test 2013

MotoGP. La prima giornata di test a Valencia

- La MotoGP scende in pista con i prototipi 2013. Nessun riscontro attendibile a causa del maltempo, ma Rossi è sorridente, Marquez soddisfatto e Dovizioso veloce da subito | G. Zamagni, Valencia
MotoGP. La prima giornata di test a Valencia



PRIMA GIORNATA DI TEST


Un disastro, meteorologicamente parlando: la pioggia caduta a tratti per tutto il giorno, ma mai copiosa, e il freddo hanno reso poco significativa la prima giornata di test del 2013. Ma non è stata completamente da buttare: qualche indicazione è emersa.

Intanto va detto che la prima e la seconda posizione di Alvaro Bautista e Stefan Bradl non contano assolutamente nulla: entrambi hanno ottenuto il tempo sull’asciutto, sfruttando i pochissimi minuti di condizioni relativamente favorevoli. Poi, sia Alvaro sia Stefan, quando è iniziato a piovere, non sono più usciti dai box.

Al terzo posto troviamo Andrea Dovizioso: anche il suo 1’39”868 è stato ottenuto nell’unico giro sull’asciutto (ma già iniziava a piovere), mentre è decisamente più significativo l’1’43”454 ottenuto con le rain, nove decimi più lento della prestazione di Nicky Hayden, che guida la Ducati da oltre quattro anni. Ma più del tempo conta la moderata soddisfazione di Dovi: i suoi predecessori italiani (Melandri e Rossi) non avevano lo stesso sorriso quando scesero la prima volta dalla Desmosedici. Non dimentichiamo, però, che Andrea ha provato la GP12 sul bagnato, ovvero le migliori condizioni possibili: non si può quindi dare un giudizio significativo. L’approccio, però, è stato quello giusto.

Rimanendo in Casa Ducati, è buono l’1’44”297 Michele Pirro: il neo collaudatore è veloce e può sicuramente dare una mano a sistemare la moto. Ha invece chiuso molto indietro Andrea Iannone, con il tempo di 1’47”772, ma, al contrario di Pirro, Andrea non aveva mai usato prima le Bridgestone sull’acqua e deve anche prendere dimestichezza con i tanti controlli elettronici.


ROSSI: BENINO

Per quanto riguarda Valentino Rossi, il tempo è stato appena discreto – 1’43”736 -, ma, in queste condizioni, conta di più lo stato d’animo del pilota, la sua voglia comunque di riprendere subito confidenza con il suo vecchio amore: finché è rimasto in pista, Valentino era quello che aveva effettuato il maggior numero di giri, cominciando anche a fare dei piccoli interventi. Speriamo che ad Aragon, dove la Yamaha proverà solo mercoledì, non piova, per avere subito un confronto con Jorge Lorenzo, che a Valencia non ha effettuato neppure un giro. Certo per Jorge, dopo due anni di assoluta tranquillità, deve essere stato uno choc vedere il box a fianco pieno di giornalisti, perfino addetti ai lavori di altre squadre, curiosi, mentre lui se ne stava tutto solo sul muretto del box. Psicologicamente parlando non deve essere facile da sopportare, anche se Lorenzo ha già dimostrato in passato di avere il carattere giusto per reagire a simili eventi.
Domani si replica, sempre dalle 10 alle 17: il meteo prevede acqua per tutto il giorno.


DOVIZIOSO: “MEGLIO DEL PREVISTO”

La classifica dice che ha chiuso al terzo posto, a 3”932 da Alvaro Bautista, ma il dato significativo è quello sul bagnato, perché i 2-3 giri fatti sull’asciutto non hanno davvero alcun valore: con le gomme rain, Andrea Dovizioso (ascolta la sua intervista)ha fatto 1’43”454, peggio solo di Nicky Hayden (1’42”571) e meglio di Valentino Rossi (1’43”736). Viste le condizioni dell’asfalto non è facile fare un primo bilancio, ma è chiaro che il Dovi è moderatamente soddisfatto.

