GP del Giappone

MotoGP 2019. Marc Marquez in pole position a Motegi

- Pole position per il campione del mondo della Honda, davanti a uno straordinario Morbidelli e a Quartararo. Settimo Dovizioso, ottavo Petrucci, decimo Rossi, 14esimo Bagnaia, 22esimo Iannone

Gli mancava la pole position a Motegi: Marc Marquez sfata anche questo tabù. Su una pista completamente asciutta, dopo la pioggia del mattino (le FP3 sono state completamente bagnate, le FP4 'umide' con le slick montate solo nel finale), Marquez conquista la decima pole stagionale, la prima su questo tracciato in MotoGP.

Marc non fa sconti a nessuno, anche se il titolo è già in tasca e adesso il suo obiettivo è sfatare un altro tabù: negli ultimi anni è sempre caduto nel GP successivo a quello della conquista del titolo, domani partirà per vincere. Con grande possibilità, perché il suo passo gara è molto buono.

Insomma, come sempre si parte con Marquez favorito. “Mi mancava questa pole… Ieri non avevamo iniziato al meglio, oggi abbiamo fatto un piccolo passo in avanti, ma domani con più sole potrebbe essere differente. Qui le Yamaha vanno forte”, dice lo spagnolo a caldo.

Grandissimo Morbidelli

Al secondo posto un grandissimo Franco Morbidelli, che riesce così a stare davanti al compagno di squadra, terzo. Per Franco è una stagione non facile da gestire, perché le sue prestazioni sono sempre buone, ma non all’altezza di quelle di Fabio Quartararo: per uno che ha vinto il mondiale della Moto2 non è semplice mantenere la calma di fronte alle prestazioni di un debuttante in MotoGP, uno che in Moto2 ha fatto molto meno di quanto ottenuto da Morbidelli.

Eppure Fabio è sempre là davanti; difficile da digerire, ma Franco sta dimostrando grande carattere, oltre che talento: questo secondo posto diventa così molto significativo.

“Devo ringraziare la mia squadra per il grande lavoro, stiamo facendo bene insieme, mi danno una bella mano. Stiamo migliorando piano piano: stare con tutte le Yamaha non è facile, basta essere settimo per essere l’ultimo dei piloti con la M1”, sottolinea Morbidelli. Ha un buon passo, può essere protagonista anche in gara.

Protagonista lo sarà Fabio Quartararo, terzo, non perfettamente a suo agio quando la pista non è al meglio delle condizioni: inevitabile quando sei al debutto in questa categoria. Ma sul passo è messo bene, domani con il sole - è previsto bel tempo - può giocarsi la vittoria.

Morbidelli e Quartararo hanno fatto molto bene, ma fa specie che entrambi siano davanti a entrambi i piloti ufficiali, con Maverick Vinales quarto e Valentino Rossi solo decimo, poco efficace nel giro secco. Rossi ha un passo migliore del decimo posto, ma un’altra qualifica sotto tono potrebbe avere conseguenze anche sulla gara.

Tre Ducati in fila

Buono il quinto tempo di Cal Crutchlow, finalmente competitivo, mentre la Ducati, che qui aveva conquistato la pole nel 2018, si deve accontentare del sesto (Jack Miller), settimo (Andrea Dovizioso) e ottavo (Danilo Petrucci) posto.

Jack è ancora una volta il migliore in qualifica, mentre sul passo quello messo meglio sembra sempre essere Andrea, con Danilo sicuramente più efficace rispetto alle ultime gare.

Ma non basta per puntare alla vittoria: la Desmosedici mostra dei limiti anche sulla pista che in passato gli ha regalato un sacco di soddisfazioni (e un titolo mondiale…). Un’altra conferma, purtroppo, che la GP19 è meno competitiva rispetto alla passata stagione. 14esimo Pecco Bagnaia.

Aprilia nei 10

In Casa Aprilia si può essere soddisfatti della prestazione di Aleix Espargaro, ancora una volta nei dieci (9°): Aleix riesce a guidare bene questa moto, mentre Andrea Iannone proprio non ce la fa. Ancora una volta ha chiuso all’ultimo posto, considerando che Tito Rabat non ha disputato le qualifiche per i postumi di un infortunio a una mano.

Iannone ha sicuramente portato la sua conoscenza a Noale, ma le sue prestazioni sono lontanissime dalle aspettative. Così come continuano a esserle anche quelle di Jorge Lorenzo, purtroppo solo 19esimo.

Guarda gli Orari TV del GP del Giappone
Tutti i segreti della pista di Motegi

 

La classifica delle qualifiche

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 305.0 1'45.763  
2 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 300.0 1'45.895 0.132 / 0.132
3 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 300.8 1'45.944 0.181 / 0.049
4 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 300.0 1'46.090 0.327 / 0.146
5 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 305.0 1'46.189 0.426 / 0.099
6 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 307.6 1'46.337 0.574 / 0.148
7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 309.4 1'46.410 0.647 / 0.073
8 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 305.0 1'46.427 0.664 / 0.017
9 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 302.5 1'46.558 0.795 / 0.131
10 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 300.8 1'46.558 0.795
11 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 306.8 1'46.600 0.837 / 0.042
12 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 305.9 1'46.616 0.853 / 0.016
13 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 299.1 1'46.998 0.303 / 0.034
14 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 303.3 1'47.594 0.899 / 0.596
15 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 305.0 1'47.654 0.959 / 0.060
16 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 299.1 1'47.894 1.199 / 0.240
17 82 Mika KALLIO FIN Red Bull KTM Factory Racing KTM 300.8 1'47.979 1.284 / 0.085
18 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 305.0 1'48.121 1.426 / 0.142
19 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 305.9 1'48.492 1.797 / 0.371
20 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 297.5 1'48.522 1.827 / 0.030
21 50 Sylvain GUINTOLI FRA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 302.5 1'49.186 2.491 / 0.664
22 29 Andrea IANNONE ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 298.3 1'49.243 2.548 / 0.057
  53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati    

 

  • Campiglio1956, Lugagnano Val d'Arda (PC)

    E come scrivevo ieri: 3 Yamaha ai primi 6 posti.
  • Aspes 125 yuma, Bologna (BO)

    Ma era FRENARE o FRANARE?...Boh, forse il secondo?...
Inserisci il tuo commento