fiere

Il Motor Bike Expo 2013 chiude con oltre 130.000 visitatori

- La kermesse motociclistica veronese chiude la sua edizione 2013 con oltre 130.000 presenze. Nonostante il maltempo, gli appassionati motociclisti anche quest’anno hanno trovato al Motor Bike Expo un clima festoso
Il Motor Bike Expo 2013 chiude con oltre 130.000 visitatori

Il maltempo domenicale non ha rovinato la festa dei motociclisti che anche quest’anno hanno trovato al Motor Bike Expo una calorosa accoglienza. Così la kermesse motociclistica chiude la sua edizione 2013 con un risultato lusinghiero, il numero delle presenze ha raggiunto e superato quota 130.000 facendo registrare un ulteriore incremento rispetto all’anno precedente e confermando la tendenza che la vede crescere  nelle preferenze degli appassionati.

«La nostra sfida è cercare di sorprendere ogni anno i visitatori, facendo trovare al pubblico sempre qualcosa in più rispetto alle aspettative» afferma Francesco Agnoletto, con Paola Somma ideatore e organizzatore della manifestazione. «L’atmosfera di cordialità e soddisfazione che si è respirata nei tre giorni del Motor Bike Expo dimostra che anche nel 2013 l’obiettivo è stato centrato. La formula originale del motor Bike Expo, che abbrevia le distanze tra la proposta motociclistica nel suo complesso (produttori, customizzatori, organizzatori sportivi e di eventi) e l’utenza continua dunque a dimostrare la sua funzionalità».

L’area dedicata al mototurismo, Motor Bike Travel, primo appuntamento dell’anno per gli operatori turistici e “borsa” del mototurismo, ha rappresentato le proposte turistiche di tutto il Nord Italia, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia, allargando gli orizzonti quest’anno anche all’Europa dell’est. Motor Bike Expo si

Motor Bike Travel
Motor Bike Travel

conferma luogo di approfondimento delle misure di sicurezza e della divulgazione di una cultura della prevenzione di incidenti che, assieme a solidarietà e volontariato, vedono la moto come strumento per sensibilizzare l’opinione pubblica. Nel complesso, si tratta di una rassegna che rappresenta in pieno il mondo delle due ruote sia come punto d’incontro tra produzione, appassionati e addetti ai lavori, sia per le tematiche che affronta per offrire al settore spunti di miglioramento e nuove opportunità commerciali.


La domenica del Motor Bike Expo è da sempre contrassegnata dal susseguirsi delle premiazioni dei bike show. L’edizione 2013 ne ha visti avvicendarsi addirittura quattro, a cominciare dal Custom Chrome Europe International Series 2013, di cui Verona rappresenta l’unica tappa italiana. La nota azienda di accessori after market ha selezionato 12 moto suddivise in quattro categorie.

La Jammer Old School Class è la classifica che premia le moto vintage
, restaurate e customizzate secondo gli stili del passato. In questa categoria al terzo posto il cafe racer “Double Trouble” dell’italiano Andrea Radaelli di Radikal Chopper (Milano), su base Honda CB450. Al secondo posto il Knucklehead da 74 c.i. (1200 cc) di Abnormal Cycles (Bernareggio, MI), con il celebre motore “a nocche” costruito da Harley-Davidson tra il 1936 e il 1947. Meritatissimo primo posto per lo svizzero Danny Schneider di Hardnine Choppers (Berna, CH), con la sua Indian Scout 101 del 1930.

La Rev Tech Powered Class
, come suggerisce il nome, è riservata alle moto che montano V-Twin di marca RevTech, disponibili in diverse fogge e con cilindrate comprese tra 88 e 125 pollici cubi (1450-2050 cc). Al terzo posto di questa categoria si è piazzata la Cruel degli italiani Isidoro e Davide di Custom Attack (Vertemate, CO), mentre al secondo la Stray Kat di Aldo Lanciano, titolare dell’officina American Dreams di Castrovillari (CS). Vincitore il lecchese Carlo Colombo di Asso Special Bike con la sua stupefacente 199RRs.

