Team

Yamaha racing, cambio al vertice

- Kouichi Tsuji lascia la presidenza: al suo posto s'insedia Hiroshi Ito
Yamaha racing, cambio al vertice

In pista non va poi così male, almeno nei risultati, e sopratutto se si fa la tara del "fattore Márquez". A Misano, nei primi cinque classificati c'erano ben quattro Yamaha!  Ma c'è ancora tanto lavoro da fare, e quando è uno come Rossi a dirlo non si può far finta di niente. La Casa dei tre diapason infatti sta con meticolosa efficenza ristrutturando il reparto corse e sostituendo alcuni degli uomini nelle posizioni chiave. Lo scorso inverno Takahiro Sumi prese il posto di Kouiji Tsuya come project leader della MotoGP. Adesso l'altra poltrona che salta è quella del presidente di Yamaha Motor Racing, Kouichi Tsuji: al suo posto, secondo Motorsport-Total.com, si siederà infatti Hiroshi Ito. 

I risultati del cambiamento non sono attesi ovviamente per il finale di stagione, ma già dalle ultime gare si è iniziato a lavorare in ottica 2020. Nella classifica costruttori Yamaha non è messa così male: dopo il GP di San Marino (leggi tutti gli articoli) è al terzo posto dietro, a Honda e separata di soli 6 punti da Ducati

  • Aspes 125 yuma, Bologna (BO)

    Quindi Marquez in Yamaha potrà non essere più un'utopia....
  • Mauro XC, Occhieppo Superiore (BI)

    Ci hanno messo 3 anni ma finalmente "speriamo" si stano dando una svegliata ma ci vorrà ancora tempo per colmare il gap di motore, la sverniciata di Marquez a Quartararo è li da vedere.
    Speriamo che per l'inossidabile VR46 la cura non arrivi troppo tardi ormai.
Inserisci il tuo commento