Prova maxi enduro

Triumph Tiger Explorer 1200XC

La moto quattrostagioni
- Un detto vuole che in Scozia ogni giorno proponga tutte e quattro le stagioni. La Explorer in allestimento XC ci ha permesso di affrontarle tutte e quattro in uno splendido viaggio nelle Highlands. Con tanto di fuoristrada
Triumph Tiger Explorer 1200XC

Triumph Tiger Explorer 1200 XC. XC come Cross Country, denominazione che indica diverse discipline fuoristradistiche - a motore e non - il più delle volte lontane dagli eccessi di enduro estremo, cross, downhill e simili. Una sigla che calza dunque a pennello alla maxienduro di Hinckley in questo allestimento speciale nato per assecondare qualche prurito fuoristradistico ma anche, e soprattutto, per attraversare letteralmente paesi in lungo e in largo - un'altra, comunque calzante, interpretazione della sigla di cui sopra.

Rispetto alla versione XC standard (da quest'anno la versione con cerchi in lega sarà disponibile solo su prenotazione a 15.290€, assecondando così la tendenza del mercato) la XC SE - Special Edition - si presenta con diversi accorgimenti che la rendono più protetta e protettiva verso il pilota - la missione della Explorer, per usare le parole di Simon Warburton, Product Manager Triumph che ci ha accompagnato lungo il giro dimostrandosi alla bisogna una bella manetta, è di portarvi sempre a destinazione. Ovunque essa sia. Il paracoppa in alluminio protegge il motore da sassate e interferenze con il fondo in fuoristrada, mentre le protezioni tubolari salvano il motore anche quando capita il peggio e si finisce per coricare a terra la Explorer.

 

Faretti laterali, protezioni e cerchi a raggi caratterizzano l'allestimento XC della Triumph Explorer XC
Faretti laterali, protezioni e cerchi a raggi caratterizzano l'allestimento XC della Triumph Explorer XC

Perché questo non avvenga il pilota può contare su pedane da cui è possibile rimuovere il rivestimento in gomma, migliorando la presa sulla suola dello stivale e paramani che riparano da sassate e intemperie. I cerchi a raggi assorbono anche i colpi più duri, e gli pneumatici tubeless consentono riparazioni più rapide in caso di foratura. Ma se proprio si dovesse incappare in qualche imprevisto, i faretti supplementari illumineranno alla perfezione la strada anche se la notte vi dovesse sorprendere ancora in giro. Il tutto per 15.640 euro franco concessionario, prezzo più che competitivo in generale e, nello specifico, se confrontato con i 14.890 euro della versione base.

Un mezzo di questo tipo non si presta granché ai tradizionali ritmi veloci, mordi-e-fuggi tipici delle presentazioni stampa. Forse per questo Triumph ha deciso di farci conoscere la XC SE in un meraviglioso tour delle Highlands che ci ha consentito di metterla alla prova in situazioni diversissime. Un giro lungo oltre 600 chilometri, condensato in poco meno di due giorni, che ci ha permesso in una volta sola di assaporare alcuni dei tanti, diversi, sapori della terra scozzese, e di gustare a fondo la Tiger Explorer XC SE. Su strada, naturalmente, ma anche fuoristrada, su quelle fire tracks - gli sterrati boschivi - e mulattiere leggere che costituiranno il tipico uso di chi vorrà avventurarsi in fuoristrada in sella alla Explorer.

 

 

Da Glengoulandie a Loch Ness

La prima giornata ci vede partire dallo splendido Glengoulandie Lodge, vicinissimo a Loch Tummel, alla volta delle montagne del nord. Un forte vento - la Scozia è il paese più ventoso del mondo, stando a quanto sostengono orgogliosamente i locali - e una fastidiosa pioggerellina ci danno il buongiorno, ma la Tiger non pare preoccupata. Accendiamo le manopole riscaldate (non previste dalla dotazione di serie, ma una vera benedizione in questo viaggio) e partiamo, forti della presenza dei paramani che ci risparmia l'uso dei guanti invernali. L'acceleratore ride-by-wire richiede come sempre un po' di abitudine, ma è questione di poche miglia.

