cinema

CR&S. Le moto milanesi sbarcano a Hollywood

- Il docu-film “Vundes Vun van a Man”, il viaggio di 11 "vunici" sull’Isola di Man a bordo di una CR&S, ha vinto l’All Sport Film Festival di Los Angeles



 Le moto CR&S sbarcano a Hollywood grazie al docu-film “Vundes Vun van a Man” di Raffaele Canepa prodotto da Key Frame in collaborazione con la casa motociclistica milanese. La pellicola è stata premiata come migliore documentario straniero alla seconda edizione di “All Sport Film Festival” di Los Angeles e si è classificata seconda nella graduatoria generale della categoria. Dopo l’avventura americana il docu-film tornerà in Europa per partecipare all’Heart of England International Film Festival in programma dal 10 al 15 agosto a Tamworth.

Il documentario racconta il sogno di ogni motociclista, che undici temerari VUNICI, ossia proprietari di una CR&S VUN e frequentatori di uno dei più originali moto club d’Italia, hanno realizzato nel 2007 sull’Isola di Man. Qui si svolge la famosa T.T. una gara unica al mondo il cui tracciato si snoda per 360 km in un circuito cittadino. Il viaggio è stato realizzato in occasione del centesimo anniversario dall’istituzione della gara (1907-2007) per assistere alle imprese del team Patton impegnato nella corsa.
Una competizione molto pericolosa sia per i corridori sia per gli spettatori: il pubblico può mettersi ovunque, a suo rischio e pericolo, anche a un metro di distanza da moto che sfrecciano a 300 km all’ora.

«Venire un giorno qui con la mia moto è sempre stato un sogno per me. Adesso ci sono riuscito.» Il fondatore della CR&S Roberto Crepaldi, che aveva più volte partecipato alla gara prima come supporto tecnico di John Britten e della sua BRITTEN V 1000, poi come team in proprio CR&S, ha vissuto l’emozione di tornarci con la VUN, la prima moto costruita con il proprio marchio, una monocilindrica stradale monoposto, leggera e maneggevole, dotata di tecnologia avanzata, di cui vengono prodotti circa 30 pezzi ogni anno.

Ora il team CR&S sta lavorando al secondo modello, la DUU, bicilindrica techno-custom che entrerà in produzione a partire dall’anno prossimo. La CR&S DUU è una naked del settore Premium che, presentata in anteprima all’ultima edizione dell’Eicma, ha già raccolto l’apprezzamento degli appassionati e oltre 100 prenotazioni per il 2011. L’originale design che mostra i muscoli, mettendo in evidenza un potente propulsore americano da 1916 c.c. firmato S&S X-Wedge, e la capacità di sintetizzare il meglio delle tradizioni motociclistiche occidentali, le hanno permesso di conquistare un posto al MAD-Moto Arte Design tra i capolavori delle due ruote degli ultimi cinquant’anni.

Modelli diversi, ma un’unica passione, lo stesso spirito d’avventura e la voglia di provare sensazioni estreme in sella alla propria moto. «Il Vunico rappresenta il tipo di motociclista a cui si rivolgono le nostre moto: una persona che non si omologa alla massa, ma fa scelte mirate. A cominciare dalle due ruote» commenta Crepaldi. «Esattamemte come la CR&S, la cui missione è produrre moto su misura per esperti delle due ruote, che non si accontentano della serialità, ma vogliono un gioiello creato apposta per le proprie esigenze come un abito sartoriale. Del resto oggi la moto non è un oggetto utiliy, ma appartiene sempre più alla sfera del tempo libero. Un giocattolo per adulti che non rinunciano al sogno di costruirsi la propria moto.»
 

CR&S – Fondata da Roberto Crepaldi nel 1992 con lo scopo di promuovere le moto sportive anni ’60 e ’70 (Cafè Racers) e le loro nipoti odierne (Superbikes), è oggi l’unico costruttore di veicoli a proseguire a Milano la tradizione meccanica del capoluogo lombardo. Dal 2002 con l’ingresso in società di Giovanni Cabassi e Giorgio Sarti produce in piccola serie motociclette dedicate agli esteti delle due ruote. Moto fatte da motociclisti per i motociclisti: ogni CR&S è assemblata a mano ed è unica perché ciascuna componente viene scelta dal committente insieme al costruttore su una infinita gamma di varianti meccaniche ed estetiche. Presente in tutte le principali manifestazioni fieristiche di settore in Italia e all’estero, la CR&S si è fatta conoscere e apprezzare da addetti ai lavori e appassionati con la monocilindrica stradale VUN. Il concept della nuova DUU è stato esposto al MAD 2009 (Moda Arte Design) in una mostra che ha celebrato il design dei più prestigiosi marchi della storia delle motociclette. www.crs-motorcycles.com.


 

  • tico03, concorezzo (MB)

    è un filmato molto...

    ... coinvolgente, che nonostante gli aspetti negativi (evidentissimi) del tt, fa parte di un modo "antico" e non vecchio, di vivere il motociclismo, un mondo autentico fatto di sensazioni di cui la vun in qualche maniera fa parte. è il motociclismo (in senso lato) allo stato dell'arte e che piaccia o no rappresenta la passione "matura", la voglia di vivere attraverso le emozioni più che le prestazioni
  • Wormbike, Reggio Calabria (RC)

    Un film che trasmette passione.

    Ho visto il film tempo fa.
    Un lavoro bellissimo, che trasuda passione e riesce a trasmetterla a chi guarda. Il gruppo del viaggio è eterogeneo e "vero". Le loro esperienze e le loro impressioni sono un filtro alle storie, le moto, i verdi panorami ed l'emozione del TT. Al centro, Roberto Crepaldi, patron della VUN e "pilone centrale" del gruppo di viaggiatori.
    E' come se una sceneggiatura ben rodata fosse stata intessuta nel dipanarsi della storia. In realtà, l'unicità dell'esperienza vissuta e dei luoghi visitati hanno dato la possibilità di montare un racconto compiuto.
    Vundes Vun van a Man merita tutti i riconoscimenti fin ora guadagnati.
Inserisci il tuo commento