TEST CON VIDEO

VESPA GTS 125 Super

Fascino multicolore
- Un moderno "ottavo di litro" a iniezione con 4 valvole e raffreddamento a liquido, vestito con il medesimo abito della Vespona 300 Super. Che fascino!
VESPA GTS 125 Super

Il fascino che non è mai mancato alla mamma degli scooter, la mitica Vespa, e che a maggior ragione troviamo su questa nuova versione dedicata ai 16-18enni. La GTS 125 Super, infatti, è Vestita a festa con l’abito della sorella maggiore GTS 300 Super, anche la nuova 125 spicca quindi per immagine ed eleganzanza nell’affollato universo dei “ruote basse” automatici.

Eleganza e sportività
L’estetica della GTS 125 Super, come abbiamo detto, ricalca per filo e per segno quello della versione ammiraglia. La griglia con le feritoie orizzontali sulla fiancata destra, la mascherina  con gli elementi cromati, i cerchi bicolore, la molla dell’ammortizzatore anteriore dipinta di un rosso acceso, sono tutti elementi presi in prestito dalle mitiche versioni sportive delle Vespa degli anni sessanta e settanta.

Operazione al cuore
L’irrinunciabile telaio a scocca in acciaio abbraccia il rinnovato propulsore da 124 cc, che in questa versione ha abbandonato il carburatore per un più pulito e prestazionale sistema di iniezione elettronica. Confermati la distribuzione a 4 valvole e il raffreddamento a liquido, e la potenza sale a 14,9 cv (11kW) a 9.750 giri, con una coppia pari a 1,2 kgm (12 Nm) a 7.500 giri.
Naturalmente,  questo motore è omologato Euro-3.

Occhio ai costi
Particolare attenzione è stata dedicata ai costi di gestione. Oltre ad un miglioramento dei consumi, il particolare che colpisce maggiormente è l’allungamento degli intervalli di manutenzione: si è passati infatti da 6.000 a ben 10.000 km tra un tagliando e l’altro, ben il 65% in più in un sol colpo.

Per tutti i gusti
Disponibili  quattro diverse colorazioni, che rimarcano l’aspetto sportivo ed elegante allo stesso tempo dello “scooter per antonomasia”: Giallo Lime, Rosso Dragon ne esaltano il carattere dinamico, mentre Montebianco e Nero lucido ne sottolineano l’eleganza.

Ritrovarsi ancora
Nessun cambiamento nell’ergonomia e nella posizione di guida, pregi e difetti sono i medesimi della GTS300 Super. Ottima accoglienza, sia per i più alti che per chi è meno dotato in questo senso, l’ampia sella assicura grande comfort, sia che si tratti del guidatore che del passeggero.

Ottima accoglienza, sia per i più alti che per chi è meno dotato in questo senso
Ottima accoglienza, sia per i più alti che per chi è meno dotato in questo senso


Dedicate a quest’ultimo, le pedane a scomparsa, come in precedenza segnalato per la 300, sono più fascinose che utili, visto che una volta aperte il guidatore le urta con una certa facilità durante le soste.

Più belli che pratici
I comandi al manubrio sono ergonomici nella disposizione, un po’ meno nell’utilizzo, a causa della discreta distanza dalle manopole, particolare che obbliga a qualche contorsione chi ha le mani piccole.

Buoni volumi
Più che discreta, diremmo quasi buona, la disponibilità di vani portaoggetti: il sottosella, che contiene, non senza qualche difficoltà, una coppia di caschi jet, e il cassettino nel retroscudo per i piccoli oggetti.

Ben confezionata
Seppur non proprio a buon mercato, i  4.500 euro (Iva inclusa f.c.) richiesti per portarsi a casa la GTS 125 Super (che possono diventare però 4.000 grazie agli ecoincentivi) vengono abbastanza giustificati dall’ottimo livello di finitura e dalla qualità dei materiali, oltre che dall’esclusività del prodotto.