Nella classe Modified Harley
, che prevede telaio e motore originali Harley-Davidson, al terzo posto Skinny Cafe Racer di Uboldo (VA) con un’interpretazione scrambler su base Shovelhead, mentre al secondo Speed Bike 43 di Padova ha realizzato la sua versione racing di un Softail. Primo posto per la futuristica bagger di Garage 65 (Viareggio, LU) con carrozzeria in alluminio e strumentazione gestita da iPad.

Infine la Championship Class, quella più libera e con meno restrizioni. Sul terzo gradino del podio la Ducati Racer di South Garage Cafe (Caggiano, SA). Al secondo posto la 74 minibike dello spagnolo Maik Morató Güell che ha realizzato uno Sportster Harley in scala ridotta. Al primo posto Abnormal Cycles di Bernareggio (MI) con la sua boardtracker Speed Demon su base Harley JD del 1919, plurivincitrice in numerosi contest internazionali.

Terminato il contest CCE è stata la volta del Magazine Award, organizzato direttamente dallo staff di Motor Bike Expo, che ha visto come giudici i più noti giornalisti internazionali di riviste di settore, mettendo in palio un servizio completo sui rispettivi giornali. Pierre Brancaleone di RAD Motorcycles Magazine ha votato la Moto Guzzi V7 del 1970 di Ruote Fiere, realizzata dal milanese Davide Caforio. Dall’Australia, Guy Bolton della rivista Greasy Kulture Magazine; la sua preferenza è andata alla “Primadonna” di Italian Choppers (Milano) su base H-D. Álvaro Cabezas di Custom Machine (Spagna) ha votato per il rigido “Purple Haze” di Passion 4 Custom, officina di Serravezza (LU). Gary Inman della irriverente Sideburn Magazine non poteva che votare per un mezzo che segue idealmente la filosofia della fanzine inglese: a salire sul palco è stato infatti Lorenzo Buratti, autore e proprietario di una SWM RS320 TL del 1980. Il fotografo freelance Onno "Berserk" Wieringa (Madness Photography) non ha avuto dubbi e la sua scelta è caduta sul Knuckle di Abnormal Cycles, realizzato da Samuele Reali, che ha portato a casa un secondo riconoscimento. La giornalista inglese Blue Miller di Back Street Heroes ha scelto invece la “patriottica” Triumph T120 del ’76 realizzata dal toscano Alessandro Pacelli di Kustom Tech. Infine l’americano Jeff Holt di Hot Bike Magazine ha optato per un’opera tutta italiana: la potente 199RRs di Asso Special Bike, anch’essa al secondo trionfo, con carrozzeria in carbonio, telaio in alluminio e motorizzata RevTech.

La Vulture di MS Artrix
La Vulture di MS Artrix


E’ andata poi in scena la premiazione del contest organizzato da F.I.C. (Federazione Italiana Customizer) e IMBBA (International Master Bike Builders Association), che ha premiato dieci special scelte negli stand dei customizer e votate con il criterio internazionale adottato da IMBBA. Al terzo posto si è piazzata ancora una volta la bagger di Garage 65, al secondo di nuovo la 199RRs di Asso Special Bike e al primo la stupefacente Vulture di MS Artrix. Tra queste tre moto una differenza di soli 5 punti, a dimostrazione dell’ottimo lavoro realizzato da questi customizer italiani, che hanno reso molto arduo il compito dei giudici al seguito di Fabrizio Favre (presidente FIC).


