Salone di Milano

EICMA 2018: Yamaha 3CT 300 Concept

- Un nuovo tre ruote Yamaha con motore 300 e sistema di blocco verticale. E' presentato in forma di concept ma prefigura in maniera chiara il modello di serie che amplia verso l'alto la serie Tricity

Se Piaggio è stata la prima a realizzare uno scooter a tre ruote nel 2006, l'MP3, Yamaha è la casa che si sta muovendo in maniera più ampia nel segmento dei multiruota.

Dopo aver lanciato gli scooter Tricity 125, nel 2015, Tricity 155, nel 2017, e la prima moto a ruote, la Niken, giunta in vendita quest'anno, la marca nipponica presenta a Eicma un concept molto vicino all'entrata in produzione.
Si tratta del “3CT”, in attesa del nome commerciale, e riprende il concetto dei tre ruote Tricity facendo compiere al progetto uno sviluppo verso prestazioni e abitabilità superiori. 

Si rivolge sempre alle esigenze di commuting, con il motore 300 Blue Core, lo stesso dell'XMAX 300, che ne rende adatto l'utilizzo su percorsi più lunghi e autostradali compresi.
Per la prima volta in casa Yamaha è introdotto il sistema Tilt Lock Assist che blocca la sospensione anteriore e quindi il mezzo in posizione verticale nelle soste al semaforo, evitando di poggiare i piedi a terra, come in parcheggio.

L'estetica ricorda molto ma famiglia MAX, mentre la parte anteriore più sportiva accenna alla Niken. Oltre alla sella stampata in 3D con inserite strisce di luci Led, si notano la composizione a mosaico dei vari pannelli che compongono le sovrastrutture e la colorazione grigia con inserti blu elettrico.
Sebbene sia definito concept, mancano giusto gli specchi retrovisori per farne un modello pronto alla vendita. Aspettiamoci dunque qualcosa di molto simile a questo 3CT fra non molto in vendita.

  • motogatto05, Lodi (LO)

    Figurati, puoi anche farti gli affari miei! Di Piaggio, a parte che nel passato remoto, sono già stato felice possessore di un X10 350, che reputo essere un gran mezzo, talmente grande che hanno capito in pochi qui in Italia; potenza specifica più elevata della concorrenza, fluidità e silenziosità di trasmissione da primato, ottima dotazione (il primo a offrire l’ASR) ma finiture solo discrete e costo elevato. Uscito di produzione da un paio di anni. Per avere lo stesso motore montato su MP3 si è dovuto attendere fino a EICMA 2017 e comunque dimensioni e pesi un po’ eccessivi per il traffico urbano. Yourban non dotato della stessa motorizzazione e tecnica e per me meno accattivante, anche dinamicamente. Questo mi piace esteticamente, vedrò il resto con grandi aspettative sulle finiture e doti dinamiche dov’è, mi sembra, YAMAHA sia in grado di dire la sua, sopratutto quando decide di credere in un concept tecnico, trasferendolo per primo in una moto. Starò a vedere, giudicando senza preconcetti ne campanilismi che poco dovrebbero importarci in un mondo globale. Tra l’altro YAMAHA produce e sviluppa anche in Italia, garantendo occupazione e investimenti.
  • motogatto05, Lodi (LO)

    Meraviglioso, a parte quella strisca di luci a LED laterali che fanno molto fantascienza; qualcosa di più sobrio e altrettanto funzionale per farsi vedere anche di fianco? Le luci a Led servono all'anteriore perchè fanno la differenza in termini di visibilità offerta. Per il resto, se il prezzo non sarà eccessivamente diverso da quello dell'XMAX la vedo fortemente candidata a ........ entrare nel mio box!
Inserisci il tuo commento