In scioltezza
La nota facilità di guida del Vespone 300 viene ulteriormente esaltata in questa versione in minor. Brillante e soprattutto intuitiva sin da subito, la GTS 125 Super, è un vero animale da centro urbano. Solida e ben piantata a terra, grazie al telaio in acciaio le cui doti di rigidità non ci stancheremo mai di apprezzare, ed alla buona impronta a terra fornita dagli pneumatici da 120/70 e 130/70 montati entrambi su ruote da 12”, la piccola GTS si lascia guidare con grandissima  disinvoltura. 

La nuova 125 spicca per immagine ed eleganzanza nell’affollato universo dei “ruote basse” automatici

Il suo monocilindrico si dimostra brillante sia in fase di accelerazione che in ripresa, con un’erogazione piacevolmente lineare e progressiva. Inoltre vibra poco o niente o, meglio, è perfettamente isolato dalla scocca, particolare sempre apprezzabile, specie nei trasferimenti extraurbani.

Con due mani
Buona la risposta dell’impianto frenante, anche se per ottenere decelerazioni degne di nota è preferibile agire su entrambe le leve, a causa dello scarso mordente del disco anteriore, da 220 mm di diametro come il peraltro più incisivo posteriore. Ottima la modulabilità, che permette di evitare bloccaggi indesiderati anche su fondi dall’aderenza così così.

Una via di mezzo
L’assetto delle sospensioni rappresenta una buona via di mezzo tra la guidabilità, e dunque anche la precisione di guida, e le capacità di filtrare le asperità del fondo stradale. Niente miracoli, ma nel settore pochi scooter sanno fare di meglio.

Sempre affascinante e tremendamente modaiola, a dispetto dei suoi anni, questa ultima nata si prepara quindi a diventare la regina della categoria. Se non nei numeri, senz’altro nell’immagine.


Pregi


Finiture – Guidabilità  - Immagine

Difetti


Ergonomia comandi – Pedane passeggero


 

  • Filippo2352, Rimini (RN)

    Vespa GTS 125 Super: recensione personale

    Ho comprato la Vespa GTS 125 Super (colore Montebianco) nel luglio 2010. La cosa che mi ha lasciato da subito a bocca aperta e ancora oggi mi stupisce, sono le finiture: dalla scocca in acciaio, alla strumentazione, ai montaggi e alle piccole raffinatezze come il pulsante nel retroscudo per l'apertura della sella, il coprisella incorporato, le eleganti pedane estraibili del passeggero e il vano porta trousse degli attrezzi nello scudo. Le plastiche (quelle nere intendo), presenti su TUTTI gli scooter, sono praticamente assenti, i montaggi sono PERFETTI (ogni elemento, plastico o ferroso che sia, è perfettamente allineato con gli altri) e non generano il benchè minimo scricchiolio, elementi come viti di fissaggio, scatola del filtro dell'aria, ammortizzatori posteriori, fili o tubi vari sono lodevolmente nascosti. La linea è classica ma allo stesso tempo sportiva (come sottolineano i cerchi in lega bicolore nero-argento, la maschera dello scudo, l'ammortizzatore anteriore rosso, il faro brunito e le feritoie sulla fiancata destra, nonchè la sella bordata di nero), proporzionata e pulitissima. La guida è eccellente: l'anteriore è piantato a terra come un sasso, le vibrazioni di motore e montaggi sono assenti anche sui dossi e sullo sconnesso, in piega è sincera e solida, (forse un po' lenta in entrata) anche se il cavalletto laterale limita notevolmente la possibilità di piega a sinistra (per questo l'ho tolto) nei curvoni veloci tiene fedelmente la traiettoria e in città è agile come una gazzella. I freni hanno la giusta dose di potenza, ma più che altro brillano per la loro azione modulabile e progressiva. Il motore, dal suono raffinato e silenzioso, è straordinariamente elastico e morbido nell’erogazione della potenza. Le prestazioni sono buone, soprattutto ai regimi medio-alti dove la coppia e la potenza raggiunte non faticano a trascinare i 150 kg di peso, che invece risultano un limite nello scatto al semaforo, che resta comunque del tutto dignitoso e sopra la media per uno scooter 125 a 4t, così come la velocità massima, di 110 km/h. Il peso, appunto, è l’unico neo di questa Vespa, che schiaccia letteralmente, come se fosse un ippopotamo, i poveri 15 cavalli, che potrebbero dare molto di più. Per questo consiglio a tutti i maggiorenni l’acquisto del modello con motore 300 (la cui differenza di costo è bassa), molto più adatto e divertente per questa Vespona. Purtroppo non posso fare una valutazione oggettiva dei consumi, perché percorro molti chilometri (poco meno di 2000 al mese) e ad un’andatura molto elevata, per cui faccio rifornimento molto spesso dal benzinaio, e avrei gradito un serbatoio un po’ più grande di 9.5 litri. Viaggiando in due, il calo di prestazioni è minimo, e il passeggero lamenta solo un appoggio dei piedi non comodissimo. Guidarla nelle strade di montagna è un piacere, dove in salita il tiro del motore non si dimostra fiacco. Ed è scontato dire che fa la sua bella figura nelle “sfilate” sul lungomare… La praticità è tutto sommato buona, infatti lo spazio per gambe e oggetti sulla pedana non manca, così come nel vano dietro lo scudo. Quello che delude è il sottosella, che pare una fioriera per gerani: basso, stretto e lungo, non permette di inserire quasi nessun casco (infatti sono costretto a usare uno dei due ganci per appendere il mio Premier Touring 3), tant’è che per farci stare un piccolo Momo bisogna pigiare. Il prezzo è il più alto tra gli scooter 125 (4500 €), ma penso che questa Vespa lo meriti tutto, in quanto è un oggetto di nicchia, lussuoso e inimitabile, frutto di mezzo secolo di design e cultura tutti italiani, un’icona destinata a diventare una leggenda per le prossime generazioni.
  • alias02, Carrara (MS)

