Analisi

MotoGP e mercato piloti. Ducati: nessuna colpa

- Dopo gli annunci per il futuro di Yamaha, in molti hanno criticato la Casa di Borgo Panigale per essere rimasta con il cerino in mano. Ma la verità è che sia Viñales che Quartararò non avevano nessuna intenzione di cambiare. Quando è così, c’è poco da fare...
MotoGP e mercato piloti. Ducati: nessuna colpa

Allo squadrone Yamaha manca solo… Gigi Dall’Igna: a Iwata hanno messo insieme i piloti sognati dal direttore generale di Ducati Corse. Non è un segreto, infatti, che sia Maverick Viñales che Fabio Quartararò interessassero alla Casa di Borgo Panigale, per non parlare di Jorge Lorenzo. Così, quando è stato ufficializzato il team Yamaha per il 2021 e il 2022, in molti hanno indicato la Ducati come la vera sconfitta di questo delirante (per l’anticipo dei tempi) “mercato piloti”. Io non la penso così: non ho mai risparmiato critiche alla Ducati, ma questa volta non credo che siano stati fatti degli errori clamorosi. Ecco perché.

I piloti volevano la Yamaha

Non so esattamente quale sia stata la trattativa tra la Ducati e i due piloti in questione, non so quale offerta sia stata fatta (se è stata fatta…), a che punto fossero arrivati: sicuramente, si è spinto più su Maverick Viñales che su Fabio Quartararò. Ma non tutti, a Borgo Panigale, erano convinti che lo spagnolo fosse il pilota giusto per la Ducati, mentre il francese ha fatto sì molto bene nel 2019, ma era troppo presto per fare una vera e propria trattativa. Al di là delle intenzioni della Ducati, la differenza l’ha fatta la volontà dei piloti: entrambi volevano rimanere in Yamaha.

Cominciamo da Quartararò: perché cambiare? Fabio si è trovato benissimo con la M1, per il 2020 gli è già stata assegnata una M1 ufficiale, la promozione al team interno era l'ovvia conseguenza. Andare in Ducati avrebbe rappresentato una bella sfida, ma anche piena di rischi, considerando anche la recente esperienza di Jorge Lorenzo. E stiamo parlando di un campionissimo contro una promessa, che tanto ha fatto, ma molto di più ha ancora da fare. Fabio, questo è certo, non voleva lasciare la Yamaha, tanto meno per la Ducati.

Stesso discorso, più o meno, per Viñales. I piloti, al di là delle dichiarazioni ufficiali, sanno perfettamente qual'è la competitività della propria moto, conoscono i programmi, possono valutare perfettamente le prospettive future. Ecco, Maverick, evidentemente, ha messo insieme tutti i pezzi del puzzle, arrivando alla conclusione che la scelta migliore era rimanere dov’era, oltretutto senza più l’ingombrante - per lui - presenza di Valentino Rossi. Forse la Ducati poteva puntare su una maggiore offerta di denaro, ma anche su questo ho molti dubbi: la Yamaha è un colosso mondiale del motociclismo, le basta aumentare di un euro (1 euro!) il prezzo delle moto vendute per pagare abbondantemente l’ingaggio di Maverick. 

 

Ducati senza alternative

La Ducati, quindi, non aveva altra possibilità: un pilota lo convinci a venire da te se non sta bene dov’è o se vuole una sfida differente, nuove motivazioni. Oppure se hai una moto nettamente superiore alle altre. E questo non era il caso di Viñales e Quartararò, troppo giovani e con troppe poche vittorie (addirittura zero in MotoGP per Fabio) per pensare a prendere strade affascinanti quanto rischiose. Per quanto riguarda la moto, ripeto il discorso fatto prima: chi è in pista sa meglio di chi sta fuori com’è la situazione. Ecco perché difendo la Ducati: non poteva fare altro.

Piuttosto, credo che a Borgo Panigale debbano cercare di ricostruire il rapporto con Andrea Dovizioso, anche se sarà parecchio complicato. Anche perché i numeri dicono che negli ultimi tre anni, l’unica vera alternativa a Marc Márquez - il sogno di qualsiasi Casa costruttrice, quindi inevitabilmente anche della Ducati - è stato proprio Dovizioso. L’importante è essere competitivi nel 2020: questo è l’aspetto fondamentale per costruire una grande squadra nel 2021.

Leggi tutti i commenti 126

Commenti

  • Angelo142, Verdello (BG)

    L unico scossone emotivo lo può dare Marquez.
    Se quest anno raggiunge i 9 titoli (plausibile) un passaggio in ducati, conquistando il 10' ,dove hanno fallito i suoi migliori avversari,sarebbe stimolante per tutti.
    lui compreso
  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Perfettamente in sintonia con l'autore dell'articolo anche perché queste cose le sostengo e le scrivo da anni.
    Sopratutto per quanto riguarda i piloti che in Ducati sembra ci vadano per "costrizione", Capirossi, Melandri, Stoner in quanto rimasti fuori dal "grande giro".
    Lo stesso Dovizioso messo alla porta da Honda non è che avesse tante altre alternative.
    Per errore e ambizione, Valentino Rossi in quanto credeva (sbagliando) che se Stoner andava forte, pure lui sarebbe stato in grado di farlo.
    Per denaro, Lorenzo, unitamente alla convinzione che se Dovizioso con quella moto riusciva a stare la davanti, lui non avrebbe avuto difficoltà a vincere.
    In un intervista in merito fu molto esplicito: Dovizioso l'ho già battuto in passato, non vedo perché non debba risuccedere!
    Vado in Ducati perché si possa riscrivere la storia del moto mondiale!…… insomma!
    Poi può pure succedere che in 15 anni di partecipazione ad altissimo livello, una squadra possa pescare un Jolly ma ripetersi è durissima per tutti e loro per il momento non ci sono ancora riusciti.
    Gli auguro che ci riescano presto, se non fosse per altro in quanto nazionalista e sostenitore del genio italico.
    Ducati da 3/4 anni è riuscita nuovamente a rimettere in pista una buona moto, come del resto già lo era stato dal debutto fino al 2007.
    In certi circuiti nelle mani del pilota giusto, sembra addirittura essere imbattibile ma sulla maggioranza delle piste poi faticano a fare podio, per conquistare il campionato ci vuole ben altro.
    Piloti considerati i migliori del mondo, potendo loro scegliere, preferiscono magari squadre con uno storico diverso.
    Pure per me Ducati non ha fatto grandi errori riguardo la scelta dei piloti.
    Tranne forse con Lorenzo e conseguente trattamento dei loro due piloti che avevano al momento.
    Lo scrissi all'epoca: mai nella storia si è verificato che un pilota strappato ad un altra casa a suon di dollari abbia poi confermato le aspettative.

    Valentino Masini
Leggi tutti i commenti 126

Commenti

Inserisci il tuo commento