#myeicma

EICMA 2013. Aprilia Tuono V4 R ABS

- Principale novità è il sistema racing ABS regolabile su 3 livelli d'intervento. Il motore guadagna potenza e coppia massima (170 CV). Si evolve il pacchetto di controlli elettronici e si allarga a 18,5 litri il serbatoio
EICMA 2013. Aprilia Tuono V4 R ABS

 

Tuono V4 R ABS riceve in dote tutti gli importanti aggiornamenti introdotti con successo nel 2013 su RSV4 Factory ABS e RSV4 R ABS e aggiunge una nuova sella e un setup standard delle sospensioni (completamente regolabili) rivisto per aumentare la comodità su strada. L’obiettivo è di aumentare le performance sportive, senza sacrificare il comfort nella guida stradale, aspetto quanto mai importante per coloro che utilizzano la moto anche negli spostamenti quotidiani. A questo scopo la seduta guadagna un’imbottitura più generosa, mentre la taratura standard delle sospensioni è ora più incline ad assorbire le imperfezioni dell’asfalto delle strade aperte al pubblico. Fermo restando l’ampia possibilità di personalizzazione delle unità, per ottenere il massimo del rigore e della precisione nella guida veramente racing. Cambia anche l’ergonomia a bordo, grazie all’arrivo del nuovo serbatoio dalla capienza aumentata a 18,5 litri e dai fianchi laterali rivisti nelle forme per consentire al pilota un miglior feeling di guida in curva e in frenata.

 

La nuova forcella Sachs a steli rovesciati di 43 mm presenta le regolazioni dell’idraulica in compressione ed estensione separate “one by one”, oltre a prevedere, su entrambi gli steli, i registri del precarico delle molle. Il setup standard è stato ridefinito e mira ad ottenere una risposta più confortevole sull’asfalto delle strade aperte al pubblico. L’ammortizzatore Sachs con piggy back incorporato permette le regolazioni dell’idraulica in estensione e compressione, nonché di registrare il precarico della molla. Anche la sua taratura di base tiene in maggiore considerazione l’utilizzo della moto su strada.

  

Elettronica 

Tuono V4 R ABS riceve aggiornamenti e affinamenti del aPRC, che hanno debuttato su RSV4 Factory ABS e RSV4 R ABS. L’aPRC, di serie sulla nuova Tuono V4 R ABS, si integra ancora meglio con la fine gestione elettronica full Ride by Wire multimappa del motore V4. 
 

Il nuovo aPRC di Tuono V4 R ABS comprende:

  • aTC: Aprilia Traction Control, il controllo di trazione regolabile in corsa, senza chiudere il gas, su 8 livelli grazie ad un joystick sul semimanubrio sinistro. Ora la percentuale di slittamento ammesso differisce anche in funzione della velocità incurva: il comportamento del sistema è più omogeneo e garantisce elevato sostegno nei curvoni alle alte velocità senza penalizzare la trazione nell’uscita dalle curve lente;
     

  • aWC: Aprilia Wheelie Control,il sistema di controllo di impennata, regolabile su 3 livelli, è statoricalibrato per essere ancora più sportivo in mappa 1, purgarantendonelle forti accelerazioni un sollevamento e un successivo appoggio del pneumatico anteriore a terra più dolce;

  • aLC: Aprilia Launch Control, il sistema di asservimento alla partenza per esclusivo uso pista, regolabile su 3 livelli;
     

  • aQS: Aprilia Quick Shift, il cambio elettronico, per cambiate senza chiudere il gas e senza usare la frizione.

 

Aprilia Tuono V4 R ABS
Aprilia Tuono V4 R ABS

ABS

Oltre all’aPRC di seconda generazione, Tuono V4 R ABS adotta di serie un ABS, il sistema di antibloccaggio delle ruote studiato per garantire la massima sicurezza su strada. L’unità ABS 9MP, sviluppata in collaborazione con Bosch, ha un peso contenuto in soli 2 kg e adotta una strategia d’intervento chiamata RLM (Rear wheel Lift-up Mitigation) che limita il sollevamento della ruota posteriore nelle frenate più decise. Inoltre è disinseribile e regolabile su tre livelli d’azione, accedendo facilmente al menu di controllo della strumentazione:

 

  • Livello 1: è dedicato alla pista, ma rimane pur sempre omologato per l’uso stradale. Agisce su entrambe le ruote e garantisce la massima prestazione possibile, anche nelle frenate più intense a qualsiasi velocità. Con questa strategia l’RLM è disattivato.
     

