L'Editoriale di Nico

Nico Cereghini: “La Desmosedici e la 175”

- Dopo la presentazione, un giro al museo Ducati. Tra tante splendide moto da corsa e di serie spunta una Sport che mi fece tremare i polsi. Certo che la Ducati è unica al mondo…
Nico Cereghini: “La Desmosedici e la 175”

Ciao a tutti! Dopo la presentazione Ducati GP, della quale già sapete tutto, ieri a Borgo Panigale siamo finiti nel celebre museo dove era stato sistemato il buffet. Lanciarsi su un piatto di lasagne di fianco alle moto di Paul Smart, Mike Hailwood, Troy Bayliss e Loris Capirossi fa un certo effetto, anzi, diciamo pure che assomiglia molto a un sacrilegio: ma d’altra parte è stata la Ducati a combinare i miti con la pasta, l’ora era quella giusta e il catering di qualità, dunque nessuno è rimasto lì a sottilizzare. Ci credete che tra tante bicilindriche e quadricilindriche pluridecorate mi sia sentito attratto in modo speciale da una semplice mono? Chi conosce un po’ la storia di Borgo Panigale può capirmi senz’altro.
 

Parlo della terza moto che si trova sul percorso museale, dunque una delle più antiche: la 175 Sport in versione corsa, la famosa F3. Ducati dice che può essere considerata l’antesignana delle moderne Superbike, in quanto moto di serie trasformata per vincere in pista; e questo esemplare vinse addirittura la classe 175 nel GP delle Nazioni a Monza del 1958, ultima prova del campionato mondiale, guidata dall’ex meccanico del reparto corse Francesco Villa da Modena, fratello di Walter. Io di quella vittoria non ricordo nulla, ero un bimbetto, ma la 175 Sport è una delle moto che mi sono rimaste nel cuore, con quel serbatoio così particolare, quei colori eleganti, il suono possente del suo scarico Silentium. Silentium di nome e non di fatto. Vista lì, al museo, tra la Marianna e la 250 bicilindrica del giovane Mike The Bike, mi ha fatto sobbalzare… indietro nel tempo.
 


Avevo quindici anni e un vicino di casa grande motociclista con il box pieno di leccornie. Un giorno questo sant’uomo era lì sul marciapiede che trafficava sulla 175 Sport e a me, che sbavavo nei pressi senza nemmeno fiatare, incredibilmente chiese: “Vuoi farci un giro?” Non ho la patente, ho solo quindici anni balbettavo, ma lui niente, terminò la sostituzione di un cavo, mise in moto la Sport e mi disse soltanto “la prima in alto”. Negli anni Sessanta capitavano anche questi miracoli, e l’accelerazione della 175 Ducati mi è rimasta nello stomaco. Non avevo mai provato un’emozione simile, e devo dire la verità: non l’ho mai più provata. Perché la prima volta che si scopre l’inaspettata leggerezza della moto potente, il volare sulla strada in quella che pare un’assoluta assenza di peso, lo sapete benissimo anche voi: resta scolpita nel cuore.


E mi è venuto da pensare una volta di più che la Ducati è una gran cosa. Esistono tante altre belle moto, al mondo, ma non esiste un’altra Casa motociclistica così indissolubilmente legata al racing ben fatto, alla pista, ai grandi piloti. Dal dopoguerra ad oggi è sempre rimasto intatto, accuratamente conservato, quel filo che lega direttamente il ducatista all’essenza delle corse.

La Desmosedici e la 175
  • enrico.giani, Gubbio (PG)

    Complimenti a MHR per come ha descritto le sue emozioni. Devo dire che la sensazione di potenza e leggerezza io l'ho provata quando due amici di una mia amica stavano ripartendo per Milano da vicino Potenza ( bellissime vacanze estive lunghe di quando si stava via 2 mesi e si provavano tutte le moto circolanti in paese e quella Ducati 750 GT nera con i K 81 mi emozionava tanto).
    Ivano capì e mise in moto con la pedivella e mi disse ; vai !
    Avevo 22 anni e la mia moto era una Suzuki 380 nera con ruote a raggi.
    Provai davvero una sensazione sconosciuta di potenza e di appoggio in curva che mi era sconosciuta.
    Addirittura più esaltante di quella che avvertivo quando il caro Giovanni mi faceva guidare la sua Kawasaki 750 2t che era un'astronave per me !
    Grazie dei bei ricordi che fate affiorare e grazie a Nico che ci mette l'anima in tutto quello che scrive.
    Enrico di Gubbio
    ( attualmente ho una SS 900 del 2001 e una ST4 del 2002 che sono davvero emozionanti da quel punto di vista)
  • 900MHReplica, Torino (TO)

    La Ducati ha fatto spesso moto bellissime, ricordo ancora quando, sedicenne nel 62", mi rifacevo gli occhi davanti alle vetrine del concessionario dove era esposta la favolosa 125 Sport sfolgorante di oro,azzurro e cromature e con quella scultura di monoalbero a coppie coniche! Purtroppo 209.000 lire f.f. erano più lontane della cima dell'Everest. Poi gli anni 70', Honda 500, Suzuki GS750, Kava 900, tutte fantastiche ma quando finalmente sono arrivato alla 900MHR e' stato diverso, sulle Langhe bastava inclinare le spalle per curvare e il battito del pompone che si sincronizzava con quello del cuore e ci rimarrà per sempre ...
Inserisci il tuo commento