test motogp

Secondo giorno di test a Sepang. Dominio Honda, Yamaha insegue

- Domina la Honda, Marquez martella, Pedrosa cresce, Rossi non è lontano, Espargaro continua a stupire, Lorenzo è in difficoltà, la Ducati migliora: questo quanto emerso dalla 2ª giornata di prove a Sepang | G. Zamagni
Secondo giorno di test a Sepang. Dominio Honda, Yamaha insegue

 
E’ stata un’altra sessione intensa, che ha più o meno confermato i risultati della prima giornata, facendo però risaltare meglio la superiorità della Honda RCV anche in versione 2014: tre Honda nei primi tre posti, con Stefan Bradl davanti a Valentino Rossi, quarto e primo degli “altri”, staccato di 0”538. In altre parole: il passaggio da 21 a 20 litri esalta – come si prevedeva alla vigilia – ancora di più le qualità della Honda.

 

MARQUEZ-PEDROSA: COPPIA DA BATTERE

Marquez comanda, Pedrosa si avvicina; Marc detta subito il ritmo, Dani tiene botta lavorando con il suo metodo, ma è sempre lì: la possibilità che questo sia il motivo della stagione 2014 è elevatissima. I primi due giorni di test hanno confermato che il cambiamento di regolamento, con la riduzione della capacità del serbatoio, favorisce la Honda, decisamente più avanti rispetto alla concorrenza sotto questo aspetto. Se si aggiunge che Marquez è un fenomeno assoluto e Pedrosa è comunque un pilota velocissimo ecco che si possono intravedere gli inizi di un dominio. Come conferma il terzo tempo di Stefan Bradl, peraltro spesso velocissimo sul singolo giro, ma più in difficoltà sul passo.


ROSSI-LORENZO: ALL’INSEGUIMENTO

Così, inevitabilmente, la Yamaha è costretta a inseguire. Ma mentre dalla parte di Valentino Rossi si sorride, da quella di Jorge Lorenzo si è piuttosto preoccupati. «La moto è più difficile in inserimento curva» aveva detto il campione spagnolo al termine della prima giornata e i problemi – stando ai riscontri cronometrici – non sembrano certo risolti. Del resto, basta ricordare le parole di Ramon Forcada, capotecnico di Lorenzo, a Valencia nell’ultimo GP del 2013: «Jorge vuole una moto lineare, non ama nessun tipo di movimento della ciclistica e anche l’erogazione deve essere dolce». Esattamente l’opposto – pare – del comportamento della M1 in versione 2014: il motore, pur dotato del cambio “seamless” anche nelle prime due marce (come la Honda), è decisamente più scorbutico per consumare meno. Insomma, in Yamaha dovranno lavorare non poco per migliorare l’erogazione. Un problema che infastidisce meno Rossi, decisamente più gasato da una ciclistica e da una messa a punto più adatta alle sue caratteristiche. Il dato positivo è che Valentino, anche oggi, è il primo dei piloti Yamaha, quello negativo è che il distacco rimane elevato, anche su un tracciato dove il fenomeno di Tavullia è sempre andato fortissimo: qui, nel 2013, fece la sua miglior gara, per velocità assoluta anche meglio della vittoria di Assen.


DUCATI: QUALCHE PASSO IN AVANTI

La Ducati conferma qualche miglioramento con Andrea Iannone – settimo assoluto in 2’00”855 a 0”929 da Marquez – anche oggi il più veloce in sella alla GP14, con Andrea Dovizioso 11esimo a meno di tre decimi dal rivale e Cal Crutchlow 12esimo a due decimi dal compagno di squadra. I tre piloti stanno usando l’ultima evoluzione della Desmosedici, modificata soprattutto nella ciclistica, mentre il solo Jonny Hernandez – 16esimo a 2”749 da Marquez, quindi a 0”8 da Iannone – pilota la GP13 in versione “Open”, quindi con serbatoio da 24 litri ed elettronica “imposta” dalla Dorna.


