enduro

Trofeo Enduro KTM: la gara a Laggio di Cadore

- Il Cadore ospita la penultima gara del trofeo monomarca arancione. Duecento i piloti al via di una prova spettacolare flagellata dal maltempo. Il ragazzi del Cadore Motor Games sono però riusciti a salvare il programma. Ecco com’è andata

Mannaggia, una volta nella vita ti capita di andare in Cadore a fare enduro, e ti ritrovi sotto un diluvio universale, con temperature in picchiata. Vedi così il lunghissimo e meraviglioso fettucciato liquefarsi in un mare uniforme di fango, mentre la prova in linea giro dopo giro sfodera viscide radici che non trovi manco in Finlandia.
Ragazzi, è l’enduro! Poco male, ci si rimbocca le maniche, si mette l’antipioggia e via a gas aperto (o quasi…). Il Moto Club Cadore Motor Games ha gestito l’imprevisto del meteo in modo magistrale e allo staff, così come al sindaco di Laggio di Cadore, va un “BRAVI” grosso così per l’impegno e la passione spesi in queste giornate.
Il cross test ha subito un taglio parziale ai ferri di cavallo solo durante il terzo e ultimo giro, mentre la prova in linea (lunghissima e molto veloce, a tratti una vera cronoscalata) è stata mantenuta sino alla fine. Saggiamente è stato deciso di non cronometrare il primo giro.

Il saluto a Nico di tutti i piloti del Trofeo
Il saluto a Nico di tutti i piloti del Trofeo

Il tendone è stato un luogo di festa, dove ballare e mangiare benissimo con la compagnia dello showman Roberto Rossi e del dj locale Brigante. Ma è stato anche il luogo che ha permesso a tutti i piloti del Trofeo KTM di ritrovarsi per un sentito e commosso saluto a Nicola, che è mancato nel corso della quarta tappa. A lui è stata dedicata la maglia che tutti hanno indossato e sicuramente il suo ricordo resterà sempre vivo nei partecipanti.

La prova in linea
La prova in linea

Torniamo alla gara per parlarvi del giro. La pioggia ha costretto a tagliarlo, per un totale di 30 km scarsi da ripetere tre volte. Non sono tuttavia mancati i tratti tecnici prima del controllo timbro e anche molto belli dal punto di vista del paesaggio, ad esempio lungo il sentiero che, costeggiando il torrente, portava i piloti a valle.

Guarda la prova in linea (onboard di Roberto Rossi):  

Trapletti si è imposto nella E1 125 2T. La E1 4T è andata a Milani, mentre nella E2 si è imposto Bichicchi. La E3 ha visto al primo posto Dal Pezzo.

Qui le Classifiche complete 

L’ultima gara si svolgerà l’8 ottobre a Priero (Cuneo). 

  • GIXXER K5, Bozzolo (MN)

    Risp

    Andrea mi permetto di darti del tu , avrei 2 curiosità , premetto che io e il fuoristrada stiamo come una panigale a una bici elettrica.La prima: perché parlavi da solo ?? ( una specie di promemoria ripetuto a voce alta??) la seconda: mi sembrava dalla velocità tenuta in certe parti del tracciato, che questo fosse veramente in condizioni difficili, oppure è un effetto dovuto alla telecamerina?? Anche il motore sembra dare queste informazioni visto che mi pare non ti sei risparmiato nell'aprire il gas ,ma la risposta in termini di accelerazione (fisica della moto) avvolte era lenta, questo mi è sembrato. Ripeto da ignorante che sono in materia ci tenevo a sapere se ho detto stupidaggini oppure no. Un saluto a te, redazione e ai lettori. NOTA DELLA REDAZIONE: Ciao, hai visto giusto tutto! Il tracciato era ai limiti, infatti hanno dovuto tagliare dei tratti a fine giornata. Quindi in uscita di curva nei primi metri era difficile dosare il gas per avere trazione. Sì, ogni tanto mi ripetevo...di stare in piedi! Ciao!
  • ZANIOLOMOTO_4088185, San Martino di Lupari (PD)

    GRAZIE A TUTTI I RAGAZZI CHE HANNO CONTRIBUITO A FAR SI CHE LA MANIFESTAZIONE SIA STATA PORTATA A TERMINE NEL MIGLIORE DEI MODI , E UN SENTITO RINGRAZIAMENTO AL SINDACO E A TUTTA LA COMUNITA MONTANA DI LAGGIO
Inserisci il tuo commento