    bellissima...vespissima!!!

    a 16 anni (era il 1980), stressai mio padre perchè mi desse il suo consenso (ed il sostegno economico) per sostenere gli esami della patente A. Dopo aver superato l'esame rimaneva il dubbio amletico dell'acquisto della motocicletta da 125cc. Visto che tutti i miei amici avevano optato per il PX (allora la vespa costava molto meno di una moto da 125cc), mi lasciai tentare anch'io. Così arrivò nel garage dei miei, una sera d'autunno, una fiammante vespa px 125 di colore bianco. Con la fidata vespa in due anni, percorsi circa 20000 km, usandola tutti i giorni e nei week-end per puntatine da Milano a Genova o ai laghi o in emilia dai parenti. Sigh!
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Vespa GTS 125 Super (2008 - 16)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Vespa
  • Modello GTS 125
  • Allestimento GTS 125 Super (2008 - 16)
  • Categoria Scooter Ruote basse
  • Inizio produzione 2008
  • Fine produzione 2016
  • Prezzo da 4.910 - franco concessionario
  • Garanzia 2 anni + 2 assistenza stradale
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 1.930 mm
  • Larghezza 755 mm
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 790 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.370 mm
  • Peso a secco 145 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 124 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 1
  • Configurazione cilindri n.d.
  • Disposizione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri -
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 57 mm
  • Corsa 48,6 mm
  • Frizione automatica
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione monoalbero
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 15 cv - 11 kw - 9.750 rpm
  • Coppia 1 kgm - 12 nm - 7.500 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio automatico con variatore
  • Numero marce -
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 9,2 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale cinghia
  • Telaio Scocca in lamiera d’acciaio con rinforzi strutturali saldati
  • Sospensione anteriore Monobraccio ESS (Enhanced Sliding Suspensio) con molla elicoidale e ammortizzatore idraulico
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore Doppio ammortizzatore idraulico con molla elicoidale con precario regolabile in 4 posizioni
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore disco
  • Misura freno anteriore 220 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 220 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 12 pollici
  • Pneumatico anteriore 120/70 - 12”
  • Misura cerchio posteriore 12 pollici
  • Pneumatico posteriore 130/70 - 12”
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Vespa

Nuovo: Vespa GTS 125

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Vespa GTS 125 Super (2008 - 16)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta