Novità USA

Erik Buell Racing, ecco la 1190RX

- Sorella della specialistica RS, ecco la prima sportiva realmente stradale del nuovo corso Buell. 185cv per 138Nm, peso ridotto e prestazioni da riferimento
Erik Buell Racing, ecco la 1190RX

 Largamente annunciata, la EBR 1190RX è la declinazione di serie della 1190RS, modello in serie limitata (ne sono stati prodotti 100 esemplari) che il vulcanico ingegnere di Pittsburgh ha allestito ad uso dei fan nonché come base per la sua partecipazione alle competizioni per derivate di serie negli USA.

 

La RX è stata protagonista del primo debutto in società all'AIMExpo di Orlando, Florida. Un po' meno raffinata, la 1190RX appare decisamente più industrializzata e industrializzabile (con ogni probabilità grazie ad un contributo non solo economico di Hero MotoCorp, la società indiana da poco partner di EBR) nonché meno specialistica e più stradale rispetto alla RS.

 

Se la linea appare grossomodo immutata - e per certi versi reminiscente in zona cupolino dell'indimenticata 1125R che ha chiuso assieme alla sorella CR l'erea H-D - la sostanza è infatti leggermente più prosaica: forcella, pedane, scarico e codino (biposto invece che monoposto) appaiono leggermente più poveri.

La vista di tre quarti della RX, con il faro integrato nella presa d'aria
La vista di tre quarti della RX, con il faro integrato nella presa d'aria

La tanto attesa visuale frontale conferma le foci di un gruppo ottico anteriore profondamente rivisto rispetto a quello sovrapposto della 1190RS. Come potete vedere i proiettori sono stati integrati all'interno della presa d'aria centrale, quasi sparendo - una soluzione inedita su un mezzo di serie, anche se già vista nel primo prototipo della Honda NR750 (pur se integrati nelle prese laterali) presentato a Tokyo nel 1989.

 

Le prestazioni, come anticipato, sono da riferimento visto che il propulsore è rimasto sostanzialmente immutato rispetto a quello della RS da competizione. Si parla di 185cv e 138Nm di coppia per il propulsore, che spinge una moto dotata di telaio e forcellone in alluminio dal peso a semi-secco (tutti i liquidi, serbatoio vuoto) di 190kg.

Il comparto sospensioni è messo a disposizione da Showa, che fornisce la forcella rovesciata BPF con steli da 43mm e il monoammortizzatore regolabile al posteriore. I cerchi da 17" calzano pneumatici Pirelli Diablo Rosso corsa nelle misure classiche 120/70 e 190/55, mentre siamo indecisi fra considerare non convenzionale (per gli standard della categoria) o abituale (per Buell) la dotazione in termini di freni, che conta su un singolo disco perimetrale da 386mm con pinza ad otto pistoncini all'avantreno e un'unità da 220mm al retrotreno.

 

Il prezzo della EBR 1190RX è di 18.995$, naturalmente negli USA. Al momento non abbiamo informazioni sulla sua disponibilità qui nel vecchio continente, in gran parte legata al ventilato sviluppo della rete di vendita europea di Hero MotoCorp. Niente purtroppo sul fronte dei modelli 1190SX (una naked sportiva) ed AX (maxienduro) che dovrebbero derivare dalla stessa piattaforma.

 

Foto: EBR

 

  • rho01, Bergamo (BG)

    ma possibile che non sanno farle belle?!?
  • Vtwin1, Anzola dell'Emilia (BO)

    naked

    a Buell riescono da sempre mooooooooolto meglio le naked!
    certo il rotax è un gra motore ma una naked sarebbe meglio con motore HD,tanto non servono 150-200cv senza protezione aerodinamica.
    ps. peccato però che HD non lo fornirà mai piu dei suoi motori!!!
Inserisci il tuo commento