Normative e sicurezza

Dentro le certificazioni: calzature protettive per motociclisti

- Un viaggio dentro RicoTest, un centro specializzato per osservare come si svolgono i test di verifica sull'abbigliamento specialistico per motociclisti. Abbiamo accompagnato TCX, che da sempre certifica tutta la sua gamma di calzature, in una... giornata di ordinarie verifiche.

Si fa un gran parlare, soprattutto fra motociclisti, di certificazioni ed omologazioni CE per quanto riguarda le protezioni specifiche. Ma si fa anche – spesso – un po’ di confusione pensando che le normative prevedano soltanto test riservati a paraschiena, protezioni per gomiti, spalle o ginocchia: insomma, che siano prove riservate solamente all’abbigliamento, per così dire, professionale. Quello da indossare quando si parte per il viaggio del weekend, per la smanettata sul passo, o per il turno libero in pista.

I più attenti avranno però notato come sempre più spesso le Case produttrici di abbigliamento abbiano anche in catalogo diverse proposte dal look casual, adatte all’uso disimpegnato. Insomma, quel genere di giacche, pantaloni o scarpe, che si possono indossare per andare in moto in ufficio, al bar o comunque in tutte quelle occasioni dove magari vestirsi come per affrontare la Dakar o il Gran Premio d’Italia sarebbe un po’ fuori luogo o semplicemente scomodo.

E’ evidente come tutti questi capi, al contrario, non siano certo stati pensati per offrire la massima sicurezza e prestazioni nell’uso sportivo delle moto. Però, allo stesso tempo, sono capaci di proteggervi infinitamente meglio di quanto non faccia un capo non specifico: la stessa malaugurata scivolata può avere conseguenze ben diverse con una sneaker alla moda o una scarpa – magari altrettanto casual nella linea – pensata specificamente per le (dis)avventure motociclistiche.

Ma ne siamo davvero sicuri? Noi per primi, pur lavorando nel settore, avevamo una vaga idea dei test cui vengono sottoposti questi capi per ottenere le certificazioni (ora obbligatorie per legge della Comunità Europea) per poter vendere un determinato capo, o una calzatura, come "abbigliamento protettivo per motociclisti". E allora abbiamo approfittato di una normale giornata di lavoro di RicoTest (il primo istituto italiano per la certificazione europea di prodotti e dispositivi per la protezione individuale per il lavoro e lo sport, a due passi da Verona) con alcuni prodotti TCX, per andare a curiosare di persona, assistendo ai test cui sono state sottoposti scarpe Street Ace e stivali RT Race Pro.

Il risultato, ve lo anticipiamo, è che non c’è paragone. Pur se ovviamente meno protettive rispetto a stivali e stivaletti professionali – e infatti certificate CE livello 1 e non livello 2 – queste calzature tecniche sono un altro mondo rispetto a quanto non possa offrire una scarpa non tecnica. Non abbiamo sottoposto una normale sneaker agli stessi test, ma non è difficile immaginare come finirebbero; gli stessi tecnici, quasi ridendo, ci hanno raccontato diversi esempi di “vita vissuta” sul come ci sia una differenza di diversi ordini di grandezza fra le prestazioni protettive di una calzatura tecnica e quelle di una normale scarpa casual. Adesso non avete davvero più scuse…

  • DettoFatto, Lodi (LO)

    Intendevo dire che l’intervento degli Organismi Notificati (laboratori) è necessario solo "quando è espressamente previsto dalle Direttive. In genere, ciò avviene quando si tratta di prodotti particolarmente pericolosi (es. apparecchi a gas, apparecchi a pressione). Negli altri casi il fabbricante può “autocertificare” il prodotto apponendo la marcatura CE, dopo aver proceduto geli stesso alle verifiche di rispondenza ai requisiti di sicurezza richiesti dalle Direttive stesse".

    https://www.consumatori.it/acquisti/la-marcatura-ce-tutte-le-risposte/

    ma mi (vi) chiedo se ciò resterà valido per i capi per i motociclisti anche dopo l'entrata in vigore del regolamento 2016/425 l'aprile prossimo
  • DettoFatto, Lodi (LO)

    E' utile ricordare che l'apposizione del marchio CE (la "marcatura") NON necessita del coinvolgimento di un organismo notificato (laboratorio esterno) che esegua i test.
    La marcatura CE può essere fatta dal fabbricante.
    Almeno per ora...
    ...infatti vorrei capire (chiedo aiuto agli amici di moto.it) cosa succederà quando, a partire dal 21 aprile 2018, entrerà in vigore il regolamento europeo 2016/425 relativo ai Dispositivi di Protezione Individuale (DPI).

    Quindi (almeno per il momento) è particolarmente importante apprezzare che TCX (e le eventuali altre aziende che si affidano a laboratori esterni) fanno PIU' di quello che la normativa richiede!

    ecco il testo del regolamento

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:32016R0425&from=IT
Inserisci il tuo commento