video

Harley-Davidson Low Rider e SuperLow 1200T sulle strade americane

- Dopo avervi mostrato le immagini statiche dei nuovi modelli 2014 della Casa di Milwaukee, Harley-Davidson ci mostra in due video le sue novità Low Rider e SuperLow 1200T tra i paesaggi e le strade americane


Harley-Davidson
non sembra conoscere momenti di stanca: dopo le epocali novità delle touring Project Rushmore con raffreddamento a liquido, l’arrivo dell’ABS sulla gamma Sportster e l’introduzione della Street 750 (ma anche l’introduzione di CVO Softail Deluxe e il restyling della Dyna Fat Bob) il mese di marzo vede il ritorno sulle scene della rétro Low Rider e della cattivissima special di serie Street Bob Special Edition, nonché la nascita di SuperLow 1200T. Non è un caso se a Milwaukee sottolineano con orgoglio come si tratti del lancio di novità più consistente nei 110 anni di vita dell’azienda, a conferma di come Harley-Davidson abbia saputo reagire e superare il periodo di crisi.

 


Il ritorno della Low Rider


Nata nel 1977, Low Rider è rapidamente diventato uno dei modelli più significativi e peculiari della gamma Harley-Davidson. Dopo una lunga e onorata carriera la custom dura e pura è uscita di produzione, rientrando poi in gamma adesso – dopo cinque anni d’assenza – contraddistinta da un accurato studio ergonomico che dovrebbe renderla ancora più apprezzata e popolare.

Harley-Davidson Low Rider
Harley-Davidson Low Rider


La base tecnica conta sul motore Twin Cam 103 (in versione con coppia di 126 Nm, iniezione elettronica e cambio Cruise Drive a sei rapporti) e sul telaio Dyna, dotato di forcella con steli da ben 49 mm e nuovi ammortizzatori posteriori dotati di molle progressive e regolazione del precarico. L’impianto frenante conta su un doppio disco anteriore, naturalmente dotato di ABS di serie nei paesi europei. Fin qui niente di strano, mentre se si passa ad osservare la posizione di guida le cose cambiano: grazie ad un accurato studio ergonomico da parte della Casa madre la nuova Low Rider si adatta al meglio ad un’ampia gamma di piloti potendo modificare la triangolazione manubrio/sella/pedane come mai prima su una Harley-Davidson.


Pur restando fedele alla sua caratteristica identificativa – la sella è bassissima, a soli 680mm da terra – la Low Rider è infatti in grado di modificare in maniera significativa la posizione del pilota grazie alle possibilità offerte da una seduta regolabile su due posizioni (avanzata o arretrata, con 38 mm di differenza) e un manubrio dal supporto anch’esso regolabile, integrato nella visiera faro. Le pedane sono state spostate avanti di 51 mm rispetto alla posizione intermedia della Dyna, seguendo le indicazioni di diversi motociclisti ma anche avanzate simulazioni al computer del tipo impiegato nell’industria automobilistica.


SuperLow 1200T, la sportiva da turismo


L’immaginario collettivo – soprattutto quello di chi motociclista non è – identifica le Harley-Davidson come moto per grandi viaggi sulle lunghe strade statunitensi. Per rendere la SuperLow più adatta a questo tipo di impiego, a Milwaukee hanno pensato di prendere un telaio SuperLow, abbinargli il motore Evolution 1200 e dotarla di nuove componenti ciclistiche ed accessori più adatti all’uso turistico senza compromettere le doti fondamentali di accessibilità anche ai motociclisti meno alti, prendendo ispirazione da personalizzazioni già effettuate da diversi clienti H-D.

Harley-Davidson SuperLow 1200T
Harley-Davidson SuperLow 1200T


Il motore è l’Evolution 1200 ad iniezione elettronica (coppia dichiarata: 96 Nm a 3.750 giri) verniciato in nero a polvere; la base tecnico/ciclistica rimane coerente con le caratteristiche di guida definite per la SuperLow 883. Le misure caratteristiche sono state pensate per rendere la moto più maneggevole e gestibile in collaborazione con sospensioni tarate specificamente per l’uso turistico ed un monoammortizzatore regolabile nel precarico per adattarsi ai diversi carichi della guida a solo, con passeggero e/o bagagli. Un occhio speciale per la sicurezza nell’impianto frenante, che conta su un disco anteriore da 300 mm ed uno posteriore da 260, entrambi lavorati da pinze a doppio pistoncino e raccordi in treccia aeronautica. Tutto l’impianto è naturalmente controllato dal sistema ABS di serie.


Le caratteristiche Touring vengono valorizzate da borse laterali con serratura e parabrezza rimovibile; il sistema di montaggio delle borse comprende punti di ancoraggio a sgancio rapido che consentono di aggiungere facilmente uno schienale o un portapacchi. La sella è una touring ribassata biposto; la posizione dei piedi del pilota è stata avanzata di 7.5cm rispetto al SuperLow 883 per rendere più facile poggiare i piedi a terra e azionare il cavalletto laterale.

Harley-Davidson Street Bob Special Edition
Harley-Davidson Street Bob Special Edition


Street Bob Special Edition


Più cavalli e più stile, queste le premesse alla base della nascita della Special Edition della Street Bob in versione 2014. Il primo obiettivo viene ottenuto adottando il motore da 1690 cc Twin Cam 103 (130 Nm di coppia) con trasmissione Cruise Drive a sei rapporti e scarichi “shorty” gemellati cromati con taglio dritto.


La questione stile viene invece risolta sulla bobber H-D adottando un’affascinante livrea bicolore rosso/argento denominata Dominator con fregi decorativi, cerchi in lega a cinque razze (con freni a disco naturalmente governati dall’ABS), sella biposto Badlander, comandi avanzati e manubrio Drag al posto del mini-ape di serie. Per il resto il modello mantiene tutte le caratteristiche principali dell'essenziale Street Bob su cui viene allestito- parafango posteriore corto, serbatoio del carburante Fat Bob e gruppo motore-trasmissione di colore nero.

  • claudio.sil, Bologna (BO)

    La solita minestra?

    Caro Personal Jesus devi saper che in fabbrica hanno molti cestoni uno pieno di fanali, un altro di frecce e così via per ogni pezzo di moto con la variante del cromato o del nero. Una volta all'anno passa il ragazzo di bottega e prende un pezzo qui e uno là, e così nasce la nuova moto.
    Cosa vuoi farci, noi Harleysti siamo così ed esultiamo per una novità che forse non lo è.
    Claudio Harleysta dal 1983
  • marco.visentin4463, Ton (TN)

    grande novità

    il low rider troppo identico dal 1999
Inserisci il tuo commento