Già, miglia - qui funziona tutto in maniera leggermente diversa. Abituarsi alla guida a sinistra è più facile del previsto - è necessario soltanto fare attenzione a resettare il cervello nelle ripartenze e guardare dalla parte giusta quando si svolta. Il fatto che tutta la comitiva, composta integralmente di colleghi che guidano "dalla parte giusta", prenda rapidamente le giuste abitudini la dice lunga in merito allo scarso impegno psicologico richiesto dalla Tiger quando il ritmo non è elevato.

 

Protezione

Il malumore iniziale per le condizioni meteo si tramuta rapidamente in un accenno di sorriso quando realizziamo quanto protettiva ed intuitiva risulti la Explorer. Con la sella bassa, che consente anche a chi scrive (che non supera il metro e settantatré) di toccare saldamente a terra con i piedi, il cupolino ferma buona parte della pioggia e della pressione dell'aria lasciando scoperte solo spalle e gomiti.

La XC si rivela divertente e protettiva anche quando le condizioni sono molto lontane dall'ottimale
La XC si rivela divertente e protettiva anche quando le condizioni sono molto lontane dall'ottimale

Le strette e tortuose strade della campagna scozzese ci portano rapidamente a salire di quota: il paesaggio lungo la A93, la strada più alta del Regno Unito (solo 670 metri sul livello del mare, ma a queste latitudini le temperature sono... più bassine) cambia trasformandosi in uno scenario quasi lunare - qui la primavera deve ancora arrivare - che ricorda le pendici dell'Etna.

 

La pioggia ci dà temporaneamente tregua, ma le condizioni del fondo non cambiano. Fortunatamente, visto il clima della zona, l'asfalto è abrasivo ed offre un'ottima aderenza anche in condizioni di bagnato, e il resto lo fa la Tiger. Che grazie ad una ciclistica stabile e sincera, no-nonsense come direbbero da queste parti, ed un motore dall'erogazione semplicemente perfetta a qualunque regime, consente di divertirsi senza rischiare l'osso del collo anche in queste condizioni. Si ha solo l'impressione che l'ABS entri in azione un po' troppo presto sulla ruota posteriore, ma d'altra parte meglio così che non trovarsi involontariamente a gestire un "traverso" di una moto di questa stazza.

 

Turismo a largo raggio

Già, la stazza. La Explorer è "tanta" ma si sente il giusto: il nostro percorso ci porta al Castello di Balmoral - la residenza estiva della Famiglia Reale, nonché la preferita della Regina Elisabetta - dove la velocità nel percorrere il parco deve essere necessariamente molto contenuta, ma la Tiger non si rivela mai difficile da gestire nemmeno nella marcia a bassa velocità. Un veloce caffè per riscaldarci e possiamo ripartire - si punta verso Tomintoul, il villaggio più alto delle Highlands. Il panorama cambia ancora mentre ai lati della strada iniziano a spuntare impianti di risalita e piste da sci.

Chi scrive ha sempre sostenuto che se un motociclista (stradale) e uno sciatore si incontrano nella pratica delle rispettive attività almeno uno dei due sta sbagliando qualcosa. Dobbiamo dire che il termometro di bordo segna temperature ad una sola cifra ma il freddo non ci disturba più di tanto, e complice un asfalto dal grip esagerato ci si può anche divertire relativamente nella guida. E' solo necessario fare attenzione ad un vento a dir poco diabolico - in questo frangente la stabilità della Tigerona è una vera e propria mano santa.

Una rapida discesa e il panorama cambia ancora una volta: una A-road (una via di mezzo fra le nostre statali e le autostrade) che si snoda in mezzo ai boschi riporta alla mente quella Schwarzwaldhochstrasse che taglia a metà la Foresta Nera e ci porta alla Alvie House, splendida tenuta di campagna spesso utilizzata come teatro di serie televisive ed in lizza fino alla fine per essere teatro della scena finale di Skyfall, l'ultima iterazione della saga di 007.

