 / 0.036
12 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 308.5 1'57.823 0.470 / 0.034
13 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 306.8 1'57.831 0.478 / 0.008
14 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 311.2 1'57.836 0.483 / 0.005
15 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 310.3 1'57.839 0.486 / 0.003
16 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 308.5 1'58.013 0.660 / 0.174
17 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 308.5 1'58.161 0.808 / 0.148
18 73 Alex MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 310.3 1'58.579 1.226 / 0.418
19 53 Tito RABAT SPA Esponsorama Racing Ducati 304.2 1'58.728 1.375 / 0.149
20 38 Bradley SMITH GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 306.8 1'58.817 1.464 / 0.089
21 27 Iker LECUONA SPA Red Bull KTM Tech 3 KTM 306.8 1'59.136 1.783 / 0.319
22 6 Stefan BRADL GER Repsol Honda Team Honda 308.5 1'59.193 1.840 / 0.057
  • magojiro, Roma (RM)

    Per 2 minuti è stato secondo........ahahahaaahahahahahaahahah
  • Guido Marrucci, San Miniato (PI)

    Bagnaia tibia! 😱
Inserisci il tuo commento