Questione di stile

Talk show Eicma 2016: moto e Design

- Il design è sempre stato importantissimo nel decretare o meno il successo di una moto, ma negli ultimi anni è quasi salito al primo posto nella scelta di un modello. Parliamo dell'evoluzione dello stile con Julien Clement (Ducati), Maurizio Carbonara (Honda), Marco Lambri (Gruppo Piaggio) e Fabrizio Giugiaro. Modera la discussione Nico Cereghini

L'importanza del design è cresciuta enormemente negli ultimi anni e parallelamente si è complicato il lavoro dei designer, che alla capacità creativa hanno dovuto aggiungere maggiori competenze tecniche e imparare a fare i conti con esigenze produttive via via più complesse.

Quello dei designer è un mestiere difficile ma affascinante, perché il loro lavoro è il primo che si apprezza quando si guarda un nuovo modello di moto. Forme, linee, colori, ci trasmettono immediatamente un mucchio di informazioni sulla personalità di un modello e ci parlano di molto altro ancora.

A questo incontro allo stand di Moto.it, a Eicma, hanno partecipato designer di differente estrazione. C'è il giovanissimo Julien Clement, che ha già disegnato le Scrambler Ducati e la nuova Super Sport bolognese; ci sono Maurizio Carbonara che, fra gli altri modelli, per Honda ha firmato l'Africa Twin, il nuovo X-ADV e il concept Africa Twin Sports mostrato proprio a Eicma, poi Marco Lambri, direttore del centro stile Piaggio che opera per i marchi Aprilia, Gilera, Moto Guzzi, Derbi, Piaggio e Vespa. Infine Fabrizio Giugiaro, già vicepresidente di Italdesign e alla guida di Giugiaro Architettura, che nella sua esperienza professionale ha avuto modo di approcciare il campo moto ed è un motociclista.

Come sono cambiati il ruolo e la figura di chi fa lo stile? Perché chi disegna le auto non disegna le moto? Quali sono le linee di tendenza? Cosa funziona sempre e cosa è superato? A queste e ad altre domande di Nico Cereghini, che riguardano Il design e le nuove sfide fra storia e futuro, rispondono i quattro qualificati ospiti di questo incontro.

 

  • noiseiskinky3695, Calcinaia (PI)

    Servizio molto bello, grazie.
    Da utente anch'ío ho visto alcune cose che mi hanno molto colpito, le vit e svart pilen di husqvarna su tutte. In generale un certa rinnovata vivacita', ed e'anche bello rivedere una ricerca di essenzialita', anche se una certa bulimia estetica e funzionale e'ancora predominente.

    Da appassionato guzzista solo una piccolo "dolore" nell'ascoltare Marco Lambri quando dice che la moto piu'bella che ha visto e'la nineT racer: sono possessore di un V11 (del compianto Marabese) ed e'un po' che aspetto una sua erede... :)

    Complimenti a tutti e buon lavoro.
  • damanCN, Sant'Omobono Terme (BG)

    centro stile PIAGGIO ??

    Di cosa si occupano precisamente al centro stile Piaggio ?? Me lo domando considerando che nuove moto non se ne vedono MAI, se togliamo il solito cambio di colore del serbatoio della V7, la riverniciatura della California per farla diventare Audace, Eldorado, ecc.. ecc..
    Per la Caponord Aprilia non fanno più nemmeno quello.. neanche la portano in fiera.. a forse è per lasciare posto al barbiere.. e al bar.. il più grande bar di tutta L'EICMA.. solo le moto mancano.. poi il resto c'è tutto..
    Avrebbero almeno potuto esporre dei quadretti votivi con immagini della Griso, della Norge, della Stelvio.. che ci hanno lasciato per sempre..
    Due marchi gloriosi come Moto Guzzi e Aprilia non meritano questa fine misera..
    Spero che il gruppo Piaggio si svegli oppure che li ceda, anche ad un marchio straniero.. sempre meglio dell'attuale gestione.

    Lamps !!
Inserisci il tuo commento