GP di Valencia

MotoGP. Lorenzo: "Dopo Le Mans, la mia carriera era a rischio”

- Giovedì sera, Jorge ha organizzato una cena di “addio” alla Ducati, regalando a meccanici e ingegneri un casco e un orologio. Bello e sincero il discorso finale: “La sfida era difficile quanto affascinate, ma all’inizio lo shock è stato tremendo. Orgoglioso di aver contribuito a rendere la GP18 la miglior moto sulla griglia. Forza Ducati! Ciao belli, ciao”
MotoGP. Lorenzo: Dopo Le Mans, la mia carriera era a rischio”

VALENCIA – Ha regalato a tutti i suoi meccanici – ma anche ai tecnici e agli ingegneri della Ducati – un casco e un orologio. Poi, giovedì sera, nell’intimità di una cena in hospitality ha voluto salutare tutti con un discorso. Bello e sincero. Eccone alcuni tratti.

 

«Ci sono storie che sono felici, altre che sono tristi, altre che sono inclassificabili, come la mia storia con la Ducati. La sfida era tanto difficile quanto affascinante: provare a diventare campione del mondo con la Ducati. Ero cosciente delle difficoltà, ma lo shock quando ho provato la moto la prima volta è stato molto più grande di quello che potevo immaginare. Poco a poco mi stavo convincendo che tutte le qualità che mi avevano permesso di diventare campione del mondo, questa volta non mi sarebbero servite (…)

 

(…) Dopo le prime gare, sono arrivate le prime critiche, dicevano che non mi sarei mai adattato a questa moto. Il podio a Jerez (nel 2017, NDA) è servito come rivincita, ma le gare successive hanno dimostrato che il processo di adattamento era ancora lungo. A Silverstone è cambiata la dinamica, quinto a soli tre secondi dal vincitore (…)

 

(…) La prima vittoria non era lontana: la prima opportunità l’ho avuta a Misano, ma un errore di concentrazione mi ha fatto cadere mentre ero primo (…)

 

(…) Abbiamo finito in progressione e i test di Sepang di quest’inverno sembravano prospettare il meglio. Ma nei test di Buriram è cambiato tutto: non ero veloce, non avevo ritmo e, peggio di tutto, mi stancavo moltissimo a guidare. Nelle prime quattro gare ho ottenuto solo sei punti: il mio peggior inizio della mia carriera in MotoGP.

 

A Le Mans il momento peggiore: dopo essere stato in testa, ho perso posizioni e ho finito sesto. La situazione era critica e la mia carriera era a rischio. Avrei potuto essere fuori dal mondiale a 31 anni e con tutto quello che avevo vinto? La risposta era sì. L’idea del ritiro girava nella mia testa e questa possibilità mi rendeva molto triste. Ma non era il momento, dovevo dimostrare che potevo tornare a vincere. Poi ecco il Mugello, il mio circuito porta fortuna. Al di là dei risultati, mi sentivo meglio con la moto: una novità di motore, una nuova carenatura, un serbatoio con poteri “magici”…


Domenica è arrivata la mia opportunità e non me la sono fatta scappare.Partenza a razzo, modalità “martello”: ciao belli, ciao. Ce l’avevo fatta! Non c’è vittoria più bella di vincere con la Ducati in Italia. Poi le vittorie a Barcellona e in Austria, contro il miglior Marquez. Nelle corse, come nella vita, le decisioni sono tutto. Una decisione giusta, una sbagliata e tutto cambia (…)

 

(…) Purtroppo mi sono fatto male, ma sarebbe ingiusto che il finale di stagione offuscasse un anno magico, che porterò sempre nel mio cuore. Grazie alle capacità e al durissimo lavoro di tutti gli ingegneri e gli uomini della fabbrica, abbiamo ottenuto che la GP18 diventasse la migliore moto sullo schieramento di partenza. Questo mi rende orgoglioso. Per l’ultima volta: Forza Ducati!. Ciao belli, ciao».

 

  • Angelo142

    Chapta... Ma guardi le gare o la domenica sportiva?Io le seguo da 30 anni. Hai visto come ha vinto le gare Giorgio? Sono secoli che un pilota al Mugello non arriva con 6 secondi di vantaggio (con il dottore infermiere in gara e con magnifico su Honda) la gara successiva 4"di vantaggio, in Austria ha bruciato MM che altro dirti? Certo non è stato fortunato a saltare 5 gare. Questo solo dopo due anni di ducati. Comunque primo anno, rivedere Misano e Malesia 2017 il con tvgrande regalo al dovi (che si è svegliato al suo arrivo dopo 5 anni)
  • engine65

    Comunque se non erro, correggetemi se dico cose non vere,con la stessa moto di Rossi cioè la Yamaha Lorenzo ha vinto 35 Gran Premi Rossi mi sembra 26, Rossi è un fenomeno Lorenzo NO, per quello che ho visto io in tanti anni Lorenzo è un gradino sopra Valentino poi ognuno la vede a modo suo, ma i risultati in pista con la stessa moto dicono questo
Inserisci il tuo commento