We.Together: Ducati per la diversità e l'inclusione

We.Together: Ducati per la diversità e l'inclusione
Moto.it
  • di Moto.it
Continua l’impegno per la tutela dei diritti e del benessere dei dipendenti, con un ambiente di lavoro sempre più inclusivo ed eterogeneo grazie a un evento interno organizzato dal gruppo Audi. Una serie di conferenze aperte a tutti i dipendenti del gruppo per capire cosa significano la diversità e l’inclusione
  • Moto.it
  • di Moto.it
26 maggio 2022

Il Mese europeo della diversità è una ricorrenza annuale dedicata all’importanza dell’integrazione, dell’apertura e del rispetto verso le diversità nei luoghi di lavoro e nella società. Ducati, da sempre molto attiva verso il benessere delle persone attraverso l'eliminazione della discriminazione relativa a impiego e occupazione, genere, età, background e correnti di pensiero, considera la diversità una risorsa e cerca quindi di rafforzare il senso di appartenenza di ogni suo dipendente incoraggiando la condivisione delle proprie esperienze e lo sviluppo individuale.

I punti di partenza sono l’ascolto e il dialogo costante e reciproco; per questo l’azienda prenderà parte a We.Together, un evento interno organizzato da Audi in collaborazione con il network internazionale di cui Ducati fa parte insieme a Bentley, Italdesign e Lamborghini. Si tratta di ben 78 sessioni interattive tra panel, keynote e momenti di networking per un totale di 65 ore di dialogo aperto sul tema della diversità e dell’inclusione in 9 lingue diverse.

L'idea di We.Together è quella di favorire il contatto fra tutti i membri del Gruppo, trovando punti di contatto e partecipando in prima persona per mostrare la propria unicità, essere fonte d’ispirazione per chi ascolta, dare il proprio spunto e mettere le proprie idee al servizio della collettività per contribuire all’inclusione.

Ducati intraprende quest’iniziativa con impegno e serietà, convinta del fatto che la ricchezza di diversità generi valore, eccellenza e innovazione. Al centro della strategia HR di Borgo Panigale c’è la cultura di appartenenza, che si traduce da una parte nella spinta verso il rispetto, l’alleanza, la collaborazione e la sinergia tra dipendenti e dall’altra nell’impegno verso il valore dell’inclusione, perché tutti possano sentirsi accolti, ascoltati e consapevoli del grande potenziale di ciascuno.

Argomenti

Ultime da News

Hot now

Caricamento commenti...