Eventi

World Ducati Week 2014, conto alla rovescia per l’ottava edizione del WDW

- Dal 18 al 20 luglio la riviera si tingerà ancora una volta di rosso. Moto, piloti, divertimento e tanta passione fra Borgo Panigale, il Misano World Circuit “Marco Simoncelli” e la vita notturna delle capitali del divertimento romagnole
World Ducati Week 2014, conto alla rovescia per l’ottava edizione del WDW

Sono passati già due anni dalla scorsa edizione del World Ducati Week, il raduno mondiale dedicato ai fan delle moto di Borgo Panigale. Sembra ieri, e invece è già partito il conto alla rovescia per l’edizione 2014, alla quale spetta il non facile compito di migliorare ulteriormente tutti i record stabiliti due anni fa. 65.000 visitatori da ben 52 nazioni, 11.520 giri di pista inanellati, 16 piloti di otto team Ducati impegnati nel Motomondiale e nella Superbike, ma anche 300 metri di barbecue allestiti nella spettacolare rustida (grigliata, per i non romagnoli) che ha sfamato tutti i presenti.

Il conto alla rovescia, dicevamo, è iniziato oggi quando Ducati ha lanciato ufficialmente l’ottava edizione del World Ducati Week, che nel 2014 si sposta a luglio, nel fine settimana (lungo) dal 18 al 20, con le città di Riccione, Misano, Cattolica ma anche la Repubblica di San Marino pronte ad accogliere tutti gli appassionati già dalle sere precedenti per godere la vita notturna (tenete d’occhio la pagina Facebook World Ducati Week o il feed twitter @ducatimotor, hastag #worldducatiweek per scoprire le tante attività organizzate) e le possibilità turistiche offerte dalla zona.

 

La gustosa presentazione ospitata da Ducati oggi ha mostrato un territorio orgoglioso di questa partnership con la Casa bolognese: Pietro Cecchini, sindaco di Cattolica, Stefano Giannini, la sua controparte di Misano Adriatico, ma anche l’assessore al turismo di Riccione Simone Gobbi e Alice Mina, segretaria al turismo della Repubblica di San Marino, hanno mostrato grande entusiasmo e attesa per l’edizione 2014. La pacifica invasione rossa del 2012 ha lasciato ottimi ricordi in riviera romagnola, e da quelle parti non vedono l’ora di offrire nuovamente ospitalità ai motociclisti in arrivo, organizzando anche diverse iniziative “fuori salone”, come usa dire di questi tempi, per riempire ogni momento libero – oltre ai recapiti già citati sopra, Ducati metterà a disposizione una app dedicata gratuita per dispositivi mobili grazie alla quale restare informati su tutte le attività e opportunità offerte dalla zona.

Motociclisti che, come ricorda Cristiano Silei (direttore vendite Ducati), quest’anno potrebbero essere ancora di più e ancora più variegati nella provenienza, se è vero che la Casa di Borgo Panigale ha ancora una volta aumentato i propri volumi di vendita ed esteso la propria distribuzione su addirittura 90 paesi contro i circa 80 dell’edizione precedente. L’entusiasmo c’è anche da parte dei piloti: Andrea Dovizioso e Carlos Checa hanno tenuto a battesimo questo simbolico lancio del WDW, dimostrando quanto possa essere contagiosa la passione rossa.

 

I piloti: ci sarà da divertirsi

«Ho già vissuto un’edizione del WDW, quella del 2012» dice Carlos Checa, oggi testimonial Ducati, che non ha perso il senso dell’umorismo. «Però aspetto con ansia la gara di accelerazione: ci punto molto, essendo l’unica che farò in questa stagione per me vuol dire molto»

Andrea Dovizioso e Carlos Checa scherzano in attesa di sfidarsi nella drag-race con i Diavel Carbon
Andrea Dovizioso e Carlos Checa scherzano in attesa di sfidarsi nella drag-race con i Diavel Carbon

Dovizioso mostra invece grande curiosità per l’evento. «Credo che sarà bellissimo vivere da dentro la passione Ducati. Anche perché, a differenza dei weekend di gara, in cui siamo concentrati sul risultato, al WDW avremo tempo di dedicarci di più ai nostri fan e goderci un evento in cui potremo vivere la nostra passione da protagonisti ma anche un po’ da spettatori. Certo, non vi nascondo che tre giorni così intensi mi preoccupano un po’, ma sono sicuro che sarà un’esperienza indimenticabile»

Al momento attuale – la lista è passibile di aggiunte – saranno presenti per la MotoGP Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow, Andrea Iannone e Yonny Hernández, oltre al collaudatore Michele Pirro. Ci saranno naturalmente anche i due piloti ufficiali in Superbike Davide Giugliano e Chaz Davies, insieme a Niccolò Canepa, Tati Mercado e Ondrej Jezek, nonché quelli della STK Fabio Massei e Alex Schacht.

