GP delle Americhe

MotoGP. Márquez trionfa nel GP delle Americhe 2018

- Márquez fa gara a sé e trionfa nel GP delle Americhe. Alle sue spalle Viñales, Iannone e Rossi
MotoGP. 	 Márquez trionfa nel GP delle Americhe 2018

AUSTIN – Dominio assoluto di Marc Marquez, davanti a Maverick Vinales e Andrea Iannone, finalmente sul podio con la Suzuki. Quarto Valentino Rossi, quinto Andrea Dovizioso, di nuovo in testa al campionato. Male Danilo Petrucci (11esimo dietro a Jorge Lorenzo) e Franco Morbidelli 21esimo al traguardo.


Non si batte Marc Marquez ad Austin e la sua superiorità diventa perfino imbarazzante: su questa pista i rivali sono lontanissimi. Ma non solo, verrebbe da dire, vista la velocità che Marquez aveva anche in Argentina, al netto di tutto quello che poi è successo in quel GP. Sotto questo aspetto, il dominio assoluto di Marc diventa preoccupante per gli avversari: in passato, lo spagnolo era (forse) penalizzato da una Honda non sempre competitiva – perlomeno a inizio stagione -, mentre adesso è assistito da una RC213V da riferimento. Il risultato è un’accoppiata quasi imbattibile, con Marquez capace di conquistare il secondo posto in Qatar, su una pista a lui sempre sfavorevole, e negli ultimi due GP ha dimostrato di essere nettamente più veloce di chiunque altro, al di là poi di quanto (non) raccolto a Termas.

 

VINALES E IANNONE DA APPLAUSI

Al secondo posto un Maverick Vinales decisamente più in palla rispetto ai GP precedenti: lui e la Yamaha sono in crescita. E questa è sicuramente una buona notizia per lui e per il campionato, perché Maverick è uno di quelli in grado di fare la differenza. Qui non ha avuto nessuna possibilità di controbattere a Marquez, ma se la Yamaha cresce ancora un pochino a livello di elettronica, allora Vinales può anche pensare di lottare con il rivale. E’ comunque un secondo posto di grande valore e di consistenza, così come lo è il primo podio conquistato con la Suzuki da Andrea Iannone, l’unico a essere stato per qualche chilometro davanti a Marquez su questo tracciato. «Ne ho letto di tutti colori su di me: questa è la dimostrazione che so ancora guidare» si è subito tolto un sassolino dallo stivale il pilota italiano. Qui, Andrea è stato velocissimo fin dalle FP1 con una Suzuki che conquista il secondo podio consecutivo e con due piloti differenti: ottimo segnale.


ROSSI SOTTO TONO, DOVIZIOSO MEGLIO DEL PREVISTO

E’ stata invece una prestazione al di sotto delle aspettative quella di Valentino Rossi, che dopo le prove sembrava avere il passo per stare sul podio. Invece, Valentino non lo ha nemmeno sfiorato, al di là della quarta posizione, sempre più lento del compagno di squadra – e questo si sapeva, lo si era visto anche in prova -, ma in gara anche di Iannone, che non è riuscito a insidiare nemmeno per un attimo. Un paso indietro per lui, uno in avanti per Dovizioso, che venerdì era parso in grande difficoltà. Ma Andrea non si è perso d’animo, ha lavorato duro assieme al capo tecnico Albero Giribuola e alla fine ha conquistato un quinto posto che lo riporta in testa al mondiale, anche se per un solo punto su Marquez. Se pensiamo il disastro del 2017 su questa pista, il Dovi ha fatto davvero bene, soprattutto se lo si paragona agli altri piloti con la Desmosedici ufficiale: Lorenzo ha finito 11esimo, staccato di 18 secondi dal compagno di squadra, Petrucci 12esimo. Insomma, ancora una volta Dovizioso ha fatto la differenza.


Bravissimo Dani Pedrosa, al traguardo con il polso destro operato da pochi giorni, bravissimo Tito Rabat , ottavo dietro a Dani: la sua prestazione è un’altra mazzata per Lorenzo.

 

CLASSIFICA

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 158.0 41'52.002
2 20 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 157.7 +3.560
3 16 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 157.5 +6.704
4 13 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 157.4 +9.587
5 11 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 157.1 +13.570
6 10 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 157.1 +14.231
7 9 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 156.8 +18.201
8 8 53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati 156.2 +28.537
9 7 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 156.2 +28.671
10 6 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 156.2 +28.875
11 5 99 Jorge LORENZO SPA Ducati Team Ducati 156.0 +31.355
12 4 9 Danilo PETRUCCI ITA Alma Pramac Racing Ducati 155.8 +34.993
13 3 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 155.7 +37.264
14 2 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 155.5 +39.335
15 1 19 Alvaro BAUTISTA SPA Angel Nieto Team Ducati 155.4 +40.887
16   38 Bradley SMITH GBR Red Bull KTM Factory Racing KTM 155.0 +48.475
17   45 Scott REDDING GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 154.9 +49.995
18   12 Thomas LUTHI SWI EG 0,0 Marc VDS Honda 154.8 +51.115
19   35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 154.5 +59.055
20   10 Xavier SIMEON BEL Reale Avintia Racing Ducati 154.3 +59.747
21   21 Franco MORBIDELLI ITA EG 0,0 Marc VDS Honda 154.2 +1'00.513
Non classificato
    42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 156.7 10 Giri
    55 Hafizh SYAHRIN MAL Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 156.0 12 Giri
    17 Karel ABRAHAM CZE Angel Nieto Team Ducati 149.3 12 Giri
Leggi tutti i commenti 135

Commenti

  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    QUESTA é LAMACCHINA DEL FANGO DI ROSSI solite manfrine e stupidaggini inventate per colpire mediaticamente il cattivone di turno ....Rossi .... basta dai.Non ricordo neanche il nome di quel tecnico Yamaha che ha detto che Marquez ha fatto apposta a frenare Vignales in prova ..... e mo basta, non vedo l' ora che Rossi si ritiri non ne posso più di zizzagnate mirate.
  • Acapulcow, Genova (GE)

    Lo sport preferito dall'itagliatellano: salire sul carro del vincitore, pure se questi è scorretto arrogante, presupponente e antipatico. In questo siamo da sempre campioni del mondo imbattuti.
Leggi tutti i commenti 135

Commenti

Inserisci il tuo commento