 

Fuoristrada? No problem

Quando non è impegnata in riprese televisive la tenuta di Alvie viene impiegata per caccia (anatre e cervi) e pesca. A noi però, oltre alla cucina della suddetta cacciagione che ci viene servita per pranzo interessa la vicinanza con una quarry, una cava che rappresenta il teatro ideale per mettere alla prova le doti fuoristradistiche della Explorer. Posto che la XC non nasce per il fuoristrada estremo, la nostra avventura fra boschi e pietraie si rivela più facile del previsto. L'idea di manovrare oltre 260 chili di moto in fuoristrada non è troppo rassicurante, ma la Explorer digerisce gli sterrati con una facilità che ci lascia piacevolmente sorpresi.

 

Nonostante la massa, la Tiger se la cava decorosamente anche nell'offroad leggero
Nonostante la massa, la Tiger se la cava decorosamente anche nell'offroad leggero

Anche in quelle salite che ad una prima analisi, da fermi, ci avevano fatto corrugare le sopracciglia la Tigerona viene fuori a testa alta, e non impegna troppo neanche in discesa. Certo, l'impegno fisico non è banale e una volta entrati nei canali uscirne richiede sangue freddo, ma la splendida erogazione del tricilindrico ed una ciclistica davvero azzeccata permettono di cavarsela anche quando il gioco si fa, se proprio non duro, sicuramente almeno sporco.

 

Loch Ness

L'ultimo tratto di strada, in cui finalmente spunta un timido sole, ci porta sul Loch Ness. Non sappiamo se in quella lama d'acqua (è lungo 37 km e largo 1,6, profondo oltre 230 metri e da solo contiene più acqua che in tutta l'Inghilterra e il Galles messi assieme) che taglia a metà la Scozia si annidi veramente Nessie, il celebre mostro avvistato per la prima volta - nei tempi moderni perlomeno - esattamente 80 anni fa mentre siamo più sicuri, terminata la divertente strada lungolago, delle doti dinamiche della Explorer. Il sole e qualche grado di temperatura in più sciolgono il polso destro e ci permettiamo qualche allungo.

In questo frangente il motore della Explorer si mostra in tutta la sua immensità - regolare, fluido, corposo ai medi e grintoso agli alti, praticamente scevro da vibrazioni - e la ciclistica si conferma sana e propensa ad assecondare pruriti sportivi. E' vero, la Tigerona sacrifica qualcosa in termini di agilità sull'altare della stabilità, ma così facendo è possibile sfruttare senza timore le notevoli prestazioni del tricilindrico da 1215cc.

Il motore è immenso: regolare, fluido, corposo ai medi e grintoso agli alti. E la ciclistica si conferma sana e propensa ad assecondare i pruriti sportivi.

L'unica reale perplessità nasce dall'apparente conflitto fra una forcella tendenzialmente tarata sul morbido - regolare e comunicativa, nel contesto comunque di sospensioni a lunga escursione - e un ammortizzatore invece piuttosto rigido, che "spara" un po' sulle irregolarità. Niente di grave: i registri ci sono proprio per questo, e all'atto pratico il tutto funziona bene, ma la constatazione dà adito ad una piccola riflessione: con l'occasione di questo aggiornamento/allestimento particolare non sarebbe valsa la pena di offrire, almeno come optional, quelle sospensioni elettroniche considerate ormai de rigueur per la categoria?

Passiamo la notte in uno splendido Bed & Breakfast con pub incorporato (in cui mangiamo divinamente - se passate da queste parti il Loch Ness Inn è da visitare assolutamente, segnatevelo) e dopo una notte con il cielo sereno e pieno di stelle la pioggia torna a fare capolino. Ormai ci abbiamo fatto l'abitudine, e il già citato grip delle strade scozzesi ci permette comunque di non annoiarci sul tormentato lungolago. L'unica cosa a cui il cervello non riesce proprio a fare l'abitudine è la normalissima situazione in cui a centro curva si incontra una macchina. Ognuno dei due è sulla propria corsia, non stiamo correndo alcun pericolo, ma il solo fatto che l'automobile appaia sulla destra del nostro campo visivo fa si che il cervello mandi fortissimi segnali d'allarme, convinto che stiamo per finirgli sul cofano.

