l'intervista

Nuova Super Ténéré, intervista a Paolo Pavesio

- Paolo Pavesio, Marketing & Communication Division Manager at Yamaha Motor Italia, ci presenta l'ultima nata di casa Yamaha, la tanto attesa nuova Super Ténéré
Nuova Super Ténéré, intervista a Paolo Pavesio

Mentre state leggendo queste righe, il nostro Andrea Perfetti è impegnato a scoprire i segreti, statici e dinamici, della “nostra” Super Ténéré, la prima arrivata in Italia, per poi potervi raccontare, con dovizia di particolari e con alcuni rilevamenti strumentali, come va questa moto tanto attesa e oggetto di discussione. Intanto, vi anticipiamo un’interessante video-intervista al dottor Paolo Pavesio, Marketing & Communication Division Manager di Yamaha Motor Italia. Il quale è ovviamente molto convinto delle potenzialità di questa moto così importante per Yamaha: «L’ho usata in questi giorni, e devo dire che le grandi aspettative degli appassionati sono legittime!» ci ha raccontato, con un certo entusiasmo, mentre osservavamo insieme la moto nel paddock di Monza, tra una manche e l’altra del Mondiale Superbike.

Ecco un sunto della nostra video-intervista:

Dottor Pavesio, finalmente è arrivata, questa nuova Superténéré che ha ovviamente creato un grande scalpore e una grande attesa da parte di molti, nostalgici e non… Quando si è iniziato a lavorare su questo progetto, e con che presupposti?
«Ovviamente sono anni che pensiamo a quale sarebbe potuto essere il futuro della stirpe Super Ténéré, e abbiamo iniziato a lavorare sul progetto tre anni fa. Molti utenti molto esigenti si stanno ormai orientando su prodotti di alta qualità complessiva e dall’immagine forte, più che di elevate prestazioni: moto da poter usare sempre e per ogni tipo di esigenza. Questa moto si rivolge a loro».

Chi sono stati i vostri interlocutori principali, dai quali attingere opinioni e suggerimenti? Avete organizzato dei focus con concessionari e utenti?
«Certamente abbiamo parlato con i clienti Yamaha, ma ovviamente anche con potenziali clienti attenti a questo tipo di prodotto. Ma soprattutto, trattandosi di “questa” moto, abbiamo guardato dentro casa nostra, dove c’erano e ci sono persone che già crearono la Super Ténéré 750: ingegneri e tecnici giapponesi, ma anche, e soprattutto, personaggi europei di grande spicco, come il mitico JCO, ovvero Jean Claude Olivier, deus ex-machina per trent’anni di Yamaha Moto France e da pochissimo in pensione: questa nuova moto è un po’ una sua eredità».

Leggendo i numerosi commenti nei vari siti e nei blog, salta fuori che molti appassionati si attendevano un prodotto più vicino allo spirito della vecchia XT750Z di vent’anni fa: quindi una moto più leggera e di cilindrata meno impegnativa, insomma…
«Questa moto non è un’operazione “vintage”, ma un modello che guarda al futuro e alle esigenze degli utenti attuali. Una moto perfettamente a suo agio su asfalto, ma che non si ferma assolutamente davanti ad alcuno sterrato. Moto per turisti ad ampio raggio ma anche per uso cittadino. In quest’ottica, abbiamo voluto compendiare una cilindrata più alta, performance generali superiori e un comfort superiore per un grande piacere di guida in ogni situazione».

Il riferimento alla moto leader settore è chiarissimo. Che cosa offre la nuova Supertenere a chi cerca un’alternativa alla BMW GS?
«La BMW sta dominando un segmento di mercato importante anche perché non ha mai avuto un competitor che potesse offrire tutto quello che offre la GS. Noi abbiamo fatto in modo di soddisfare le medesime esigenze degli utenti creando un prodotto con peculiarità specifiche, con di serie tutta l’elettronica necessaria per la massima sicurezza, pensata per cosentire al pilota la massima sicurezza con il massimo divertimento, e con la sensazione di “guidare” la moto, non di “farsi guidare” da essa, specie con questa First Edition, che di serie monta moto valigie, piastra paramotore e protezione dei fari».

