Motomondiale

MotoGP. Zarco vuole la Ducati ufficiale

- A Misano in allenamento con la Panigale V4, il francese non nasconde di sentirsi pronto a sostituire Dovizioso qualora quel posto si liberasse. Ma prende in considerazione anche l’ipotesi Pramac…
MotoGP. Zarco vuole la Ducati ufficiale

Mentre le trattative tra la Ducati e Andrea Dovizioso procedono, seppure tra mille incertezze, c’è Johann Zarco che preme, e non nasconde le sue ambizioni di passare al team interno delle rosse. Il francese in questi giorni era impegnato a Misano, un proficuo allenamento in sella alla Panigale V4 e con l’assistenza del suo capotecnico in MotoGP, Marco Rigamonti. Oggi è un pilota del team Avintia, anche se a riposo come tutti gli altri, ma intende restare con Ducati e intravvede il posto nella squadra ufficiale per l’anno prossimo. Lo ha dichiarato a Sky.

“L'unico posto che rimane potenzialmente libero è all'interno del team ufficiale Ducati al posto di Dovizioso, e so che ho buone possibilità se Dovi decidesse di dire basta. Dovi è importante per la Ducati, perché è un pilota che può salire sul podio in qualsiasi gara e questo è il target in una squadra ufficiale”.

Circa la sua condizione personale, il francese non si nasconde che, dopo il fallimento dell’anno scorso in KTM, ha una assoluta necessità di ottenere risultati all’altezza del suo passato. Però puntare alla Ducati ufficiale gli pare giusto.

“Sto riacquistando fiducia, ne ho bisogno per essere veloce, ma sono momenti pieni di incertezza e vedremo come andrà. Dovrò aspettare alcune gare, quindi capirò meglio la mia situazione. Ma voglio stare con la Ducati. Non so ancora cosa succederà con Avintia, ma anche il passaggio a Pramac è possibile. Loro hanno la moto ufficiale, potrei prendere il posto di Jack e mantenere la mia squadra con Rigamonti. Capiremo meglio dopo alcune gare, devo ancora aspettare”.

Staremo a vedere, anche perché Avintia ha già dichiarato di voler mantenere Johann Zarco nel 2021, mentre per quanto riguarda il team Pramac, nel malaugurato caso che salti la posizione di Bagnaia, fino ad oggi sembrava Jorge Martín il predestinato ad affiancare Miller.

Ma come stanno esattamente le cose tra Ducati e Dovizioso? E’ Gigi Dall’Igna a sbilanciarsi un po’, sempre con Sky Sport.

“A Dovizioso è stata fatta un’offerta – precisa il boss di Ducati Corse - e adesso è lui che deve valutare la parte economica e decidere. Lo scoglio economico è al momento quello principale. Quello che voglio dire è che abbiamo lavorato tanto per raggiungere questo obiettivo. Adesso aspettiamo e vediamo”.

Dall’Igna non ha respinto del tutto nemmeno l’ipotesi di un rientro di Jorge Lorenzo, qualora Dovi se ne andasse altrove oppure si fermasse. La voce circola da un po’ e lo stesso Jorge mantiene un profilo vago.

“E’ difficile – ha detto - avere un’idea chiara. Sicuramente è comprensibile che un pilota come Jorge abbia voglia di finire la carriera in un modo migliore di quanto è successo l’anno scorso. Ma è difficile capire le sue motivazioni reali, ed è sicuramente una grande incognita”.

  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    io rispetto il Dovi come rispetto Rossi o Lorenzo ma se hai la possibilità di vincere con una moto da mondiale, e sia Ducati che Yamaha lo sono, e fallisci è giusto che Yamaha e Ducati trovino e provino altri piloti .... come sta succedendo.
  • varamolo, Montalto di Castro (VT)

    Il Dovi è un gran pilota ma dubito che possa vincere un mondiale. Zarco, secondo me, è il pilota giusto per Ducati.
Inserisci il tuo commento