 

La terra del Whisky

I toponimi sui cartelli stradali si fanno sempre più frequentemente identici a quelli delle etichette più note degli Whisky scozzesi, e la tentazione di simulare una svista e buttarsi verso una laterale è davvero fortissima. Fortunatamente non ce n'è bisogno: il nostro giro prevede la visita alla distilleria Ben Nevis, una delle più antiche del territorio scozzese. Fondata nel 1825 da "Long" John McDonald (alto sei piedi e quattro pollici - un metro e novantacinque) rappresenta uno dei segreti più gelosamente custoditi del territorio scozzese: il suo blended è rinomatissimo fra i locali ma difficilmente reperibile altrove. Noi ne gustiamo un dram - l'empirica unità di misura minima usata per gli assaggi - ma non ne possiamo acquistare una bottiglia: curiosamente, la legislazione scozzese impedisce la vendita di alcolici prima delle 10 del mattino.

Un dettaglio dell'allestimento XC della Tiger Explorer
Un dettaglio dell'allestimento XC della Tiger Explorer

Ripartiamo dopo una formativa, ma giocoforza rapidissima, visita alla distilleria. Il nostro percorso si inerpica per le montagne esponendoci ancora una volta a pioggia e vento ma il panorama è davvero suggestivo - casette in pietra, torrenti con ponticelli e le montagne brulle ci trasportano sul set di Highlander - e la Explorer, ancora una volta, non ci mette mai in difficoltà. Il nostro deja vu cinematografico trova presto riscontro: la zona di Glen Coe, nota in passato per le atrocità commesse in uno scontro fra i clan Campbell e MacDonald, è stata appunto usata come set di Highlander, Braveheart e, ancora una volta, Skyfall - piccola curiosità, gran parte della zona è di proprietà proprio della famiglia di Ian Fleming, creatore della spia più famosa del mondo.

 

Viaggiatrice veloce

Dall'altro lato della vallata il cielo magicamente si apre, spunta il sole e il passo torna a farsi molto divertente. Da parte nostra notiamo che anche dopo un giorno e mezzo filato la sella non ci causa il minimo indolenzimento, ma soprattutto che non abbiamo mai percepito una sola volta la presenza della trasmissione cardanica. C'è il trucco: a Hinckley - oltre a progettare questo 1215cc in maniera da poter essere convertito con grande facilità ad una finale a catena per un eventuale impiego su altri modelli - hanno "spezzato" in due l'albero di trasmissione interponendo fra le due metà un inserto in gomma che ne ammorbidisce in maniera sostanziale le risposte.

La cosa ci permette di gustarci appieno la guida fino ad Inverawe, dove ci aspetta un'interessante visita che ci fa conoscere meglio il processo con cui viene prodotto il salmone affumicato. L'affumicatoio di Inverawe lavora ancora con metodi tradizionali, creando un prodotto dal gusto tanto delicato e raffinato da fruttare all'impresa gestita da Robert e Rosie Campbell-Preston il titolo di fornitori della Reale Casa britannica.

Il nostro giro è praticamente concluso - ci resta l'ultimo tratto di percorso che ci porterà a Dunblane, in attesa dell'aereo che ci riporterà in Italia. Le Highlands scozzesi si sono tenute il meglio per il finale: il sole scalda aria ed asfalto a sufficienza da consentirci una bella sparata su una delle più belle strade che abbiamo mai avuto modo di provare - la statale che collega Fort William a Dunblane attraversando il Parco Nazionale Trossachs con relativo Loch Lomond. La Explorer XC conferma la sua efficacia nella guida sportiva: il feeling sull'avantreno è eccellente (nel contesto della sua categoria, ovviamente), la ciclistica risponde con entusiasmo a qualunque sfida le lanciate e l'impianto frenante, che finalmente riusciamo a stressare un po', si rivela potente e instancabile pur se non troppo comunicativo alla leva.

Perdonateci ma non vi annoieremo ripetendovi per l'ennesima volta quanto sia bella l'erogazione del tre cilindri, in questa versione ancora più corposo del solito e con un ruggito agli alti veramente esaltante. Peccato che il ride-by-wire renda molto faticosa la pratica della "doppietta" in scalata - peraltro inutile, vista la dolcezza della trasmissione - perché l'udito ne trae un godimento non indifferente. Scendere di sella, a fine giornata, è davvero brutto.

