gp del portogallo

Rea precede Checa nelle qualifiche di Portimao

- Rea è il più veloce nel secondo turno di qualifiche di Portimao e supera Checa e Melandri. Eccezionale quinto posto per Giugliano mentre Biaggi è diciassettesimo e resta escluso dalla Superpole | C. Baldi, Portimao
Rea precede Checa nelle qualifiche di Portimao

 

Così come nelle libere di ieri mattina anche nell’ultima sessione di qualifiche disputata oggi sulla pista portoghese di Portimao Rea è più veloce di Checa e lo relega al secondo posto. Con il tempo di 1’42”569 l’inglese del team Castrol Honda si avvicina al record della pista di Crutchlow (1’42”092) che da quanto si è visto in pista questa mattina corre il rischio di essere migliorato oggi pomeriggio. Ma la notizia del giorno è il diciassettesimo posto di Biaggi e la sua conseguente esclusione dalla Superpole. Max ieri aveva concluso al quinto posto il primo turno di qualifiche, ma non era stato in pista per più di quattro o cinque giri per non sforzare il piede fratturato. Oggi ha provato a spingere forte per migliorarsi così come stavano facendo tutti gli altri piloti in pista, ma non ce l’ha fatta ed il tempo di ieri non gli ha consentito di accedere alla Superpole. Evidentemente il piede non gli consente di guidare come vorrebbe e a questo punto resta anche da stabilire se sia il caso di prendere il via nelle due gare di domani.

Se Biaggi rappresenta la nota negativa di questa sessione mattutina, Giugliano è invece quella positiva. A meno di tre minuti dal termine delle prove il giovane pilota del team Althea era solo diciassettesimo, ma con due giri velocissimi Davide si portava prima in undicesima e successivamente addirittura in quinta. Il talento del pilota romano non è mai stato in discussione, ma il fatto che si stia adattando così in fretta alla Superbike riempie di orgoglio e di speranza Genesio Bevilacqua che sorride in attesa di sapere cosa voglia fare Checa nel 2012.

Un altro italiano che si è messo in mostra questa mattina è stato Melandri che chiude le qualifiche al terzo posto. La pista di Portimao non è certo facile da interpretare, ma, come spesso gli capita, Marco ci ha messo un giorno soltanto per capire come andare forte su questo tortuoso tracciato. Haslam era sembrato in crisi nella giornata di ieri (tredicesimo e quattordicesimo) ma oggi sale al quarto posto davanti alla Ducati di Giugliano e a quelle di Guintoli e Smrz, rispettivamente sesto e settimo.

Le Kawasaki su questa pista vanno forte con Sykes (ottavo) che ha dato spettacolo con derapate e sbandate e precede Laverty ed i due compagni di colori Lascorz e Aitchison. Ancora una volta il pilota del team Pedercini è a ridosso degli ufficiali a conferma di un'annata davvero positiva. Camier è dodicesimo davanti a Badovini, Haga Berger e Fabrizio. Restano invece esclusi dalla Superpole, oltre a Biaggi, Corser, Muggeridge, Fores, la wild card Waters che ha accusato problemi al motore della sua Suzuki Yoshimura, e il debuttante Barragan.
Alle 16 ora italiana il via alla Superpole.


Portimao - SUPERBIKE - Qualifying 2

1. Jonathan Rea (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 1'42.569
2. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 1'42.721
3. Marco Melandri (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 1'43.080
4. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1'43.090
5. Davide Giugliano (Althea Racing) Ducati 1098R 1'43.096
6. Sylvain Guintoli (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1'43.128
7. Jakub Smrz (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1'43.194
8. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team Superbike) Kawasaki ZX-10R 1'43.281
9. Eugene Laverty (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 1'43.381
10. Joan Lascorz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1'43.408
11. Mark Aitchison (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1'43.508
12. Leon Camier (Aprilia Alitalia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1'43.605
13. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 1'43.610
14. Noriyuki Haga (PATA Racing Team Aprilia) Aprilia RSV4 Factory 1'43.674
15. Maxime Berger (Supersonic Racing Team) Ducati 1098R 1'43.754
16. Michel Fabrizio (Team Suzuki Alstare) Suzuki GSX-R1000 1'43.793
17. Max Biaggi (Aprilia Alitalia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1'43.907
18. Troy Corser (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1'44.131
19. Karl Muggeridge (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 1'45.268
20. Javier Fores (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 1'45.274
21. Joshua Waters (Yoshimura Suzuki Racing Team) Suzuki GSX-R1000 1'45.311
22. Santiago Barragan (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1'45.495

 

  • k5 alberto, Cologno Monzese (MI)

    complimenti

    a biaggi per aver fatto il possibile.
    a melandri per essere davanti.
    a giugliano per in seconda fila.
    a honda che finalmente ha dato una mano a rea perchè quest'anno il mondiale era suo e non di althea per pagare i debiti.... senza nulla togliere a checa che stimo tantissimo
Inserisci il tuo commento