Questa moto monta una gomma posteriore da 150, evidentemente per poter montare anche pneumatici molto tassellati. Ed è ricchissima a livello di elettronica. Però l’ABS non è disinseribile…
«Si tratta di una scelta chiara e voluta: vogliamo che chi decide di fare fuoristrada possa montare gomme adatte, e vogliamo che l’elettronica non sia invasiva in fuoristrada; quanto all’ABS, non è disinseribile perché vogliamo evitare che un pilota distratto, tornando da un’escursione su sterrato, possa scordarsi di riattivarlo una volta tornato sull’asfalto».

Quando vedremo la moto dai concessionari, e a che prezzo?
«Proprio in questi giorni, abbiamo già iniziato le prime consegne, ed entro fine maggio tutti coloro che l’hanno prenotata online (dall’8 marzo scorso, ndr) la riceveranno. In più, tutti i concessionari avranno una moto da far vedere, e un centinaio (su 180) di essi anche da far provare. La moto costa 15.290 Euro, franco concessionario, comprendente anche il migliaio di Euro degli accessori in più montati su questa First Edition».

Sono previsti appuntamenti con gli appassionati per far provare loro la moto?
«Certo. Il primo è il “porte aperte” del 21-23 maggio, poi la moto sarà comunque disponibile tutto l’anno presso i concessionari».

Guarda il video dell'intervista


 

 

  • aguzzino, MODENA (MO)

    a Paolo Pavesio

    Capisco che le devi fare pubblicità ma stai parlando a dei motociclisti non ad una sala di politici assonnati.
    La moto c'è a chi piace e a chi no, de gustibus, anche se non si puo negare che sia un bel ferro, poi le polemiche sul prezzo, peso, fanaleria, gomme, motore, olio, trucco e quant'altro rimangono esclusivamente alla fine personali.
    Le critiche più che fastidiose sono altamente costruttive, poi a ognuno il suo dove spendere i suoi soldi.
    La cosa che mi ha un po infastidito nell'intervista è primo la lunghezza, poi la voglia di screditare in tutti i modi un ferro con indubbie qualità come la tedescona di razza, a mio avviso più che criticare i mezzi altrui è meglio valorizzare i propri senza perdersi in discorsi inutili, come chi ha già fatto notare quello di aver sentito i clienti Yamaha (ma dai chi ci crede!), cosa che ai bikers sta proprio sulle balle!!
    Consiglio, da piccolo motociclista che sono, sii più diretto e perditi meno in discorsi che non dicono nulla e sopratutto gonfiati...dai su!!
    lamps
  • r1100rt01, Agrate Brianza (MB)

    Troppo cara....

    Ribadisco quanto già detto altre volte.
    Troppo cara. Non puoi scontrarti con un "fenomeno" come la GS, super collaudata, un assegno circolare sull'usato etc. proponendo qualche cosa che costa come BMW.Devi invitare i probabili futuri clienti con qualcosa di più economico.Non penso di essere un guru del marketing!Comunque non è una "breaking news". O in Italiano"niente di che".

    P.S. Ma le varie Yamaha (e aggiungo anche Honda) che possibili clienti stanno sentendo??? C'è la coda di persone che richiede la supertenerè 750 e Honda Africa Twin! Moto di sicuro più facili, versatili e usabili in fuoristrada.
    Io sono qui. Quando le varie case vorranno chiedermi un parere, contattatemi.E come me credo gran parte dei lettori di Moto.it.
    LAMPS
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Yamaha XT1200Z Super Ténéré First Edition (2010 - 11)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Yamaha
  • Modello XT1200Z Super Ténéré
  • Allestimento XT1200Z Super Ténéré First Edition (2010 - 11)
  • Categoria Enduro Stradale
  • Inizio produzione 2010
  • Fine produzione 2012
  • Prezzo da 15.290 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.250 mm
  • Larghezza 980 mm
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 845 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco 261 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 1.199 cc
  • Tipo motore n.d.
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri in linea
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 110 cv - 81 kw - 7.250 rpm
  • Coppia 12 kgm - 114 nm - 6.000 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 23 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale n.d.
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore n.d.
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore n.d.
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 310 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 282 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 19 pollici
  • Pneumatico anteriore n.d.
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore n.d.
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Yamaha

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta