Video

DopoGP con Nico e Zam. Il GP di Malesia 2017

- Vincendo sul bagnato, il Dovi tiene aperto il mondiale: meno 21 punti. Lorenzo secondo, la doppietta Ducati, i giochi di squadra, le difficoltà di Marquez. Perché la Yamaha è naufragata, Rossi settimo e Vinales nono, e la M1 2016 va sul podio con Zarco?

Jorge ha preso un brutto rischio sul finale e il Dovi è passato. Chiariamo in studio che i giochi di squadra sono più che leciti, benché il regolamento non ne faccia cenno. L’ing. Bernardelle spiega perché la Ducati, una settimana dopo il flop australiano, sia capace della miglior prestazione dell’anno: quando il grip è precario la Desmosedici è la migliore e la M1 Yamaha la peggiore. Tra Zarco, autore di un bellissimo terzo posto, e Rossi ci sono quasi ventuno secondi al traguardo. Vinales ancora più indietro. Marquez è stato prudente e ne aveva di più? Forse, ma anche il potenziale di Dovizioso probabilmente non è stato espresso fino in fondo.


Celebriamo il titolo mondiale di Morbidelli in Moto2: erano otto anni che un italiano non diventava il Numero 1 e nove anni dal titolo del Sic nella classe media. Franco è un grande campione: otto vittorie e un carattere speciale. Per noi ha tante qualità in comune proprio con il Dovi e da martedì 14, con i primi test a Valencia, capiremo come si troverà al manubrio di una MotoGP sul V4 Honda. Un quattro in linea garantirebbe, secondo Bernardelle, un approccio meno complicato.
 

Tornando alla gara di Sepang della top class, Iannone è stato particolarmente in difficoltà, ma con attenuanti. Invece Aprilia era priva del suo pilota di punta e KTM, ancora una volta nella top ten, ha confermato di essere stata capace del migliore sviluppo. Tra dieci giorni l’ultima gara dell’anno a Valencia, pista di Lorenzo dove tutti i record sono suoi. A Dovizioso, che per acciuffare il titolo deve assolutamente vincere (e sperare nello zero di Marc), la pista non è mai piaciuta particolarmente. Ma con questa Ducati tutto è possibile.

 

I Sondaggi

 

 

Guarda la puntata su YouTube

Scarica l'audio della puntata

 

 

  • funboy75, Isola del Liri (FR)

    non guardate solo al fatto che il Dovi ha vinto 6 gare e potrebbe vincere anche la settima! e si trova dietro, guardate anche gli zeri!! 3 di Marquez contro solo 1 del Dovi, e nonostante tutto lo spagnolo sta avanti, il pacchetto Marquez-Honda è superiore e merita di vincere il mondiale punto!
  • Eraldo Carlo

    Non ho risposto al sondaggio sulla Yamaha perché per come è formulato non ha senso. E' l'evoluzione della ciclistica che è stata sbagliata, non c'entrano ne l'elettronica ne le gomme. Visto che il telaio 2016 fa andare bene sia l'elettronica che le gomme, sia pure grazie al manico di Zarco e Folger.
    E' vero però che il telaio 2017 è stato introdotto per ospitare il nuovo motore, e i problemi sono venuti da li. Per tornare alla moto 2016 bisogna buttare anche l'evoluzione 2017 del motore. O rifare di nuovo tutto daccapo per il 2018, col rischio di toppare di nuovo.
    In ogni caso è l'estrema competitività dei piloti al top assieme alle caratteristiche delle gomme che crea una situazione così volubile. Sull'asciutto basta che manchino 2 decimi al giro per finire nelle retrovie, è successo alla Ducati, che non riesce a scrollarsi di dosso certi suoi limiti strutturali, e in minor misura anche alla Honda. La Yamaha, al solito è la moto più regolare, nell'andare male... :)
Inserisci il tuo commento