intermot 2010

Ducati 848 EVO e 1198 SP 2011

- La Casa di Bologna anticipa alcune delle novità previste per il 2011. Aggiornamenti alla famiglia Superbike (848 evo e 1198 SP) e nuove livree per Monster e Streetfighter
Ducati 848 EVO e 1198 SP 2011

Un’area espositiva di circa 400 metri quadrati (pad 8 stand D-040) ospita l’universo Ducati alla edizione 2010 di INTERMOT a Colonia. Moto, accessori e abbigliamento.

«Abbiamo deciso di confermare la nostra presenza qui a Colonia – ha detto Gabriele Del Torchio, Presidente Ducati Motor Holding, durante la conferenza stampa di apertura - perchè riteniamo importante questo evento fieristico che apre la stagione dei saloni europei. Una presenza significativa che vuole anche essere la dimostrazione del nostro impegno nei confronti della clientela tedesca e del Nord Europa, nonché ribadire la nostra intenzione di accrescere la presenza in Germania che, per Ducati, rappresenta il secondo mercato più importante in Europa. Un motivo in più per anticipare alcune delle novità previste per il 2011, come gli aggiornamenti alla famiglia Superbike (848 evo e 1198 SP) o le nuove livree per Monster e Streetfighter».

Gabriele Del Torchio ha anche commentato i risultati dei primi otto mesi del 2010 affermando che: «Nonostante un andamento del mercato del motociclo in contrazione in tutto il mondo Ducati, grazie alla sua politica di prodotto e alla qualità della propria rete distributiva è cresciuta sia per quanto riguarda la quota di mercato, che ha raggiunto l’8,5%, sia in termini di volumi, che sono aumentati del 5%” rispetto al 2009». (dato YTD agosto)

A polarizzare l’attenzione del numeroso pubblico intervenuto alla kermesse tedesca è, ancora una volta, la Multistrada 1200, frutto del genio e della tecnologia italiana “made in Borgo Panigale”.
Arrivata a marzo del 2010, questa esaltante ed innovativa proposta Ducati ha subito conquistato il mercato. Per il 2011 la moto non presenta alcuna modifica o aggiornamento rispetto alla versione attualmente in commercio, ulteriore conferma della validità del progetto e dell’elevato standard qualitativo raggiunto con questo prodotto.
INTERMOT è anche la prima occasione pubblica per poter celebrare la recente vittoria alla “Pike’s Peak International Hillclimb”, la gara in salita che si svolge ogni anno sulle montagne che circondano Colorado Springs (USA), dove è fondamentale adattarsi con rapidità all’asfalto e allo sterrato delle 156 curve che caratterizzano il percorso della prova. La moto del vincitore, l’americano Greg Tracy, è stata fatta arrivare a Colonia direttamente dagli USA per condividere con i propri fan questa importante e storica vittoria, ulteriore conferma della versatilità e delle potenzialità della Multistrada 1200.

848 EVO


Importanti novità, in assoluta anteprima sulla gamma 2011, sono state presentate a Colonia per quanto riguarda la famiglia Superbike Ducati. Il nuovo 848EVO, gioiello “bicilindrico” da 140cv, equipaggiato, in questa sua evoluzione, con pinze monoblocco Brembo ed ammortizzatore di sterzo. A queste importanti e prestazionali novità tecniche si aggiunge anche una nuova, accattivante livrea “artic white”, resa ancora più aggressiva ed originale dall’accostamento cromatico con telaio e cerchi si colore rosso.

1198 base e 1198 SP


Anche Il 1198 è pronto per soddisfare un mercato sempre più esigente e sensibile alle innovazioni tecnologiche e grazie all’esperienza maturata dalle “rosse di Borgo Panigale” in pista. La “superbike” per eccellenza si arricchisce, come equipaggiamento standard su tutte le versioni, del Ducati Traction Control (DTC), del Ducati Data Analyser (DDA) e del nuovissimo cambio elettronico (Ducati Quick Shifter – DQS).
Per il 2011, alla “arricchita” versione base del 1198 si affianca quindi il nuovo 1198 SP, che sostituisce la precedente versione S – S “corse”, dotato di DTC, DQS, DDA, sospensione posteriore Ohlins TTX, frizione antisaltellamento e serbatoio in alluminio, oltre ai cerchi in lega, componenti in carbonio e forcella Ohlins che già qualificavano la versione S.

Streetfighter S

Nuove livree per la moto che identifica lo spirito di una Superbike con il carattere da fighter. Per il MY2011, lo Streetfighter si presenta nella versione base con la nuova colorazione artic white mentre lo Streetfighter S viene reso ancora più accattivante attraverso nuovi accostamenti cromatici: telaio rosso per la versione rossa e telaio racing black per un’inedita colorazione diamond black. Oltre ad un cover radiatore rifinito in nero su tutte le versioni, lo Streetfighter S sfoggia ora in entrambe le colorazioni nuovi ed aggressivi cerchi ruota neri.

Monster


Più comfort, più sicurezza e nuove colorazioni per l’icona “naked” Ducati. La gamma Monster per il 2011 vede alcune importanti modifiche.
Partendo dalla “entry level” 696, si è lavorato sul comfort di guida alzando il manubrio di 20 mm rispetto alla versione precedente e cambiando il telaietto posteriore per ospitare le comode maniglie passeggero (accessorio Ducati Performance). Anche sulla ciclistica è stato fatto un consistente passo in avanti equipaggiando il Monster 696 MY2011 con una nuova forcella Marzocchi da 43 mm, con un set-up ulteriormente migliorato in funzione di una guida più confortevole.
Proposte anche due inedite colorazioni: “dark stealth” e “stone white” che si accostano perfettamente con la nuova colorazione del manubrio cromato opaco.
 

  • timer1425, Fiume Veneto (PN)

    ???

    Ma di che si sta' parlando qui???
    Delle migliorie che apportano ad un modello?
    E chissenefrega, magari ti trovavi meglio con quello precedente!!!
    L'unica cosa che cambia tra un monster MY 2009 e uno MY 2010 è quello che ci sta' seduto sopra...
    Nessun di noi piloti "normali" è in grado di trovarci delle differenze apprezzabili.
    Con una o con l'altra il nostro "tempo sul giro" non varierebbe di una virgola!!!
    Le moto vanno provate personalmente, e non per 10 minuti dal concessionario!!!
    Dopo di che si può esprimere un giudizio, ma non leggendo un articolo.
    Purtroppo nessuno è però disposto a fartele provare per più tempo...
    Nel caso ducati comunque è indifferente quale sia il modello, tanto non perde mai di valore.
    Ne posseggo una del 1992 (18 anni) perfettamente funzionante e potrei venderla allo stesso prezzo di una qualsiasi Jap con 3 o 4 anni sulle spalle...
    valutate un po' voi...
  • antonio_48, Giulianova (TE)

    Bellissime

    Peccato che tecnicamente e affidabilità siano dei veri"catenacci" anteguerra.
Inserisci il tuo commento