Infine il bike show di LowRide, che ha visto il maggior numero di moto iscritte, circa 150. Prima però il contest di caschi aerografati, sponsorizzato da 70’s Helmet: terzo posto per Jonathan Minici e Federica “Rica Von Spades”, al secondo Cristian Ellis Garage da Bosa (OR) e al primo Alessio Mattiazzi da Paese (TV). Tornando alle moto, le categorie premiate sono state tre, oltre alla Top20, alla Best of Show e a cinque premi speciali. Questi ultimi sono andati al Guzzi V7 di Ruote Fiere (premiato anche al Magazine Award), all’Ironhead 1000 di Alessandro “C44” Castellani di Legnano (MI), allo Sportster di Motoracing Roddolo (Monforte d'Alba, CN), all’883 “Incrociatore” di North Coast Custom di Santa Lucia del Mela (ME) e allo Sportster “mini” dello spagnolo Maik Morató Güell (già premiato nel contest CCE).

La categoria Scrambler & Racer ha visto trionfare il customizer di casa Mr. Martini con la sua Triumph Thunderbird Jerolamo
, seguito da un’altra Triumph di TpR (MI) e dallo Sportster di Alberto Benedetti (PT). La H-D Modified ha visto come vincitrice una Cross Bones realizzata dal padovano Speed Bike, seguita dalla “Rock'n'Roll” di Rino del dealer ufficiale H-D Savona e dallo “Shogun” di Stile Italiano su base Evolution 1340. Nella classe bagger ha trionfato nuovamente la futuristica realizzazione di Marco Cinquini (Garage 65), seguita dalla Green Hornet di Vallese Garage da Borgo Montenero (LT) e dall’Electra Glide di Custom Attack. Nella Top20, i primi tre posti sono andati al Chopper di Bike Hospital da Reggio Emilia, al Lakester su base Shovel di Harley-Davidson Versilia, mentre il primo gradino del podio è stato occupato ancora una volta dalla Vulture di MS Artrix. Ma LowRide ha previsto anche il premio più ambito, quello della Best of Show: la migliore moto in assoluto di tutta la Fiera veronese è risultata essere la “Blowin’ Digger” del giapponese Kenji Nagai di Ken's Factory/Cycle Kraft da Nagoya City che ha così bissato il successo già ottenuto a Verona nel 2011.


A causa delle avverse condizioni meteo, con la pioggia che a lungo ha interessato Verona, le previste gare di Vespa-gimkane organizzate dal Vespa Club Verona VR 37100 ed in programma nelle aree esterne sono state trasformate in esibizioni. Ma la manifestazione non ha perso d’interesse e spettacolarità e il pubblico, numerosissimo nonostante il maltempo, ha salutato i partecipanti con lunghi applausi, in particolare le evoluzioni di Nicola l’Impennatore (un vero e proprio stuntman dello scooter Piaggio) e i funambolici ragazzi del club “Principato delle Roe Basse” che hanno dimostrato che l’Ape in versione Racing abbia un personalità ben diversa da quella del motocarro utilitario alla quale siamo abituati.


La pioggia, che ha reso il percorso di gara scivoloso e ancor più impegnativo, non ha invece fermato i piloti dell’Enduro e del Minienduro, impegnati nel primo Trofeo Motor Bike Expo indoor, che si è disputato su uno spettacolare tracciato in terra realizzato all’interno del quartiere fieristico.

Trofeo Motor Bike Expo indoor
Trofeo Motor Bike Expo indoor

La gara, organizzata in collaborazione con la Axiver, società promoter di tutto l’enduro nazionale, ha visto la partecipazione di una sessantina di piloti che per due giorni hanno animato l’area C, richiamando un pubblico foltissimo che si è assiepato lungo il tracciato extreme, nonostante le precipitazioni a tratti intense. Al termine di gare spettacolari ed equilibrate Michele Cobuzzi (Beta) si è aggiudicato la vittoria assoluta nella categoria Supercampione, precedendo di meno di due secondi Andrea Fossati (Honda) e di mezzo minuto Yuri Pasqualini (KTM). Fra gli Esordienti dominio di Lorenzo Corti che ha inflitto oltre tre minuti di distacco a Riccardo Fabris e quasi sette a Francesco Ross, tutti su KTM. Affermazione delle moto austriache anche nella categoria Aspiranti 85 in cui si è imposto Enrico Zilli che ha messo in fila Giovanni Bonazzi e Filippo Magnani. Vittoria, infine, di Matteo Pavoni nei Cadetti, davanti a Federico Piccina e a Luca Apollonio tutti su Suzuki. La gara è stata preceduta da un corso Hobby Sport tenutosi nei giorni dell’expo, di avvicinamento all’agonismo per i giovani del Minienduro, organizzato da FX Action in collaborazione con Federmoto.


