GP di Francia

MotoGP 2019. Márquez in pole a Le Mans

- Pole position per Marc Márquez, davanti a Danilo Petrucci e Jack Miller. Quarto Andrea Dovizioso, quinto Valentino Rossi
MotoGP 2019. Márquez in pole a Le Mans

LE MANS - Pole position per Marc Márquez, davanti a Danilo Petrucci e Jack Miller. Quarto Andrea Dovizioso, quinto Valentino Rossi (passato dalla Q1), sesto Franco Morbidelli, 13° Pecco Bagnaia, 22° Andrea Iannone.


Una pioggerellina leggera ha accompagnato i piloti sia in Q1 che in Q2: nei primi 15 minuti cronometrati l’azzardo delle slick ha pagato per Valentino Rossi, mentre nei decisivi 15 minuti finali si è dovuto girare con le rain, anche se Rossi, come Viñales e Quartararo, ha provato a entrare subito con le slick anche in questo caso. Una scelta che non ha pagato, ma non ha penalizzato troppo Valentino, quinto e tornato primo tra i piloti Yamaha. Davanti a tutti c’è Marc Márquez, che conquista così la sua 55ª pole in MotoGP, eguagliando nientemeno che Valentino Rossi. Numeri importanti, ma non c’era bisogno di questa ennesima pole - la terza stagionale - per confermare la sua grandezza: con le rain, su una pista solo appena bagnata, Márquez è stato imbattibile e non lo ha fermato nemmeno una caduta a metà turno. Marc, dopo avere provato a rimediare in tutti i modi, senza riuscirci questa volta, è ripartito come se niente fosse, e ha continuato a girare senza rientrare ai box: lui è a posto in ogni condizione.

 

BRAVO PETRUCCI

Al secondo posto Danilo Petrucci che, questa volta, non si è fatto scappare l’occasione di conquistare la prima fila: per lui, che consuma molto le gomme, partire dalla prima fila è ancora più importante che per gli altri piloti. Petrucci è forte, è veloce, ha tanta pressione intorno a sé («Ce l’ho da tutta la vita» ha scherzato nel parco chiuso): per lui non è mai facile ottenere un buon risultato. Ma se riesce a guidare con tranquillità è uno dei più veloci: può fare una buona gara, anche se bisognerà vedere in che condizioni si correrà. A completare la prima fila un’altra Ducati, quella di Jack Miller, autore di un numero spettacolare dopo una caduta: nel tentativo di togliere i sassi dalla carenatura, Miller ha impennato a lungo, scuotendo la moto, naturalmente fuori traiettoria. La sua azione non ha portato il risultato sperato, ma è stata sicuramente bella. In queste condizioni si può giocare il podio, con l’asciutto le sue quotazioni scendono parecchio.

 

SECONDA FILA ITALIANA

Seconda fila tutta italiana, con Andrea Dovizioso (4°), Valentino Rossi (5°) e Franco Morbidelli (6°): tutti e tre, per motivi diversi, possono essere soddisfatti. Per Dovizioso la seconda fila è sempre un buon risultato: Andrea non ha un passo strabiliante né sull’asciutto né sul bagnato, ma è complessivamente competitivo. Al momento, sembrerebbe difficile giocarsi la vittoria, ma il podio è alla sua portata. Dopo essere stato il più lento tra i piloti Yamaha nelle libere, Rossi torna ad essere il più veloce con la M1: un quinto posto più che soddisfacente. Per riuscirci Valentino ha fatto un azzardo da “ragazzino affamato”, e non da “campionissimo appagato”: in Q1, mentre tutti sono entrati con le rain, lui ha azzardato le slick, nonostante le condizioni della pista fossero difficilissime. Un rischio che lo ha portato alla prima posizione in Q1, con la possibilità di giocarsela in Q2, dove è partito nuovamente con le slick: ma questa volta la scelta si è rivelata troppo azzardata. Così, mentre i suoi rivali prendevano confidenza con le rain, Valentino era costretto a tornare ai box a cambiare pneumatici, per poi risalire in quinta posizione. Comunque bravo. E bravo anche Morbidelli, che torna davanti al compagno di squadra, decimo in condizioni a lui poco gradite.

 

VIÑALES CHE PECCATO

Detto del buon ottavo tempo di Jorge Lorenzo - considerando le condizioni - e del nono posto dell’Aprilia con Aleix Espargaró (mentre Andrea Iannone è un’altra volta ultimo…), la delusione delle qualifiche è l’11° posto di Maverick Viñales, che era stato il più veloce e costante sia con l’asciutto che con il bagnato. Un peccato per Maverick, che ha comunque le possibilità di disputare un ottima gara in ogni condizione: anche lui ha iniziato la Q2 con le slick, e poi non è più riuscito a rimediare l’errore. Deludente anche Alex Rins, 19°: questa volta la sua rimonta si fa molto complicata. Deve migliorare un bel po’ nelle libere e in qualifica.

 

CLASSIFICA

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 297.4 1'40.952  
2 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 297.6 1'41.312 0.360 / 0.360
3 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 299.1 1'41.366 0.414 / 0.054
4 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 301.9 1'41.552 0.600 / 0.186
5 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 291.7 1'41.655 0.703 / 0.103
6 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 289.9 1'41.681 0.729 / 0.026
7 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 292.9 1'42.059 1.107 / 0.378
8 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 298.1 1'42.067 1.115 / 0.008
9 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 296.0 1'42.450 1.498 / 0.383
10 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 289.0 1'42.509 1.557 / 0.059
11 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 292.2 1'42.555 1.603 / 0.046
  44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM
  • Paolo93hrc, Ravenna (RA)

    scrocco 2004 un nonnetto che corre e vince é in Australia 50 anni si chiama Troy b.....comunque giusto fa quinto a 40 bisogna esultare. Per fare il 10mo pero' bisogna arrivare costantemente piu' avanti quindi o dice chiaramente ai suoi tifosi che corre per divertirsi oppure voi starete qui a rognare fino a 50 anni. Io proverei a concentrarmi di piu' sulle corse. Ciao
  • Lucabellotto, Alassio (SV)

    55 pole come vr 46.
    Altro obiettivo raggiunto.
    Vai mm
Inserisci il tuo commento