Novità tre ruote

Quadro: in arrivo la versione 350S

- Va in vendita lo scooter a tre ruote Quadro 350S, equipaggiato con motore a 4 valvole e 27 cv. Ha sospensioni con taratura comfort, sella più accogliente e nuova strumentazione. Disponibile da luglio a € 6.990,00
Quadro: in arrivo la versione 350S


Un nuovo motore a 4 valvole e 27 CV, nuove sospensioni con taratura comfort, sella ancora più accogliente grazie a un design rinnovato, nuova strumentazione studiata per essere più visibile e completa, maniglione posteriore altamente ergonomico. Sono solo alcuni dei 21 aggiornamenti tecnici e stilistici con cui il nuovo 350S, evoluzione del 350D, il primo scooter a tre ruote lanciato da Quadro Vehicles SA nel 2011, si presenta da oggi al mercato. Il nuovo Quadro 350S si propone oggi con aggiornamenti sostanziali che lo rendono adatto a un’utenza sempre più ampia e alla ricerca di un veicolo affidabile, sicuro e confortevole.


Nuovo motore


Quadro 350S è equipaggiato con un nuovo motore monocilindrico ridisegnato da 346 cc, 4 valvole, nuovo albero a camme in testa, nuova centralina EFI, 27 CV a 7.000 giri/minuto, una coppia massima di 25,2 Nm a soli 5.750 giri/minuto. La prontezza e la fluidità dell’erogazione consentono al Quadro 350S di affrontare con la massima sicurezza tutte le condizioni stradali, dalle trafficate e disconnesse strade in città, fino ai percorsi extra-urbani di breve e medio raggio.


Feeling e sicurezza


Quadro 350S è stato concepito con l’obiettivo di garantire la massima sicurezza all’utente. Una delle peculiarità più importanti di Quadro 350S legata al fattore sicurezza è rappresentata dal sistema frenante, che sfrutta l'azione combinata di tre freni a disco, uno per ogni ruota, riducendo gli spazi di frenata anche in situazioni di emergenza. Il freno a pedale posizionato sul lato destro della pedana, agevola le eventuali frenate d’emergenza con l’uso del piede. Quadro 350S permette di frenare anche in curva, senza il rischio di perdere stabilità e aderenza al terreno. Quadro 350S è, inoltre, dotato di una leva di parcheggio che consente di bloccare la ruota posteriore e il sistema HTS anche in condizione di sosta del veicolo su superfici sconnesse e senza l’utilizzo del cavalletto laterale (presente sul veicolo).


Comfort


La sella è stata completamente ridisegnata e si presenta con una nuova imbottitura e una nuova copertura molto accogliente e confortevole sia per il conducente sia per il passeggero, garantendo allo stesso tempo una posizione di guida molto naturale. Nuovo è il disegno della strumentazione, completamente rivista per una migliore consultazione in condizioni diurne e notturne, e che vede l’aggiunta di due nuove spie luminose quali la temperatura esterna e quella dell’acqua. Pratiche le due pedanine posteriori estraibili in presenza del passeggero, e funzionali le manopole caratterizzate ora da un nuovo disegno a garantire un miglior grip per il conducente. A completare uno stato di comfort complessivamente migliorato sul Quadro 350S, le nuove sospensioni posteriori che presentano una nuova taratura comfort in grado di assorbire al meglio tutte le asperità dei fondi stradali, anche quelli più sconnessi.


Stabilità


Quadro 350S è dotato all’anteriore di un sistema di sospensioni oleo-pneumatiche rivoluzionario e brevettato a livello internazionale denominato HTS (Hydraulic Tilting System), che ne caratterizza il comportamento in ogni condizione di guida, anche la più impervia. La versatilità di questo innovativo sistema di sospensioni idrauliche in costante evoluzione, e che sul Quadro 350S garantisce una sempre maggiore scorrevolezza e precisione, permette di allineare costantemente le ruote ai piani di appoggio, conservando così l’assetto di guida in posizione corretta e stabile, anche in circostanze di equilibrio precario (dossi e avvallamenti, rotaie, ostacoli bassi improvvisi, etc.). Questa innovativa struttura basculante è in grado di garantire all’utente più esperto angoli di piega di tipo motociclistico.

L’ampio vano sottosella
L’ampio vano sottosella


Peso contenuto


Il peso contenuto in soli 200 kg, il più basso della sua categoria, consente una guida agile e scattante per superare agilmente gli ostacoli, districarsi facilmente nel traffico quotidiano e ‘piegarsi’ in tutta sicurezza. L’ampio vano sottosella che si apre direttamente dal blocchetto accensione, è in grado di contenere due caschi demi-jet, o in alternativa un casco integrale e un demi-jet, o addirittura un casco demi-jet e una borsa di ampie dimensioni. Due i vani inseriti nella scossa, uno più grande che include una presa accendisigari o di collegamento dei dispostivi elettronici, e uno più piccolo in grado di contenere gli oggetti di piccole dimensioni. Non manca un nuovo maniglione posteriore realizzato in tinta con la carrozzeria dello scooter, ergonomico e predisposto per accogliere il bauletto posteriore (accessorio).


Gli accessori


Quadro 350S presenta una linea accessori che consentono di personalizzare il veicolo in base alle specifiche esigenze dell’utente. Un bauletto posteriore in tinta con il veicolo, con capacità di 50 litri e di facile ancoraggio al maniglione posteriore, una coperta coprigambe realizzata in neoprene per un maggior comfort di utilizzo in condizioni di clima anche rigido, e un parabrezza più alto e protettivo utile nei viaggi a breve-medio raggio sui tratti extra-urbani, che consente una netta deviazione del flusso d’aria dal volto del conducente, conservando così una perfetta aerodinamicità.

Le colorazioni e il prezzo


Quadro 350S è disponibile dal mese di luglio presso la rete vendita ufficiale Italia a € 6.990,00 Franco Concessionario, nelle quattro colorazioni White Snow, Blue Ocean, Raw Black e Steel Grey.

  • Gibix, Casnate con Bernate (CO)

    incredibile

    come il look GS approdi anche nel segmento scooter.
    a livello estetico preferisco Piaggio, che ha il sistema bascullante più compatto e motociclistico, non automobilistico come la diretta concorrenza.
    da strafelice possessore di un MP3, devo dire che sono mezzi fantastici, per comfort, feeling di guida, senso di sicurezza, stabilità in frenata e sui fondi viscidi e sconnessi. e non è assolutamente vero che sono "non moto", ingombranti, pesanti, poco maneggevoli rispetto ai due ruote tradizionali. sono esattamente la stessa cosa e danno le stesse sensazioni, anzi, molto di più. personalmente, non tornerò più indietro.
Inserisci il tuo commento