gp di Imola

La frattura al piede impedisce a Max Biaggi di correre a Imola

- In una conferenza stampa conclusasi pochi minuti fa, Biaggi ha spiegato la gravità della sua frattura che gli impedirà di scendere in pista a Imola. Qualche speranza per Magny Cours | C. Baldi, Imola
La frattura al piede impedisce a Max Biaggi di correre a Imola


“Ci ho provato sino all’ultimo, ma questa volta non potrò scendere in pista in una gara che avrei tanto voluto poter correre e su di un circuito che l’anno scorso mi ha dato il titolo mondiale”. Max Biaggi è certamente triste, ma consapevole del fatto che la frattura al piede sinistro rimediata al Nurburgring non gli consente di guidare la sua Aprilia. ”Sino a quando il piede era fasciato con lo scotch cast non avvertivo dolore e quindi ho iniziato a sperare di poter correre qui a Imola” – ha dichiarato Max – ma appena la fasciatura è stata rimossa ho avvertito un dolore lancinante ed ho capito che la frattura non si era saldata. Il problema principale – continua il Corsaro – è che questa non è una frattura comune. Quando sono stato colpito al piede durante le prove, l’osso si è incrinato. Poi continuando a spingere sulla leva del cambio, l’incrinatura si è tramutata in una frattura scomposta. Il problema è che se provassi a guidare, la situazione peggiorerebbe notevolmente. In questo modo invece, rinunciando a correre a Imola, ho qualche possibilità di concludere la mia stagione a Magny Cours o, male che vada a Portimao”.

Il pilota dell’Aprilia è dispiaciuto e ci tiene a precisare che è da martedì che sta lavorando per poter correre qui a Imola, ma alla fine i dottori lo hanno convinto e la possibilità di peggiorare la frattura scomposta del piede sinistro sino a compromettere magari i test invernali, lo ha convinto a rinunciare a lottare con Checa e Melandri per un titolo che non è ancora matematicamente deciso.

Novità dell’ultima ora:
il team Lorenzini by Leoni è stato promosso dalla Kawasaki quale team ufficiale Supersport nel 2012. Una conferma del fatto che l’anno prossimo il team ufficiale Superbike della Casa di Akashi sarà lo spagnolo Motocard.com che lascia quindi al team italiano di Vanni Lorenzini le moto Supersport che quest’anno sono state portate in pista da Salom e Parkes.

  • robpili7, Magione (PG)

    biaggi ko

    non sono mai stato tifoso di biaggi, anzi veo tutto il contrario, però bisogna ammettere che con la sua assenzra la SBK perde qualcosa, perde un sicuro protagonista e per gli amanti di questo sport, a essere tifosi o no,è sempre un qualcosa in meno!
  • hondadolda, Ravenna (RA)

    Meno male che stavolta si è levato un coro di proteste per le solite illazioni da benpensanti contro Biaggi ma potrebbe esserci chiunque al suo posto.Ho trovato recentemente questo tipo di comportamento anche in un sito di moto. Pero' noto con piacere che non tutto è perduto, difendendo un qualunque Biaggi si difende il proprio pensiero dal qualunquismo imperante e vile.
Inserisci il tuo commento