“Sono contento del tempo che abbiamo fatto, ho girato più forte che con la Yamaha sull’acqua, quindi, sicuramente, è stata una buona prestazione. Ma non è certo questo risultato che ti può far essere felice al 100%. E’ troppo presto, è solo il primo approccio: è stato positivo, sia con la moto sia con la squadra. Sapete che io sono uno che sta con i piedi per terra: anche se il tempo di oggi è stato interessante, non dico certo che sono contentissimo, anche perché la Ducati è sempre andata bene con l’acqua. E’ stato un approccio buonissimo, il tempo è stato veloce, ci sono tante differenze che, ancora, non conosco bene, perché ho fatto solo 40 giri, sotto l’acqua: capisci poco. L’importante era partire bene e ci siamo riusciti ed essere tutti italiani all’interno del box aiuta il primo giorno, quando non conosci ancora bene le persone.

Inizialmente, come feeling, mi aspettavo una belva incazzata, invece non è stato così

Inizialmente, come feeling, mi aspettavo una belva incazzata, invece non è stato così. E’ normale che quando vai a spingere i problemi emergano, come in tutte le moto. Calma, però: abbiamo fatto un buon tempo, ma non certo un tempo da primato e non c’erano i migliori in pista (Lorenzo e Pedrosa, NDA) per fare un paragone. E’ vero, però, che abbiamo centrato la massima aspettativa per questo debutto in situazioni simili: un buon feeling con la moto. Con l’acqua non puoi fare tante cose, tipo fissare al meglio la posizione di guida: andrà adattata sull’asciutto.  Ci sono delle differenze con la Yamaha, ma è troppo presto per parlarne; è normale che ci siano, perché ogni moto ha una sua filosofia. Ho usato più o meno la moto con la quale ha corso Valentino domenica, naturalmente con qualche adattamento all’assetto. Abbiamo fatto delle modifiche nel corso della giornata, con riscontri positivi”



Yamaha

Mentre Valentino Rossi è già partito per Aragon, dove assieme a Jorge Lorenzo proverà solo domani, Maio Meregalli, team manager Yamaha fa il punto sulla giornata di oggi (Rossi non può parlare per motivi contrattuali). "Non conosco Valentino, è la prima volta che lavoro con lui, ma mi è sembrato tranquillo e sorridente. Di sicuro aveva una gran voglia di girare, perchè alle 10 era già nel box e ha fatto tanti giri (28 NDA) sul bagnato. Sia lui sia Jorge hanno una moto 2012 e una evoluzione: speriamo ad Aragon di trovare almeno qualche ora di asfalto asciutto".



I tempi a fine giornata

risultati fine


16.10


Qualche pilota continua a girare, ma adesso fa veramente freddo: le gomme faticano a entrare in temperatura. Probabilmente, fra poco, anche i pochi in pista rientreranno ai box. Ufficialmente i test chiudono alle 17.00.



15.30

In questo momento non piove a Valencia. Andrea Dovizioso ha fatto un po' di giri con la Ducati sul bagnato, con un buon 1'43"454 come miglior crono. Quasi un secondo più veloce il suo nuovo compagno di squadra (1'42"571), mentre è sceso in pista anche Andrea Iannone: 1'50"360 per il pilota di Vasto. Pedrosa e Marquez non hanno ancora provato (e difficilmente lo faranno), così come Lorenzo, che, insieme alla Yamaha, si trasferisce ad Aragon.



14.50

La Yamaha chiude i test di Valencia e si sposta ad Aragon, dove proverà fino a giovedì. Valentino Rossi particolarmente sorridente nell'hospitality Yamaha.


14.15

Mentre è sceso in pista anche Nicky Hayden – 1’44”601 il miglior tempo -, mentre Valentino Rossi continua a inanellare giri (28, 1’43”735 il più rapido), mentre Andrea Dovizioso continua a parlare con i tecnici, Marc Marquez incontra i giornalisti all’interno del box Honda. Tuta bianca e colori HRC, come per la carenatura della moto, Marquez, dopo Rossi, è la vera star di questi test: impressionante quanti giornalisti, fotografi, telecamere si siano dati appuntamento in quello che, fino a domenica, era l’angolo di Casey Stoner.

