novembre 2014

EICMA 2014: 20 anteprime mondiali nell'edizione del centenario

- A Milano è stata presentata l'edizione del centenario di EICMA, che si conferma il salone internazionale più importante. 20 le anteprime mondiali attese

Un centenario col botto. E' quello che tutti si aspettano dall'edizione 2014 di EICMA, che quest'anno compie 100 anni. La prima andò in scena all'Hotel Diana di Milano nel secolo scorso (nel 1914 appunto).
Nella Fiera Milano a Rho sono previste ben 20  anteprime mondiali, portate in Lombardia dai principali costruttori di tutto il mondo.
EICMA andrà in scena dal 4 al 9 novembre (4 e 5 giornate riservate a stampa e operatori) e ci sarà come sempre spazio per le aree tematiche  (EICMA Custom, The Green Planet, l'Area Sicurezza) e per le gare ed esibizioni esterne nell'area esterna MotoLive che quest'anno giunge alla sua decima edizione (ecco le competizioni previste: Internazionali d’Italia Supercross, Quad Race, Internazionali d’Italia SuperMoto Series). Tra le novità il Temporary Bikers Shop, dove si potrà acquistare abbigliamento da stock degli anni passati.

La presentazione di oggi. Da sinistra Caliari, Maran e il dottor Costa
La presentazione di oggi. Da sinistra Caliari, Maran e il dottor Costa

Un po' di numeri

Nell'edizione del centenario sono attesi oltre 1.000 espositori, (il 36% proviene dall’estero e il 30% rappresenta nuovi marchi). Il costo del biglietto sarà ancora di 18 euro, venerdì la fiera sarà aperta fino alle 22, con ingresso gratuito per le donne. 
Tra le novità segnaliamo anche la nascita di un'area espositiva dedicata alla storia di EICMA, dove si potranno ammirare mezzi del passato grazie alla collaborazione dell'ASI.
In 100 anni di storia oltre 25 milioni di persone hanno visitato il salone milanese, che ha accolto 5.000 anteprime mondiali e ospitato quasi 29.000 espositori da tutto il mondo. Numeri che da soli confermano la leadership internazionale di EICMA.

La pianta del salone
La pianta del salone

L'assicurazione moto in Italia

Durante la presentazione Pier Francesco Caliari (direttore generale di EICMA) è tornato a parlare del problema del costo delle polizze RC in Italia, tale - come sappiamo bene tutti - da scoraggiare l'acquisto di moto e scooter nel nostro Paese, soprattutto nel meridione.
ANCMA aveva annunciato lo scorso anno importanti iniziative per ridurre i premi assicurativi; oggi Caliari ha dichiarato che l'associazione sta ancora lavorando al progetto.
L'obiettivo è ridurre i premi nelle regioni dove maggiore è questa criticità del 55% grazie all'adozione di una nuova scatola nera a cui sta lavorando Continental, e alla differnziazione tra la RC Auto e la RC Moto.
Ha preso parte al dibattito anche l'assessore alla mobilità del Comune di Milano, Pierfrancesco Maran, che ha sottolineato l'aumento evidente di mezzi (a due e quattro ruote) privi di assicurazione, che fanno inesorabilmente lievitare il costo del premio dei cittadini onesti che pagano l'RC.
Maran ha indicato uno strumento  semplice per sanzionare chi guida un veicolo a motore senza copertura assicurativa: sarebbe sufficiente impiegare le telecamere presenti in tutte le città per verificare quali sono i mezzi che circolano senza assicurazione. Questa soluzione è da tempo al vaglio del legislatore; la norma infatti è pronta in parlamento, ma non è ancora stata approvata. C'è da sperare che si giunga presto a una prima approvazione, le telecamere potrebbero essere così utilizzate per identificare immediatamente anche i veicoli rubati e quelli privi di regolare revisione. Oggi invece sono usate solo per multare i cittadini che entrano nelle zone a traffico limitato.

  • france39, Milano (MI)

    pier francesco caliari

    beh devo dire che è molto carino leggere i post sopra quando ti sbatti come un pazzo, fai le cose come devono essere fatte per portare a casa il risultato!

    ma va bene lo stesso! noi ci abbiamo lavorato non chiacchierato senza sapere il perchè delle cose e il risultato lo stiamo portando a casa.

    purtroppo le cose non si cambiano con uno schioccar di dita ma con il lavoro, i fatti e i dati incontrovertibili per poter mettere al muro chi sbaglia. senza prove provate non si cambia nulla. e per averle non è come andare al bar e chiedere caffè e cappuccino ma ci vuole costanza lavoro e i dati!!!!!! e lo dimostreremo molto presto.

    buon pomeriggio
  • Braccia01, SASSO MARCONI (BO)

    Assicurazioni

    Ben detto Ricardo! comunque in Italia l'assicurazione sulla patente non è mai esistita, e sarebbe ora che la mettessero come negli Stati Uniti, ma non succederà mai, siamo un popolo di furbetti e a quei ladri delle accicurazioni non adrebbe proprio bene, anche x che il danno lo fa chi guida non il mezzo!
Inserisci il tuo commento