True Adventure Offroad Academy, corsi per maxienduro by Honda

Luca Frigerio
  • di Luca Frigerio
Abbiamo partecipato a uno dei corsi in fuoristrada dedicato alle endurone, organizzato dalla Casa dell’Ala Dorata. Guardatevi il video e scoprite come è andata
  • Luca Frigerio
  • di Luca Frigerio
16 novembre 2017

Le nuove, tecnologiche e possenti maxienduro sono sinonimo di avventura. Viaggi sconfinati, infiniti chilometri da macinare, luoghi da scoprire e tanto fuoristrada da esplorare. Per divertirsi e per godersi al massimo l’avventura, però, è necessario saper portare al meglio il proprio mezzo, soprattutto in fuoristrada, dove la grossa cilindrata, l’elevata potenza e l’ingente peso possono mettere in difficoltà chi guida.

Nasce così la True Adventure Offroad Academy, che organizza i corsi di guida per insegnare a portare la propria maxienduro sulle strade sterrate e con poco grip. Ovviamente può partecipare chi possiede una CRF1000L Africa Twin, oppure un altro modello della gamma Offroad della Casa dell’ala dorata (anche di annate meno recenti). L’organizzatore dispone anche di numerose nuove Africa Twin, sia con cambio manuale che DCT, da affittare ai partecipanti che non dispongono di una moto personale.

Il corso, info e prezzi

Ci sono due tipi di corsi, “Base” ed “Extreme” (ma il secondo livello è accessibile solo a chi ha partecipato al primo). Il costo del corso Base è di 200 euro, compresi i due pranzi e la cena; è escluso il pernottamento, così ogni iscritto può decidere l’albergo dove dormire. Per chi invece noleggia la moto della scuola, il costo del corso sale a 400 euro (inclusa la copertura assicurativa per eventuali danni all’Africa Twin affittata). Il nostro Luca Frigerio, amante delle strade asfaltate, è stato invitato da Honda per migliorare la propria guida in fuoristrada. Ecco come è andata!

La True Adventure Offroad Academy si svolge nel fine settimana, dal sabato mattina fino alla domenica dopo pranzo. I corsisi tengono una volta al mese, principalmente nella zona di Piacenza (per la precisione a San Giorgio Piacentino), ma un paio di appuntamenti hanno luogo a Roma. Sul sito dedicato (qui il link) sono presenti tutte le date e le informazioni.

Nella prima parte del sabato gli istruttori accolgono i corsisti, e quando si è tutti pronti si parte con una breve e amichevole lezione teorica, dove vengono presentati il corso e i fondamentali per portare al meglio una maxienduro (e non solo) in fuoristrada: posizione in sella, come curvare e come affrontare gli ostacoli. Poi, finalmente, arriva il momento di salire in sella: è necessario vestirsi con tutte le protezioni adeguate, va bene anche una tuta da turismo o abbigliamento più tecnico per il fuoristrada. E se non siete attrezzati al 100 % non c’è problema, perché la scuola vi può fornire quello che non avete. La sicurezza è importante, e non va lasciata al caso!

Parte 1: l’area training

A noi giornalisti è stata riservata un’Africa Twin con il cambio DCT, con doppia frizione automatica: scelta azzeccata per chi, come il sottoscritto, ha pochissima esperienza con il fuoristrada e si trova a guidare un’endurona del genere. Il DCT aiuta molto alle basse andature, e permette di concentrarsi al meglio sulla posizione in sella. Quindi, ognuno verso la propria moto e si va in direzione del campo prova, a pochi chilometri dalla sede dell’Academy.

Siamo circa in venti partecipanti, divisi in due gruppi con due istruttori ciascuno per seguirci al meglio: il primo esercizio è lo slalom tra i coni, per prendere confidenza con le curve: sedere che punta fuori, peso sulla pedana esterna e moto stretta tra le gambe. Tentativo dopo tentativo ci siamo sempre più migliorati a portare l’Africa Twin: chi l’avrebbe mai detto che saremmo riusciti a fare un’inversione di marcia in pochi metri, su sterrato e senza mettere giù i piedi, con una moto da circa 230 kg?!