Al Motor Bike Expo è arrivato anche un piccolo campione promettente: il tredicenne Andrea Verona di Piovene Rocchette (VI), che nel 2012 ha corso sia nel cross che nell’enduro, nella classe Aspiranti 85. Andrea ha iniziato giovanissimo ad andare in moto, a soli 3 anni con un Malaguti Grizzly dell’82, seguendo la passione del padre crossista. Per il 2013 sarà quindi impegnato in entrambe le specialità fuoristradistiche, nel minienduro con la Beta del team Vismara e nel cross con la KTM del Team No Fears, presente in forze al pad. 5 della Fiera veronese.

Gli operatori italiani aprono ai turisti europei
che amano la moto: è questo il principale segnale emerso dal Motor Bike Travel. Presenti alla rassegna oltre cento marchi turistici italiani ed esteri: le maggiori realtà specializzate che operano nel mercato specifico, ma soprattutto tour operator nazionali, consorzi e Istituzioni del territorio come la Regione Veneto, la Regione Lombardia e la Provincia di Genova.
In Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Puglia, Sicilia e Sardegna si trovano gli operatori più attenti a questo mercato che cerca turismo di qualità, paesaggio, benessere, enogastronomia: una domanda che si ritrova in modo ideale nell'offerta di queste regioni.
L’appuntamento con la prossima edizione del Motor Bike Expo è per il 24, 25 e 26 gennaio 2014.
 

  • marco.visentin4463, Ton (TN)

    prezzi

    16 denari l'ingresso e 8 il parcheggio....il parcheggio li valeva tutti, c'erano un sacco di auto e pullman da vedere e poca ressa e non mancavano i porchettari piu unti del mondo. grande fiera a cielo aperto, e non ho dovuto neanche pagare l'ingresso della fiera per entrare nel parcheggio mentre quelli che facevano viceversa si.ci saranno state almeno 200.000 persone!!! non mancherò il prossimo anno a costo di dargliene anche 10.
  • Lombo, Noceto (PR)

    ... ma per favore...

    Ma si, continuiamo a dire che è tutto un successo! Gonfiare il numero delle presenze forse potrà servire (all'organizzatore) per richiamare più pubblico alla prossima edizione, ma chi c'è stato ha visto una realtà diversa da quella raccontata da giornalisti e organizzatori.

    Una fiera senza identità, snobbata da parecchie case motociclistiche e da moltissimi produttori di abbigliamento e accessori. Ridotta, rispetto agli anni passati, anche la presenza di tuner su custom, pressoché scomparso il tuning su supersportive e naked. Mercatone di abbigliamento su linee di prodotti da tempo fuori produzione e stock obsoleti. Stand di pneumatici usati o con DOT anteguerra.Molto spazio per gli stand di hotdog e salsicce, e poi auto, mezzi militari, palloni sull'acqua, tiro a segno: ma che c'entrano con le moto? Pochissime hostess, poco pubblico, corsie larghissime, prezzo di ingresso e parcheggio troppo cari. Una fiera che (adesso) si visita in quattro ore, panino con salsiccia e sigaretta compresi.

    Questa è la verità, quella che tutti hanno visto, e quella che ci si aspetta di leggere da chi fa giornalismo....
Inserisci il tuo commento