mostra aiuto
Accedi o registrati
sicurezza

Airbag per motociclisti. Entro fine anno la nuova normativa UE

- Cambia la normativa per gli airbag da moto. Entro la fine del 2012 verrà sottoposto all'attenzione degli Stati Membri della UE il testo definitivo del progetto di norma. Il commento di Fabio Colombo (Motoairbag)
Airbag per motociclisti. Entro fine anno la nuova normativa UE

Airbag per motociclisti. Entro fine anno la nuova normativa UE

Cambia la normativa per gli airbag su due ruote. Entro la fine dell'anno verrà sottoposto all'attenzione di tutti gli Stati Membri dell'Unione Europea il testo definitivo del progetto di norma, già discusso in sede europea per quasi cinque anni, che disciplina l'utilizzo degli airbag per motociclisti.
L'Uni, Ente Nazionale Italiano di Unificazione, sta studiando le nuove normative per incrementare la sicurezza di motociclisti e scooteristi, e chiarisce che il progetto di norma si basa su due concetti fondamentali: quello dell'innocuità (cioè l'airbag non deve arrecare alcun danno al corpo umano) e quello della protezione (l'airbag deve fornire una reale protezione). Il documento prende per ora in esame esclusivamente i sistemi airbag attivati meccanicamente perché la tecnologia elettronica non è ancora completamente sviluppata.
 

Come funziona l'airbag ad attivazione meccanica

Gli airbag per motociclisti consistono, nel dettaglio, in capi di abbigliamento che contengono all'interno un dispositivo che, in caso di incidente, si attiva proteggendo il motociclista.
Gli airbag a riconoscimento meccanico si attivano attraverso un cavo che, collegato alla moto, misura la distanza moto-motociclista: quando il motociclista a causa di un impatto non è più seduto normalmente in sella, il cavo attiva automaticamente il sistema airbag.
Su questi dispositivi i produttori sono dovuti intervenire per fare chiarezza, anche in seguito al ritiro dal mercato di prodotti inefficaci. E' stato quindi avviato un gruppo di lavoro per la definizione di una norma: la EN1621-4 'Motorcyclists' protective clothing against mechanical impact - Part 4: Motorcyclists' inflatable protectors - Requirements and test methods'

(Fonte: Ansa)



L'intervista a Fabio Colombo (Motoairbag)

Fabio Colombo è il titolare di Motoairbag, una delle aziende leader nella produzione di airbag per motociclisti. Da tempo ha esteso il proprio campo di azione anche ad altri ambiti (in primis l'equitazione) e si adopera presso il legislatore comunitario affinchè siano riconosciuti degli standard omologativi univoci e chiari nella certificazione degli airbag per la protezione dei centauri.

Fabio, cosa dice la norma approvata dalla UE?
«Gli airbag per essere certificati devono essere sottoposti a una serie di test. Superati questi test, sono dichiarati protettivi e identificati con un apposito pittogramma. I test prevedono un controllo sull'innocuità e che non abbiano effetti collaterali. Vengono controllate le performance protettive e i tempi di attivazione nell'impatto». 

Fabio Colombo


Come mai la normativa considera solo gli airbag ad attivazione meccanica?
«Sono stati giudicati avere un grado di affidabilità sufficiente. Gli airbag ad attivazione elettronica non ancora».

In concreto cosa cambia per voi costruttori?
«
E' fatta una grande chiarezza. Ma è importante sapere cosa cambia non tanto per noi quanto per l'utente finale che ora avrà gli strumenti per distinguere un airbag protettivo da uno non protettivo».

Come lo capisce?
«Il motociclista deve solo controllare che ci sia il pittogramma previsto dalla norma».

Da quando verrà applicata?
«E' già applicata ai capi omologati. Alcune aziende hanno infatti già fatto la certificazione visto che il testo era definitivo e approvato da tempo, ma solo in attesa del formal vote, una procedura formale prevista dall'Unione Europea».
 

  • giordi8248, Villa Guardia (CO)

    Dai piega vieni al raduno dello stelvio ti aspetto
  • piega996, roma (RM)

    matteo

    Insomam se vogliamo fare polemica sono bravissimo, se vogliamo discutere invece bisogna capire bene l'interlocutore e poi rispondere quanto meno a tono.

    Ripeto io in moto ci vado protetto, ma a volte a seconda delle situazioni e di quello che vado a fare metto un casco jet, altre un casco Arai integrale, ma voglio poter scegliere io i minimi o i massimi di protezione.
Inserisci il tuo commento