team sbk

Romano Albesiano è il nuovo direttore sportivo Aprilia

- Dopo le dimissioni di Dall'Igna Romano Albesiano assumerà la responsabilità della gestione sportiva Aprilia in aggiunta all'incarico attualmente ricoperto di Responsabile del Centro Tecnico Moto del Gruppo
Romano Albesiano è il nuovo direttore sportivo Aprilia


Il Gruppo Piaggio annuncia che l'ing. Romano Albesiano assumerà la responsabilità della gestione sportiva Aprilia in aggiunta all'incarico attualmente ricoperto di Responsabile del Centro Tecnico Moto del Gruppo. Il Gruppo Piaggio comunica altresì di avere immediatamente accettato le dimissioni presentate dall'ing. Luigi Dall'Igna - pur augurandogli come è naturale i migliori successi per il futuro - per le differenze di visione strategica in tema di gestione sportiva, e in considerazione dei risultati sinora conseguiti nella stagione 2013 del Mondiale Superbike.


Biografia

Nato a Carrù (Cuneo) 50 anni fa, laureato in Ingegneria Aeronautica presso il Politecnico di Torino, Romano Albesiano ha intrapreso la propria carriera nell'ambito di Cagiva Motor S.p.A., dove ha tra l'altro partecipato allo sviluppo delle moto 500 GP nelle stagioni 1991-94. Ha inoltre operato, dal 1995 al 1997, in Fondmetal Technologies in qualità di capoprogetto aerodinamica per le vetture Mercedes AMG nei campionati DTM (con il 1° posto finale nel 1995 e il 2° posto nel 2006) e GT FIA.


Rientrato in Cagiva Motor nel 1998, Albesiano è giunto a ricoprire la posizione di Responsabile dell'R&D Motoveicoli per i marchi Cagiva e Husqvarna, e della gestione dell'attività sportiva per il marchio Husqvarna con la vittoria di due titoli mondiali.

Entrato a far parte del Gruppo Piaggio nel 2005 in qualità di Responsabile Sviluppo Prodotto del brand Aprilia, Romano Albesiano è attualmente Responsabile del Centro Tecnico Moto che opera per l'intero Gruppo Piaggio, carica che manterrà insieme alla guida del team di tecnici di Aprilia Racing, anche al fine di rafforzare la strategia di stretta correlazione tra la produzione di serie e la gestione delle attività agonistiche del Gruppo Piaggio.


Nella veste di Responsabile del Centro Tecnico Moto, Romano Albesiano ha tra l'altro diretto lo sviluppo della moto Aprilia RSV4 e del suo motore 1.000cc V4, straordinarie basi tecniche intorno alle quali Aprilia Racing ha potuto costruire le quattro vittorie iridate sinora conquistate nel Campionato Mondiale Superbike.


Oltre ad avere sviluppato a Noale l'attuale gamma moto del marchio Aprilia, che insieme alla RSV4 vanta modelli quali la Tuono V4, la Caponord 1200 e la gamma Dorsoduro, Albesiano con il proprio team di tecnici ha gestito con successo il rinnovamento della gamma prodotti di Moto Guzzi, che ha incluso lo sviluppo della nuova generazione della gamma V7 da 750cc e delle straordinarie Moto Guzzi California 1400 nelle versioni Touring e Custom, punte di diamante del "Marchio dell'Aquila" di Mandello del Lario.

  • MAXPAYNEIT, Fusignano (RA)

    Preziosi farebbe

    bene a rimanere dov'e',cioe' in pensione.
    Non perche' e' un incapace lui(anche se le sue ultime evoluzioni tecniche si sono rivelate dei flop assurdi,tanto da parlare con l'ex ingegnere yamaha di rossi,per cercare consigli su come fare una moto da gp,decente per tutti),ma perche' ,cacciato da ducati,non avrebbe senso un rientro,cosi' da doversi accodare di nuovo a diktat manageriali assurdi.
    Dall'igna lo vedo assai meglio di preziosi,se gli danno carta bianca nella sua veste di direttore sportivo ducati corse.
    Non mi stupirebbe affatto,sentirlo urlare dentro ai box,per l'insensatezza lavorativa del reparto corse,la loro presunta aria di superiorita' che li ha condotti al nulla sportivo.
    Credo che uno che dia delle belle strigliate e motivi quel branco di patacca bolognesi,al lavoro piu' duro e costante,ci voglia proprio.
    E un venetaccio vecchia maniera,e' proprio quello che ci vuole.
    Non di meno,potrebbe dare carta bianca a progetti fino ad oggi ritenuti assurdi o fatti da ingegneri non "allineati" alla filosofia ducatista.
    Mi ripeto,non voglio sentire nessuno sbraitare se dall'igna,fara' in modo di creare una rsv4 con carene ducati.
    Per come e' messa ora,una rsv4 con freni in carbonio,la vedo fare assai meglio del baraccone rosso di bologna.
    Non stupiamoci se parecchie cose di ducati si perderanno per strada.
    Prendere o lasciare,se serve a tornare sul podio,ben venga,e a quel paese i talebani ducati.
  • Bortolo06, Brescia (BS)

    Un sogno

    In attesa del rientro in pompa magna di Filippo Preziosi.
Inserisci il tuo commento