Poi è arrivato il momento della seconda prova: accelerazione e frenata. Con il corpo bisogna gestire la distribuzione dei pesi e cercare di dare più grip possibile alla ruota posteriore, anche in frenata: bisogna cercare di non usare il freno anteriore per evitare di cadere perdendo l'aderenza davanti. Dopo numerose prove siamo riusciti a rallentare in pochi metri senza bloccare la ruota posteriore: prova superata!

L’esercizio finale mette alla prova tutto quello che abbiamo imparato nel pomeriggio del sabato: al campo prova c’è un tracciato molto tecnico con diversi ostacoli, curve strette, salite, discese e frenate. Gli istruttori ci hanno fatto girare liberamente nel "pistino", ma anche loro sono saliti in sella per tenerci sempre sull’attenti e non deconcentrarci nonostante la stanchezza.

Il bello è che si va avanti fino a quando il sole non cala! Poi tutti in albergo, per una doccia calda e una cena in compagnia all’agriturismo lì vicino.

Parte 2: 100 km di offroad!

La domenica è dedicata al giro in fuoristrada nel piacentino: gli istruttori hanno diverse opzioni di percorsi a seconda del livello dei corsisti: tutti noi siamo stati bravi, nonostante quasi tutti partissero da un livello basso, abbiamo imparato tanto nella giornata del sabato e ci siamo guadagnati il giro domenicale di circa 100 km, il più impegnativo per il corso “base”.

Partenza alle 9 del mattino e via all’avventura: non avevamo mai affrontato un giro in moto di questo genere, e ne siamo rimasti estasiati. Abbiamo esplorato le campagne piacentine come se fossimo a fare la Dakar, tanta concentrazione e tanta goduria nel riuscire (finalmente) a controllare una maxienduro in offroad. Strade sterrate, passaggi sui sassolini, guadi, boschi e un panorama mozzafiato (abbiamo avuto anche la fortuna di trovare una bellissima giornata). Tutto il gruppo è rimasto compatto e gli istruttori erano sempre pronti a dare consigli e ad aiutare anche nei momenti di difficoltà. La cosa più bella è stata che, nonostante la fatica al termine dei 100 km, siamo scesi con il sorriso. Il corso si è concluso con un ricco pranzo all’agriturismo e, la consegna dei diplomi e dei premi speciali: tutti promossi!

 

Con poche ma fondamentali dritte, il corso ci ha permesso di guidare con più fiducia. Anche chi ha meno esperienza con l’offroad può concedersi di inserire nell’itinerario di viaggio qualche strada bianca, senza il rischio o la paura di sdraiare la moto con la conseguenza di rovinare l’esperienza o, addirittura, di farsi male.

Questo corso è adatto al motociclista che da poco ha comprato una maxienduro e vuole conoscere bene questo tipo di moto, ma anche a chi non sale in sella da diversi anni e decide di comprarsi da poco la nuova Africa Twin e vuole scoprirla nel dettaglio, anche in condizioni più estreme. In due giorni, tutti i partecipanti al corso sono riusciti a concludere il divertente e impegnativo giro senza grossi inconvenienti: a noi la True Adventure Academy ha insegnato tanto e, magari, ora possiamo andare a divertirci con il mitico Perfetto durante qualche prova di fuoristrada!

 

Foto di: Luca Sebastian

Da Automoto.it

Caricamento commenti...
Honda Africa Twin CRF 1000 L DCT (2018 - 19)
Honda

Honda
Via della Cecchignola, 13
00143 Roma (RM) - Italia
848846632
https://www.honda.it/motorcycles.html

  • Prezzo 14.940 €
  • Cilindrata 998 cc
  • Potenza 95 cv
  • Peso 218 kg
  • Sella 850 mm
  • Serbatoio 19 lt
Honda

Honda
Via della Cecchignola, 13
00143 Roma (RM) - Italia
848846632
https://www.honda.it/motorcycles.html

Scheda tecnica Honda Africa Twin CRF 1000 L DCT (2018 - 19)

Cilindrata
998 cc
Cilindri
2 in linea
Categoria
Enduro Stradale
Potenza
95 cv 70 kw 7.500 rpm
Peso
218 kg
Sella
850 mm
Pneumatico anteriore
90/90-R21"
Pneumatico posteriore
150/70-R18"
Inizio Fine produzione
2017 2019
tutti i dati

Maggiori info

Ultimi articoli su Honda Africa Twin CRF 1000 L DCT (2018 - 19) e correlati