Video

DopoGP con Nico e Zam. Speciale test di Thailandia 2018

- La nostra analisi sui test fondamentali di Buriram. Honda già pronta e Márquez impressionante sul passo, Ducati vicina, anche se Lorenzo va in confusione. Bene anche Suzuki (con Rins), ancora molti dubbi su Yamaha, in ritardo Aprilia e KTM

Per cominciare, l’ingegner Bernardelle ci illustra dove sta andando l’aerodinamica della MotoGP: un tema molto vivace in questa serie di test, con tutti i box frenetici nel testare tante nuove soluzioni. E vi anticipiamo che il 6 marzo, dopo le tre giornate di prove in Qatar, il nostro DopoGP sarà dedicato soprattutto alle novità tecniche di ogni moto: aerodinamica e anche telai, motori, dettagli per affrontare la nuova stagione MotoGP 2018. Un quadro completo come non si è mai visto.


Perché Marc e Dani hanno provato un forcellone in carbonio? Cosa cercavano? E dove cambia il nuovo telaio Ducati visto in Thailandia? Zam ci porta nel box rosso: l’ottimismo di Dovizioso, che ha lavorato con metodo e velocità, contro i dubbi di Jorge Lorenzo che era stato il più veloce a Sepang e qui ha faticato, mentre Miller, Petrucci e persino Rabat filavano veloci. In Casa Yamaha i punti interrogativi aumentano invece di risolversi: Rossi non è così pessimista, ma il ritardo nell’elettronica della M1 emerge tutte le volte che i pneumatici (come qui a Buriram dove Michelin non aveva mai girato) non sono l’ideale. E se Zarco va fortissimo, Viñales va in crisi.


Infine un’occhiata in Suzuki, dove Alex Rins si sta dimostrando un talento mentre il nostro Iannone continua a stentare; la moto progredisce e Andrea no. Difficile da giudicare la tre giorni di KTM senza il suo pilota di punta, e appare purtroppo in ritardo l’Aprilia: Bernardelle ce ne spiega le ragioni.


Prossimi test ufficiali: Qatar 1-3 marzo, poi la prima gara domenica 18 marzo. Cosa dobbiamo aspettarci.
La nostra puntata speciale sulla tecnica: cosa vogliamo scoprire.

 

Guarda la puntata su YouTube

Scarica l'audio della puntata

 

  • pt76, Mercato Saraceno (FC)

    Siete il TOP! Grazie...
    E la prossima puntata sembra ancora + interessante... :)
  • Giulio211R, Bassano del Grappa (VI)

    In vista dello speciale sulla tecnica chiedo.
    e' possibile che i problemi di Yamaha siano dovuti (oltre all'elettronica) anche ad una ciclistica che ha possibilità di regolazioni troppo ampie??

    mi rendo conto che sembra un controsenso.

    Grazie Fantastici Tre
Inserisci il tuo commento