gp di monza

SBK. Melandri si aggiudica le qualifiche alla Superpole

- Su di una pista non completamente asciutta si migliorano in pochi e Melandri rimane in testa alla classifica con il suo tempo di ieri. Esclusi dalla Superpole Akiyoshi, Iannuzzo e Aitchison| C. Baldi, Monza
SBK. Melandri si aggiudica le qualifiche alla Superpole


Il sole è tornato a splendere sul tempio della velocità ma non è ancora riuscito ad asciugare completamente la pista brianzola, che presenta ancora qualche chiazza di bagnato. Per questo motivo la maggior parte dei piloti ha preferito non rischiare una caduta che avrebbe potuto compromettere il resto del weekend. In testa alla classifica troviamo ancora Melandri davanti a Rea e a Guintoli. Il francese dell’Aprilia si è migliorato rispetto a ieri ma ha confermato il suo terzo posto. Tra i piloti di vertice oltre a Sylvain si sono migliorati anche Laverty, Camier e Davies.


Il pilota della BMW che ieri ha distrutto la sua S1000RR ha portato in pista la moto derivata dal rolling chassis e la metterà a punto anche nelle libere di questo pomeriggio in modo da essere poi pronto per la Superpole. Si è migliorato anche Lai che centra la Superpole così come il suo compagno di squadra Sandi. Ne restano invece esclusi il sostituto di Haslam, il giapponese Akiyoshi, Iannuzzo ed Aitchison con la vecchia 1198. Alle 15 il via alla quarta Superpole della stagione. Se le condizioni meteo non cambieranno il best lap di Biaggi del 2011 potrebbe essere a rischio. Occhi puntati sulle Aprilia e sulle BMW, senza ovviamente sottovalutare Mr.Superpole Tom Sykes.


Classifica


Monza - FIM Superbike World Championship - Qualifying 2
1. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 1'42.883
2. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 1'43.157
3. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1'43.167
4. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1'43.521
5. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1'43.535
6. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 1'43.623
7. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 1'43.849
8. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1'43.961
9. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 1'44.090
10. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 1'44.466
11. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 1'44.793
12. Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 1'44.823
13. Fabrizio Lai (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1'45.704
14. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale R 1'45.855
15. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1'46.179
16. Mark Aitchison (Team Effenbert Liberty Racing) Ducati 1098R 1'46.523
17. Kosuke Akiyoshi (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 1'46.631
18. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 1'46.827
19. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 1'44.763

  • Domenico.Bruno, Prato (PO)

    ancora col telaio portante?

    Sono anni che il telaio sembra essere controproducente,non solo perchè detto da Rossi,ma anche perchè gli altri piloti ducati non sembravano molto sereni(addirittura il campione del mondo se ne andò in honda o sbaglio?). Nonostante ciò è stata prodotta una moto di serie e risultato:
    non va bene (alla guida non c'è andato certo l'ultimo dei piloti amatoriali).
    Intanto le altre case motociclistiche hanno continuato a seguire le vie di un giusto progresso,quindi se la Ducati era rimasta indietro di 2 anni in verità ne sono 4!
    Errare è umano,perseverare è diabolico...
  • fabrix06, Frosinone (FR)

    ducati...svegliatevi e lavorate su questa splendit

    si....ducati tra il ciclone rossi in moto gp e la mancanza di una squadra ufficiale in sbk sta soltanto perdendo tempo e rovinando un immagine del marchi che ad oggi ancora e' il piu quotato a livello mondiale ....ma se non si svegliano tra avvicendamenti dei manager e sopratutto se non decidono quale fronte vogliono portre in alto tra moto gp e sbk rischieranno di rovinare un progetto innovativo il quale avrebbe potuto rivoluzionare il mondo delle moto....ma invece ce chi si ostina facendo discorsi di parte tra un valentino che come sta domostrando con yamaha ormai sotto tono e un antinazionalismo immotivato di criticare il telaio portante che nei contesti che ho espressi ha solo la colpa di non essere sviluppato da una squadra concreta e affamata di vittorie come ducati e' sempre stata.
Inserisci il tuo commento