GP di Thailandia

MotoGP. Valentino Rossi: “Non voglio avere rimpianti”

- Valentino ufficializza il cambio di capo tecnico: “Dopo Misano ho parlato con Silvano. Vogliamo provare a essere più forti e lui vuole stare più tempo a casa: sarà il capo tecnico del test team. Per me è meglio provare, e magari sbagliare, piuttosto che accontentarsi”
MotoGP. Valentino Rossi: “Non voglio avere rimpianti”

BURIRAM - Entusiasmo: è quello che trasmette Valentino Rossi. Magari non ce la farà a tornare ai livelli di un tempo, ma è incredibile come ci provi in tutti i modi e continuamente. “Tanto di cappello”, dice Andrea Dovizioso, riconoscendo al rivale una voglia fuori dal comune, certamente straordinaria. Così, a 40 anni, invece di pensare a come godersi al meglio la vita dopo una carriera fenomenale, VR46 decide di cambiare capo tecnico, sostituendo Silvano Galbusera, al suo fianco dal 2014, con David Munoz, attualmente responsabile del team Sky-VR46 a fianco di Nicolò Bulega e campione del mondo nel 2018 con Pecco Bagnaia, sempre in Moto2.

“Ho cambiato per un insieme di cose. E’ stato bello come è successo: dopo Misano, ci siamo confrontati io e Silvano, poi lo abbiamo fatto con la Yamaha: eravamo un po’ fermi, come se quello che possiamo esprimere come squadra fosse un po’ questo. Noi vogliamo cercare di essere più forti, di andare meglio: così abbiamo pensato a questa soluzione, con Galbusera capo tecnico del test team. Silvano vuole continuare a lavorare, ma è anche contento di stare più tempo a casa, di andare meno in giro per il mondo. Dall’altra parte, la Yamaha, fortunatamente, vuole provare a creare un test team più serio, con più giorni di test, e magari con qualche wild card. Un esperto come Silvano faceva molto comodo: le cose sono andate a posto da sole. Sono contento perché Silvano è "tra virgolette" felice della scelta. Per me è una nuova sfida, dopo essere stato per tanti anni con lo stesso capotecnico: cambiare mi dà buone motivazioni. David è uno giovane, che può portare nuove idee. E’ vero che non ha esperienza in MotoGP”.

Ecco, quanto può contare la mancanza di esperienza?
“Vedremo, magari ci vorrà un po’ di tempo. Ma nei team della MotoGP non è più come 10 anni fa, il capo tecnico non è più da solo: ci sono almeno 3-4 ingegneri che lo aiutano sull’elettronica, ma anche sul bilanciamento della moto. E’ tutto da scoprire, sarà bello e interessante vedere se saremo più forti nel 2020”.
 

E’ una situazione simile a quella con Jeremy Burgess?
“Con lui era stato un po’ differente e molto più difficile, perché eravamo insieme da 15 anni… mi sembrava che Jeremy  non avesse più tanta motivazione e lo vedevo un po’ stanco; con Silvano è stato diverso, ma è sempre dura e difficile, perché oltre al rapporto professionale, ti affezioni alla persona. Ma lo vedo tranquillo: so che farà il tifo per noi anche se guiderà il test team”.

Mi colpisce sempre il tuo coraggio, la tua capacità di metterti sempre in discussione: così non avrai più scuse se non vincerai…
“Purtroppo, anzi, forse per fortuna, quando arrivo a fare questo tipo di ragionamento alla fine penso sempre che sia meglio provare. E’ meglio provare e magari sbagliare, piuttosto che accontentarsi: pensare “magari il 2020 è l’ultimo anno, stiamo così”. No, io mi dico: proviamo. Cazzo, dobbiamo provarci per forza! Al massimo non ce la farò, ma almeno non avrò rimpianti”.

Leggi tutti i commenti 147

Commenti

  • PLINIOSETTE50, Castel San Giovanni (PC)

    Vorrei far notare che anche Vinales ha cambiato capotecnico...chi arriva dietro per forza di cose deve provarle tutte per vincere, non ci si può aspettare che sia Marquez a farlo....non perchè è "un signore" semplicemente perchè se vinci che senso ha cambiare?
  • ossimoro, Cittadella (PD)

    Attenendomi ai fatti mi viene da dire che Vale, ai suoi tempi, è stato il miglior pilota mentre Marc/Honda, in questi tempi, sono il miglior pacchetto.
Leggi tutti i commenti 147

Commenti

Inserisci il tuo commento