  • Livello 2: è dedicato alla guida sportiva su strada, agisce su entrambe le ruote ed è combinato con il sistema di antiribaltamento RLM il cui intervento è progressivo in base alla velocità del veicolo.
     

  • Livello 3: è dedicato alla guida su fondo con scarsa aderenza, agisce su entrambe le ruote ed è abbinato all’avanzato sistema di antiribaltamento.

 

Ognuna delle tre mappature dell’ABS può essere combinata con una qualsiasi delle tre mappe del motore (Track, Sport, Road), per permettere a piloti di diversa esperienza e capacità di trovare la migliore combinazione possibile.

 


Freni

Tuono V4 R ABS guadagna un nuovo impianto frenante anteriore con inedite pinze monoblocco ad attacco radiale Brembo M432 e dischi in acciaio da 320 mm con piste frenanti di altezza ridotta e foratura asimmetrica che hanno permesso di rendere la potenza frenante più modulabile.

 

Aumentano le prestazioni

Il motore di Tuono V4 R ABS, al pari di quello di RSV4 ABS, è stato aggiornato e migliorato, ponendo particolare attenzione alla riduzione degli attriti interni e alla ventilazione dei carter. Aumentano sia la potenza massima sia la coppia massima erogate, che ora si attestano a 170 CV a 11.500 giri/min e 111,5 Nm a 9.500 giri/min, anche per merito di un impianto di scarico ridisegnato e di una gestione elettronica affinata. Le tre mappature (Track, Sport e Road), sono state accordate alle nuove caratteristiche di potenza e coppia del V4, in modo da ottenere un’erogazione ancora più piena e corposa a qualsiasi regime di rotazione.

 

Rispetto al motore di RSV4 ABS, l’unità installata su Tuono V4 R ABS vanta caratteristiche peculiari:

 

  • Diagramma di distribuzione rivisto

  • Cornetti di aspirazione fissi, più lunghi di 20 mm

  • Volano dell’albero motore con maggiore inerzia per ottimizzare la regolarità di marcia e l’equilibrio generale

  • Rapportatura accorciata nelle prime tre marce

  • Regime di potenza massima sceso a 11.500 giri/min

 

 

APRILIA TUONO V4 R ABS: Scheda Tecnica

 

Tipo motore

Aprilia4 cilindri a V longitudinale di 65°, 4 tempi, raffreddamento a liquido, distribuzione bialbero a camme (DOHC), quattro valvole per cilindro

Carburante

Benzina Senza Piombo

Alesaggio e corsa

78 x 52.3 mm

Cilindrata totale

999.6 cc

Rapp. di compressione

13:1

Potenza max all'albero

170 CV (125 kW) a 11.5 00 rpm

Coppia max all'albero

111.5 Nm a 9.500 rpm

Alimentazione

Airbox con prese d’aria dinamiche frontali.

4 corpi farfallati Weber-Marelli da 48 mm con 4 iniettori e gestione Ride by Wire di ultima generazione.

Multimappa selezionabile dal pilota in marcia: T (Track), S (Sport), R (Road)

Accensione

Elettronica digitale Magneti Marelli integrata nel sistema di gestione motore, con una candela per cilindro, bobine tipo “stick-coil”

Avviamento

Elettrico

Scarico

Schema 4 in 2 in 1, una sonda lambda, mono silenziatore laterale con valvola parzializzatrice comandata dalla centralina gestione motore e catalizzatore trivalente integrato (Euro 3).

