test pneumatici

Metzeler Sportec M7 RR. La prova dello pneumatico sportivo a tutto campo

- L'ultimo nato della famiglia Metzeler, lo Sportec M7 RR, è stato pensato per i motociclisti con aspirazioni sportive che vogliono divertirsi su strada come in pista. Sono pneumatici che danno grip anche in condizioni critiche
Metzeler Sportec M7 RR. La prova dello pneumatico sportivo a tutto campo
Metzeler Sportec M7 RR
Metzeler Sportec M7 RR


Per arrivare a costruire uno pneumatico che si adatti ad ogni tipo di condizione dell'asfalto è stato fatto un lavoro a 360 gradi dal punto di vista delle mescole, garantendo così più efficenza nelle situazioni di guida sportiva e in quelle tranquille, anche grazie ad una disposizione degli incavi che assicurasse grip su asciutto e contemporaneamente un buon drenaggio dell’acqua e stabilità in curva. Per mantenere gli incavi aperti, quando la gomma è a contatto con l’asfalto, e permettere così il drenaggio dell'acqua, questi vengono interrotti da elementi di mescola che migliorano la stabilità del battistrada e la regolarità di usura.

Rispetto al suo predecessore, lo Sportec M5 Interact, i tecnici Metzeler hanno rivisto anche il rapporto tra pieni e vuoti. Ora Sportec M7 RR è cresciuto del 14,7% sull’anteriore, rispetto al 12,6% del modello precedente, questo perchè lo pneumatico anteriore svolge un ruolo di primaria importanza nel drenaggio dell'acqua e diminuito dal 12,6% all’11,1% sul posteriore.

Parliamo di mescole: nuove anche le mescole, realizzate per questo pneumatico Metzeler, con contenuti alti di silice che permettono di avere prestazioni sportive anche a temperature alte sull'asciutto e con temperature più basse sul bagnato. Lo pneumatico anteriore, con 100% silice, è completamente mono-mescola, mentre al posteriore troviamo un bi-mescola, questa caratteristica permette di avere materiali specifici nella fascia centrale del battistrada, consentendo cosi l'aumento all'abrasione e una resa chilometrica maggiore del 20%. Le spalle, composte sempre da un 100% di silice forniscono un grip maggiore su asfalti asciutti e bagnati.

Il nuovo pneumatico di Metzeler è stato disegnato con un'altezza dei profili maggiori rispetto al suo predecessore, Sportec M5 Interact e composti da due raggi di curvatura invece che tre. Questo permette di poter scendere in piega subito avendo sempre a disposizione una superfice di appoggio in curva maggiore.
 

metzeler sportec m7 rr test 08


Il nostro test su strada


Saliamo in sella alla Triumph Street Triple R e iniziamo a prendere confidenza con il nuovo Sportec M7 RR lungo la strada che da Lecco ci porta al Passo della Aprica. I primi chilometri, per la maggior parte sempre dritti, ci fanno apprezzare sin da subito l’ottima stabilità dello pneumatico, anche quando l’asfalto inizia a non essere in perfette condizioni come in pista. Buche e asfalto sconnesso non mettono in crisi la stabilità, che risulta essere sempre ai massimi livelli. E qui iniziamo a capire perché l’esperienza di Metzeler nelle Road Race sia così importante per lo sviluppo di questo pneumatico sportivo.

Iniziamo ad aumentare il ritmo sulle prime curve della Aprica fino ad arrivare al Passo Gavia. Sui tratti veloci, come in quelli lenti, l’appoggio in curva ci da confidenza sin da subito, permettendoci di piegare in tutta sicurezza e senza mai un minimo di timore. La discesa in piega e la rapidità dei cambi di direzione ci lasciano sbalorditi, tanto che si raggiunge un feeling tale da avere la sensazione di montare queste gomme da una vita. Salendo al PassoGavia le temperature basse e l’asfalto umido ci consentono di mettere alla prova lo Sportec M7 RR anche con queste condizioni difficili. Qui il loro comportamento non ci mette in crisi, anzi, il grip offerto con l’asfalto leggermente bagnato rimane ottimo, consentendoci di affrontare le curve in discesa, verso Bormio, in tutta tranquillità senza mai perdita di aderenza. La mescola 100% silice e il disegno del battistrada dedicato ci permettono di mantenere una guida sportiva, sempre entro i limiti, anche alle basse temperature e con asfalti scivolosi o sporchi.

 Il pneumatico anteriore 100% silice
Il pneumatico anteriore 100% silice


Ora finalmente ci aspettano i tornanti del famoso Passo dello Stelvio, sole, cielo sereno e asfalto caldo sono le condizioni ideali che tutti i motociclisti desiderano avere e ne approfittiamo per iniziare a sfruttare al meglio lo pneumatico, spingendo sin dalle prime curve. Affrontiamo i primi tornanti e le prime curve ampie, con cambi di direzione e discese in piega veloci, senza avere mai la sensazione che la moto stia per cadere e dover così raddrizzare e correggere la traiettoria. Queste Sportec abbinate alla nostra Triumph Street Triple R sono un’accoppiata vincente. Controllo e stabilità non vengono mai a mancare anche quando si devono affrontare curve a moto inclinata ancora con la mano sul freno. Arrivati in cima al Passo dello Stelvio le nostre gomme non presentano nessuna imperfezione esteriore e rimaniamo visibilmente stupiti da come abbiano lavorato bene e omogeneamente. Una gomma quindi, a nostro giudizio, adatta sia per un uso turistico ma che si comporta bene anche per un uso sportivo e che non disdegna qualche uscita in pista.

Le misure


METZELER SPORTEC M7 RR è già disponibile sul mercato nelle seguenti misure:
Anteriore
110/70 ZR 17 M/C 54W TL
120/60 ZR 17 M/C (55W) TL
120/70 ZR 17 M/C (58W) TL (M)

Posteriore
150/60 ZR 17 M/C 66W TL
160/60 ZR 17 M/C (69W) TL
180/55 ZR 17 M/C (73W) TL
190/50 ZR 17 M/C (73W) TL
190/55 ZR 17 M/C (75W) TL
200/55 ZR 17 M/C (78W) TL

Sono stati utilizzati


Casco X-lite
Giacca Rev'it!
Guanti Spidi
Pantaloni IXS
Stivali Alpinestars

Foto di Orazio Truglio

  • domenibianco, Monteiasi (TA)

    sembrano ottime...ma meglio queste o le racetec rr k3?
Inserisci il tuo commento