Le nuove BSA saranno costruite in Inghilterra

Le nuove BSA saranno costruite in Inghilterra
Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
Prende forma il progetto di rilancio del marchio britannico di proprietà indiana: progettazione e produzione saranno in Inghilterra. Cilindrata prevista: 750 cc
  • Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
4 gennaio 2019

Torneranno a essere costruite in Inghilterra le moto BSA, dopo che erano uscite di scena nel lontano 1972 quando Norton acquisì Triumph – che mantenne attiva - e appunto BSA che decise di chiudere.
Lo ha annunciato l'attuale proprietà del marchio, la società indiana Classic Legend Private Limited che per il 60% è controllata dal colosso dell'automotive Mahindra & Mahindra ed è stata fondata da Anand Mahindra, Anupam Thareja e Boman Irani.

Classic Legend ha acquisito anche il marchio Jawa e con quello ha già presentato delle nuove moto fino a 350 cc (modelli Forty Two e Perak) destinate al mercato interno. Ma mentre le Jawa sono costruite nell'ex stabilimento Mahindra Two Wheeler Ltd di Pithampur (progetto e vendita gestito da Classic Legend e produzione appaltata a Mahindra Group), le BSA saranno lanciate prima nei mercati occidentali e successivamente in India. Soprattutto saranno disegnate e costruite in Inghilterra, anche se non si ancora che cosa sarà effettivamente costruito in quel paese o se si tratterà principalmente di assemblaggio.

 

Naviga su Moto.it senza pubblicità
1 euro al mese

 

Anupam Thareja ha raccontato a Times of India che se le Jawa sono sviluppate per il mercato locale, le BSA sono rivolte al mercato globale e solo in un secondo tempo saranno disponibili anche in India.
Ovviamente servirà un nuovo motore poiché Classic Legend sfrutta attualmente soltanto due piattaforme di 293 e 334 cc, nate dal propulsore Mahindra montato sulla serie Mojo. Si parla quindi di un ipotetico 750 che possa competere con le nuove bicilindriche Royal Enfield 650 già positivamente in vendita.

Argomenti