Generatore

Volano con magneti alle terre rare da 450 W

Lubrificazione

A carter umido con radiatore olio/aria, doppia pompa olio (lubrificazione e raffreddamento)

Cambio

Estraibile a 6 rapporti

1°: 39/15 (2.600)

2°: 33/16 (2,063)

3°: 34/20 (1.700)

4°: 32/22 (1.455)

5°: 34/26 (1.308)

6°: 33/27 (1.222)

Comando cambio con sistema elettronico Aprilia Quick Shift (aQS)

 

Frizione

Multidisco in bagno d’olio

Trasmissione primaria

A ingranaggi a denti dritti e parastrappi integrato, rapporto di trasmissione: 73/44 (1.659)

Trasmissione secondaria

A catena: Rapporto di trasmissione: 42/16 (2.625)

Gestione della trazione

Sistema aPRC (Aprilia Performance Ride Control) che comprende controllo di trazione (aTC), controllo di impennata (aWC), controllo di partenza (aLC) tutti settabili e disinseribili indipendentemente

Telaio

Telaio in alluminio a doppia trave con elementi fusi e stampati in lamiera.

Ammortizzatore di sterzo Sachs

Sospensione anteriore

Forcella Sachs upside-down “one by one”, steli Ø 43 mm. Piedini forgiati in alluminio per fissaggio pinze radiali. Completamente regolabile in precarico molle, estensione e compressione idraulica. Escursione ruota 120 mm

Sospensione posteriore

Forcellone a doppia capriata in alluminio; tecnologia mista di fusione a basso spessore e lamiera.

Mono-ammortizzatore Sachs con piggy-back completamente regolabile in: precarico molla, idraulica in compressione ed estensione. Biellismo progressivo APS. Escursione ruota 130 mm

Freni

Ant: Doppio disco diametro 320 mm flottante con pista frenante in acciaio inox alleggerito con 6 nottolini. Pinze Brembo M432 monoblocco a fissaggio radiale a 4 pistoncini Ø 32 mm contrapposti. Pastiglie sinterizzate. Pompa assiale e tubi freno in treccia metallica.

Post: Disco diametro 220 mm; pinza Brembo flottante a 2 pistoncini isolati Ø 32 mm. Pastiglie sinterizzate. Pompa con serbatoio integrato e tubo in treccia metallica.

ABS Bosch 9MP, regolabile su 3 mappe, dotato di strategia RLM e disinseribile.

Cerchi

Fusi in lega d’alluminio, a 3 razze sdoppiate.

Ant.:3.5”X17”

Post: 6.00”X17”

Pneumatici

Radiali tubeless.

Ant: 120/70 ZR 17

Post: 190/55 ZR 17 (in alternativa 190/50 ZR 17; 200/55 ZR 17)

Dimensioni

Lunghezza max: 2065 mm

Larghezza max: 800 mm (al manubrio)

Altezza max: 1090 mm

Altezza min da terra: 125 mm

Altezza sella: 835 mm

Interasse: 1445 mm

Avancorsa: 107.5 mm

Angolo di sterzo:25°

Peso a secco

185 kg *
Serbatoio

18,5 litri (4 di riserva)

*Peso dichiarato a secco, senza batteria e senza liquidi.

 

 

  • Stevada, Roma (RM)

    numeri!

    visti i numeri di vendita l'intervento principale da fare era il muso da cambiare radicalmente e tutte queste migliorie tecniche non credo che faranno (purtroppo) crescere le vendite anche perchè il modello precedente tecnicamente era già eccellente. eppure di commenti negativi sul muso ne sono girati parecchi, perchè non ascoltarli?
  • Daniel3484, Vo' (PD)

    Sempre le solite storie

    Il musetto è cosi x dare un po di riparo dall'aria, è un po piu avanzato e più largo x questo. Le altre naked ai 150 sembra di essere in deltaplano. E poi di muso la si vede poco xchè tempo 5 secondi, il tempo che la vedi nello specchietto, ti ha già sorpassato, poi un minuto vedi il bellissimo culetto nel tentativo di stargli dietro e poi non la vedi più propio. .
Inserisci il tuo commento