Traguardi

Benelli e il traguardo delle 50.000 moto vendute nel mondo

- Un record, non soltanto simbolico, che Benelli potrebbe già raggiungere a fine 2019. Appena cinque anni fa, Benelli era a quota cinquemila
Benelli e il traguardo delle 50.000 moto vendute nel mondo

Del rapido sviluppo nelle vendite ottenute in Italia nell’ultimo biennio abbiamo già scritto, così come del singolare successo della TRK502 che a luglio di quest'anno è stata la moto più acquistata in Italia.

Il trend di crescita della cinese Benelli, è controllata dalla Qianjiang Motorcycle, è importante e va di pari passo con la costruzione di una gamma moto di nuova generazione che vedrà presto altre novità di cilindrata medio alta.

Rilevata nel 2005, la Benelli QJ ha infatti docuto attendere quasi dieci anni per vedere la sua produzione toccare le 5.000 unità.
Nel 2014 le immatricolazioni totali Benelli in Italia sfiorarono la 500 unità e il veicolo più venduto dalla marca fu lo scooter Caffenero 150 (147 esemplari). Un anno dopo, le vendite balzarono a quota 905 grazie all’arivo in vendita della BN302: 393 gli esemplari venduti in Italia.

Nel 2017, grazie all’arrivo della TRK 502 che nel suo primo anno totalizzò 929 vendite, le immatricolazioni salirono a 2.040. Per schizzare a 5.077 l’anno dopo: nel 2018 sono state 2.233 le TRK502 vendute, a cui si sono aggiunte 1.396 unità del modello Leoncino 500.

Informazioni fornite dalla società MotorcyclesData aggiungono che nel 2018 le vendite Benelli nel mondo hanno raggiunto le 43.137 unità, mentre nel primo semestre di quest’anno si è registrato un ulteriore incremento dell'8,9% rispetto a dodici mesi prima.

Inoltre, sempre secondo MotorcyclesDatanel volgere di pochi anni è cambiato il mix dell’export: se nel 2015 soltanto il 29% delle vendite Benelli si registrava in Europa, e il 61% andava all’area ASEAN, adesso la prima area d’esportazione è diventata l’Europa (con il 39%), mentre il primo mercato è ora quello italiano (che ottiene il 17% del totale), davanti a quelli di Stati Uniti e Argentina.

Il traguardo delle 50.000 l’anno si sta insomma avvicinando rapidamente: magari accadrà già alla fine del 2019, o al più tardi l’anno prossimo.
 

Vedi il listino del nuovo della gamma Benelli

Vedi il listino del nuovo della TRK 502

Vedi le offerte del nuovo per la TRK 502

Vedi le offerte dell'usato per la TRK 502

Leggi le nostre prove della TRK 502

  • Alexmc, Milano (MI)

    Sempre meglio cinese che fallita, per cui bene così e mi auguro che le vada anche meglio. Tra l'altro tra un pò di anni la situazione si capovolgerà e faremo magari noi gli operai per le aziende cinesi che delocallizeranno, quindi sarà vero made in Italy.
  • Marco Ferrari

    Qianjiang ha 14000 dipendenti, la sede di Qianjiang di Pesaro nemmeno 50: vorrei capire dove stia il motivo di soddisfazione per i successi di un marchio che non vale nemmeno la pena chiamare con un nome italiano.
    Le moto arrivano in una cassa di legno, dalla Cina ed il concessionario fa solo la messa in strada. La rete Qianjiang nel modo è sterminata e contrabbanda un prodotto cinese con un nome più suadente: nel settore del cibo questa è una frode basata sul cosiddetto "italian sounding".
    Come vedete basta cambiare il nome e l'effetto è radicalmente diverso.

    Vorrei poi capire dove le vendono queste moto in Italia: come fa notare qualche altro commentatore, con tutti i chilometri che faccio nel centro-nord, gli avvistamenti si contano sulla punta delle dita e non ho mai avuto occasione di conoscere un proprietario per chiedere come va la moto. L'anno scorso provai la Leoncino in una prova clienti e la trovai piena di difetti.
Inserisci il tuo commento