“Non ho girato – racconta il campione del mondo della Moto2 con un bel sorriso -, ma è stata comunque una mattina di studio: ho capito che fuori dalla pista c’è un sacco di lavoro da fare, molto più che in Moto2. Richiede una grande concentrazione, ci sono tantissime cose da imparare. Sono naturalmente salito sulla RCV, ho cominciato a prendere le misure a una moto leggermente più grande a quella alla quale ero abituato, ho sistemato leve e manubri, ma soltanto girando si potrà sistemare al meglio la posizione di guida. Sto cominciando a prendere conoscenza anche con i nuovi tecnici (italiani, NDA): mi sembrano molto preparati, mi possono insegnare tantissimo e darmi consigli preziosi. Insieme abbiamo deciso che, per il momento, è inutile girare in queste condizioni. Ieri sera ero un po’ nervoso, ho dormito poco e male, ma adesso sono più tranquillo e sereno. Nakamoto dice che posso salire sul podio alla prima gara? Io dico che non bisogna avere fretta, c’è tanto da imparare


I tempi alle ore 13.00

Classifica

13.15

Tutti fermi ai box. Per Valentino Rossi, miglior crono sul bagnato in 1'45"201. Per Rossi complessivamente 20 giri, più di ogni altro pilota.


12.50

Sette giri per Rossi sul bagnato, il migliore in 1'48"874. Oggi il team Yamaha rimarrà comunque a Valencia, si sta valutando se spostarsi ad Aragon, dove domani è previsto brutto, ma bello per giovedì. Più tardi verrà presa la decisione definitiva. Per Michele Pirro 1'46"829 con la Ducati sul bagnato.


12.20


Piove con maggiore insistenza. Valentino Rossi esce per qualche giro con le rain.



11.50

Non cambiano le condizioni meteo a Valencia: le prospettive sono quelle di una giornata totalmente inutile. In pista, per un breve assaggio, Michele Pirro, neo collaudatore Ducati.



11.00


Piove a intermittenza, a tratti più forte, a tratti quasi niente. L'asfalto è troppo bagnato per uscire con le slick, troppo asciutto per le rain. Insomma, è inutile girare e tutti i piloti sono fermi ai box. La Yamaha potrebbe spostarsi ad Aragon già nel pomeriggio.



10.30


Si arriva in circuito e il cielo è sereno, ma alle 9.45 ci sono dei gran nuvoloni minacciosi. Fa un freddo cane – 10 °C la temperatura dell’asfalto – e quando i team iniziano a scaldare le moto comincia a piovigginare. Alle 10.03 inizia la nuova avventura di Andrea Dovizioso sulla Ducati, con forcellone con rinforzi in carbonio. Per Andrea 4 giri, il migliore (tempi altissimi per tutti) in 1’39”869 (1’30”844 la pole di Pedrosa). Due minuti più tardi, ecco Valentino Rossi sulla Yamaha: fuori dal box è il delirio di fotografi, operatori TV, addetti ai lavori, semplici tifosi, mentre Jorge Lorenzo è defilato al muretto dei box, come un turista qualunque. Nessuno se lo fila: è solo il preludio di quello che dovrà probabilmente subire il campione del mondo per un po’ di tempo. Per Rossi 3 giri, il migliore in 1’44”158, mentre già piove più forte.
Complessivamente sono scesi in pista sette piloti: Bautista 1’35”936 (4 giri), Smith (5) 1’35”954, Bradl (5) 1’36”198, Dovizioso (4) 1’39”869, Aoyama (2) 1’42”239, Rossi (3) 1’44”158, Abraham (3) 1’47”129.
Il tempo di Smith in realtà è stato fatto da Capirossi, che ha provato la Yamaha.

 

  • Stiducatti, Corsico (MI)

    RC213V

    questa è la moto che ha corso quest'anno e che si dice abbia il motore a L.
    Guareschi infatti ha detto che le voci circolavano già a inizio stagione, ma che a meno di misurare la moto, con gli scoppi irregolari il suono della V, della L e addirittura quello dei cilindri in linea si confondono, per cui non avevano certezze in merito a contro cosa stessero garegigiando...
  • Pacco1198, Genova (GE)

    Stiducatti

    non so se ho capito bene ma non è il motore che ha vinto quest' anno;
    il 90° dovrebbe essere in fase di sviluppo e/o sperimentazione.
Inserisci il tuo commento