Ma non saranno solo loro ad animare il WDW: in occasione di una ricorrenza importantissima – il ventesimo compleanno di un modello storico come la 916 – arriveranno i piloti più amati dai Ducatisti: Troy Bayliss, Carlos Checa, “King” Carl Fogarty, Piefrancesco Chili, Doug Polen, Régis Laconi e Giancarlo Falappa. Il sabato tutti si sfideranno anche quest’anno nella gara di accelerazione in sella ai Diavel Carbon sul rettilineo di partenza del circuito.

 

Spettatori, ma anche protagonisti

Oltre ai piloti attuali arriveranno leggende come Troy Bayliss, Carlos Checa, “King” Carl Fogarty, Piefrancesco Chili, Doug Polen, Régis Laconi e Giancarlo Falappa.

Il WDW non sarà soltanto un’occasione per lustrarsi gli occhi: ci sarà anche da guidare. Oltre ai tradizionali giri in pista, si potranno provare le ultime novità della gamma Ducati, e chi vuole conoscere meglio le zone circostanti il circuito potrà iscriversi ai WDW Tour, giri guidati in moto che permetteranno anche di conoscere meglio la Repubblica di San Marino. La parentela con Audi riporterà anche, come nel 2012, le auto di Ingolstadt nel paddock. Da vedere ma anche da provare, perché gli appassionati avranno l’opportunità di divertirsi in pista anche con le quattro ruote.

Chi vuole approfondire gli aspetti più tecnici potrà approfittare della Ducati University (in cui interverranno dal vivo tecnici e piloti Ducati), mentre chi ama le special gusterà sicuramente l’ormai tradizionale concorso Ducati Garage Contest. Non mancheranno naturalmente anche pitwalk con sessioni di autografi con i piloti, l’area storica e tante altre opportunità di divertirsi: il culmine della tre giorni si avrà il sabato sera, dove la tradizionale festa sarà preceduta da un’altra, colossale rustida per tutti i partecipanti: come ha spiegato Umberto Trevi, vicepresidente di Santamonica Spa, tutti i bagnini dei comuni della Riviera coinvolti nel WDW organizzeranno e gestiranno una colossale grigliata per scaldare la serata.

 

Non ultima la presenza nel paddock dei tradizionali partner Ducati: Tudor, TIM e Termignoni che sarà presente con i suoi scarichi sia nell'area operativa dove, in collaborazione con il Service Ducati, sarà possibile installarli direttamente durante l’evento, ma anche nell’area “Heritage”, dove esposizione, servizi e consulenza saranno a disposizione dei partecipanti al WDW2014. Non mancheranno anche Pirelli, Bosch (che offrirà la possibilità di testare l'ABS moto) e Shell.

 

I biglietti

I biglietti sono già in vendita online, sul sito ufficiale della manifestazione, e resteranno disponibili fino al 13 luglio; dopo quella data si potranno acquistare presso il circuito a partire dal 17. I biglietti saranno di due tipologie, per un giorno solo o per le tre giornate, e potranno essere pass motociclista (ovvero per moto + pilota) oppure passeggero/visitatore, ovvero per chi si presenterà da… zavorra o con altri mezzi.

Contestualmente sarà possibile visitare Fabbrica e Museo Ducati, aperti dal 16 al 21 luglio con visite guidate dalle 9.30 alle 16 (il museo resterà aperto fino alle 17.30) senza necessità di prenotazione. Prezzi agevolati per i partecipanti al WDW; tutte le informazioni, naturalmente, sul sito del WDW.

Il circuito aprirà venerdì 18 luglio (ma vi ricordiamo gli eventi collaterali già dal giovedì sera) a partire dalle 9, fino alla chiusura della domenica sera, quando darà appuntamento agli appassionati per la gare della MotoGP: il Misano World Circuit “Marco Simoncelli” è infatti uno dei sei al mondo e l’unico in Italia ad ospitare Superbike (22 giugno) e MotoGP (14 settembre) nella stessa stagione.

 

  • paolo.marcuzzi, Campolongo Tapogliano (UD)

    ?????

    Perché chiamarlo?Senza di lui i risultati sono decisamente migliorati,perchè ricordare gli insuccessi del recente passato.Ma non capisco perché molti ducatisti parlano piu' spesso di Rossi che del Dovi o di Crutc.
  • Alberto.Ferrari, Bologna (BO)

    WDW 2014

    Rossi...l'avranno chiamato?
Inserisci il tuo commento