OPEN: LA DIFFERENZA LA FA ESPARGARO

A proposito di “Open”, spicca, come al solito il quinto tempo assoluto di Aleix Espargaro, addirittura più rapido di Jorge Lorenzo. Espargaro sta andando così bene che Lorenzo, al termine della prima giornata, aveva anche parlato della possibilità di usare una M1 in versione Open. Naturalmente si tratta di una provocazione, ma che la dice lunga sulla competitività della Yamaha utilizzata da Aleix. Ma se si confrontano i suoi tempi con quelli di Colin Edwards – 15esimo in 2’02”245 -, si capisce che è soprattutto Espargaro a fare la differenza: bravo. In Casa Honda si continua a faticare: la RCV1000R non sembra essere così competitiva.


VELOCITA’ MASSIMA

Qualche velocità massima: Bradl 328 km/h, Pedrosa e Marquez 327 km/h, Bautista 324 km/h, Lorenzo e Rossi 322 km/h, Smith 320 km/h, Aoyama 310 km/h, Hayden 308 km/h, Aleix Espargaro 317 km/h, Edwards 312 km/h.


CLASSIFICA



Pos   Rider Team Fastest lap Lead. Gap Prev. Gap Laps  
1   MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.926     38 / 65  
2   PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.336 0.410 0.410 12/62  
3   BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.339 0.413 0.003 13 / 52  
4   ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.464 0.538 0.125 18 / 61  
5   ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 2:00.547 0.621 0.083 16 / 42  
6   LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.573 0.647 0.026 27 / 49  
7   SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.603 0.677 0.030 27 / 66  
8   IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.855 0.929 0.252 9/49  
9   BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.897 0.971 0.042 51 / 55  
10   ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.061 1.135 0.164 4/49  
11   DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:01.146 1.220 0.085 8/45  
12   CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.396 1.470 0.250 11/48  
13   PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.177 2.251 0.781 6/56  
14   HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:02.287 2.361 0.110 25 / 58  
15   EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:02.545 2.619 0.258 8/35  
16   HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.675 2.749 0.130 13 / 45  
17   AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.692 2.766 0.017 8/68  
18   AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.825 2.899 0.133 65 / 66  
19   NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.970 3.044 0.145 49 / 56  
20   DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.064 3.138 0.094 73 / 96  
21   REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:03.117 3.191 0.053 39 / 53  
22   LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.528 3.602 0.411 37 / 41  
23   BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.551 4.625 1.023 2/37  
24   PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:04.619 4.693 0.068 42 / 43  
25   ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.261 5.335 0.642 21 / 32  
26   DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.355 5.429 0.094 4/34  


Scarica la classifica con il cronologico dei tempi di ogni pilota (PDF) e la classifica combinata dei primi due giorni di test (PDF).

Fonte: MotoGP.com
 

  • northsam, Zelo Buon Persico (LO)

    Alessandro200958

    ...su Iannone...vero che non ha mai vinto nulla, ma purtroppo gli anni del "vinco il mondiale 125 e passo in 250, vinco in 250 e passo in motogp" sono finiti...

    Purtroppo oggi in tutte le categorie il pilota non fa la differenza che faceva allora, quindi è complicato per noi da fuori valutare un pilota.

    Certo è che Iannone in moto2 ha fatto vedere delle bellissime gare e più di qualche volta ha tenuto testa e si è messo dietro un certo Marc Marquez, anche se quest'ultimo ha avuto praticamente sempre il mezzo più performante...

    Credo che Iannone messo nelle giuste condizioni possa esprimere un valore ben più alto di quello che gli permette di fare Ducati e, a mio parere, migliore dei piloti ufficiali Ducati...

    Quando è passato in motogp ho sperato che finisse da Cecchinello o da Gresini, purtroppo (per lui) è finito su una Ducati negli anni peggiori della casa...e soprattutto negli anni principali della sua carriera. Per quanto mi riguarda si è bruciato...spero per lui che l'anno prossimo Ducati abbia una moto super competitiva o che un team Yamaha OPEN lo accolga (anche se per stile di guida gli andrebbe meglio una Honda, ma credo che come parco piloti, le case satelliti siano bloccate e l'ufficiale non gli darebbe mai la chance di cui ha bisogno).
  • lucamax62, Milano (MI)

    Felice il team Foward !

    Sono davvero felice per il team Foward che si stà togliendo delle enormi doddisfazioni con Aleix Espargaro.
    Essere costantemente davanti alle Ducati ed a pochissimi decimi dal team factory Yamaha è fantastico.
    Bravissimi e bravissima la Yamaha a dargli un missile , se lo meritano !
Inserisci il tuo commento