 

Con un cilindro in più

Ad Hinckley, diversamente da chi ha scelto approcci alternativi al tema maxienduro, hanno evidentemente puntato dritti e senza timore al riferimento di categoria. La strategia ha pagato sul mercato globale - un po' meno in Italia - grazie ad un prezzo davvero accattivante, ad una sostanza che rende la Explorer una moto da intenditori e ad un'immagine che permette di non confondersi troppo con la massa.

La Explorer XC è una proposta validissima. Ha una dotazione di alto livello e soprattutto un propulsore che vi farà scendere da qualunque bicilindrica con la netta sensazione che le manchi qualcosa.

A questo prezzo, e con questa dotazione, la Explorer XC rappresenta una proposta validissima tanto per chi non disdegna l'occasionale puntata sugli sterrati veloci quanto per chi ne ama solo l'evocatività. Non sarà l'ultimissimo grido della tecnologia, ma può vantare una dotazione di alto livello, una lista di optional sconfinata e soprattutto un propulsore che vi farà scendere da qualunque bicilindrica con la netta sensazione che le manchi qualcosa.

 

Pregi


Erogazione Motore | Comodità e protezione | Versatilità e piacere di guida

 

Difetti


Baricentro alto e mole | Assenza optional sospensioni elettroniche | Risposta sospensioni disomogenea

 

  • Colqu, Decimomannu (CA)

    Da pochi mesi mi sono lasciato convincere da questo segmento moto. Le ho provate tutte prima dell'acquisto e tralasciando la componente estetica molto soggettiva arrivo alla Triumph convinto soprattutto dal motore potente e le promesse di non farmi mancare velocità e affidabilità. Devo dire che mi trovo molto bene anche se una cosa proprio non riesco a digerirla: la moto in strade a veloce percorrenza una volta raggiunta quota 170 km/ h barcolla nel posteriore bacchettando anche nell'anteriore. Non capisco perché, ho fatto presente la cosa in concessionaria e mi hanno detto che la moto non era fatta per tali velocità e devo dire che mi sembra strano visto che si presenta come una moto da viaggio. Per il resto è davvero fatta molto bene ma non mi sento di consigliarla a chi non ha una corporatura forte e massiccia visto il suo peso e la scarsa manovrabilità da ferma. Impossibile mettere il cavalletto centrale. Ottime le valige e il sound del motore.
  • Fraraptor, Roma (RM)

    presa

    perfetta per quello che devo fare io.
    unico difetto, deprezza di più quando la devi rivendere.
    per il resto ottima moto per qualità prezzo.
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Triumph Tiger Explorer XC SE 1215 ABS (2011 - 16)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Triumph
  • Modello Tiger Explorer
  • Allestimento Tiger Explorer XC SE 1215 ABS (2011 - 16)
  • Categoria Enduro Stradale
  • Inizio produzione 2011
  • Fine produzione 2016
  • Prezzo da 16.090 - franco concessionario
  • Garanzia 2 Anni di garanzia, 2 anni assistenza
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.248 mm
  • Larghezza 962 mm
  • Altezza 1.410 mm
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 837 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.435 mm
  • Peso a secco 259 Kg
  • Peso in ordine di marcia 267 Kg
  • Cilindrata 1.215 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 3
  • Configurazione cilindri in linea
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 85 mm
  • Corsa 71,4 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 137 cv - 101 kw - 9.300 rpm
  • Coppia 12 kgm - 121 nm - 6.400 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 20 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale albero
  • Telaio Tubolare a traliccio in acciaio
  • Sospensione anteriore Forcella USD KYB 46mm
  • Escursione anteriore 190 mm
  • Sospensione posteriore Monoammortizzatore KYB con serbatoio dell'olio separato, regolazione idraulica del precarico e freno in estensione,
  • Escursione posteriore 194 mm
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 305 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 282 mm
  • ABS
  • Tipo ruote raggi
  • Misura cerchio anteriore 19 pollici
  • Pneumatico anteriore 110/80 R 19
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 150/70 R 17
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Triumph

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta