Salone di Milano

EICMA 2017: Moto Guzzi V7 III e V9 MY 2018 [VIDEO]

- Al Salone di Milano Moto Guzzi porta le versioni rinfrescate delle proprie custom e cruiser

Ad EICMA 2017 Moto Guzzi porta alcune novità, allargano la famiglia V7 III con le nuove versioni speciali Carbon, Rough e Milano, omaggio di Moto Guzzi all’arte della customizzazione. Le tre versioni sono contraddistinte dal differente allestimento, ottenuto introducendo alcune parti speciali dedicate. V7 III Carbon (in edizione limitata e numerata) celebra la customizzazione, portando numerosi componenti in fibra di carbonio, oltre ad alcuni dettagli a contrasto di colore rosso, come le teste del motore, le cuciture della nuova sella in Alcantara e la pinza del freno Brembo anteriore. V7 III Rough si distingue per gli pneumatici tassellati montati su cerchi a raggi. La dotazione è completata dalla sella dedicata con impunture e cinghia di appiglio per il passeggero e dalla coppia di fianchetti laterali in alluminio. V7 III Milano si distingue per l’equipaggiamento superiore che comprende la strumentazione a doppio quadrante circolare, le cromature degli scarichi e il maniglione d’appiglio del passeggero. Si distingue per le tinte lucide del serbatoio e per i cerchi a razze che contribuiscono a regalarle un aspetto moderno. La dotazione di serie è completata dai parafanghi e i fianchetti laterali realizzati in alluminio.

Per quanto riguarda invece i modelli 2018 delle V9, troviamo dei perfezionamenti alla Roamer e Bobber, che sono ora contraddistinte da una maggiore differenziazione, con due personalità nettamente distinte: una più turistica e l’altra più sportiva. V9 Roamer diventa ancora più adatta ai lunghi viaggi, introducendo una nuova coppia di ammortizzatori posteriori e un nuovo cupolino protettivo, mentre la V9 Bobber guadagna invece nuove grafiche opache ed è disponibile in tre varianti cromatiche: Blue Impeto, Nero Notte e Grigio Tempesta.  

  • Freschinet !, Latina (LT)

    solo Moto Guzzi fa ancora moto essenziali...per andare in moto e basta! grazie!
  • Adami Ezio, Villafranca di Verona (VR)

    Servizio un po' povero come un po' povere sono queste Moto Guzzi.
    Non basta aggiungere qualche cromatura, qualche parte nero opaco o particolari colorati, in fondo il prodotto "moto" rimane sostanzialmente invariato da tanto tempo.
    Quello che invece apprezzo è il fatto che restano delle moto umane, dalla linea sobria e gradevole, senza soluzioni estetiche ardite e/o astruse, saranno anche giudabili e godibili considerati le dimensioni e il peso, la potenza sarà senz'altro adeguata per divertirsi e gestibile senza difficoltà.
    Vedremo se il mercato premierà la Moto Guzzi.
Inserisci il tuo commento