MotoGP

MotoGP. Emilio Alzamora: "Marquez tornerà presto e ancora più forte"

- Il manager dell'otto volto campione del mondo non ha indicato date per i tempi di recupero, ma uno specialista spagnolo, Angel Villamor, ha affermato che Marc Marquez potrebbe essere in sella per il primo gran premio del 2021 in Qatar
MotoGP. Emilio Alzamora: Marquez tornerà presto e ancora più forte

“Marc ha passato una notte tranquilla, è sereno e uscirà da tutto questo ancora più forte e maturo”. Sono parole di Emilio Alzamora, il manager di Marc Marquez, l’unico vicino all’otto volte campione del mondo ad affidare dichiarazioni ufficiali alla stampa dopo l’intervento chirurgico a cui si è sottoposto nella giornata di ieri il Cabroncito.

Lo ha fatto rispondendo alle domande di una emittente televisiva spagnola. “Siamo molto felici per quello quello che mi hanno riferito i medici. Marc sorprende sempre, sicuramente da questa terza operazione uscirà più forte e ci farà divertire molto di più". Per Alzamora, il “calvario” che Marc Marquez sta vivendo dopo Jerez sarà utile anche a “fare tesoro di una esperienza del passato, imparando dagli errori”.

Parole, queste, che possono essere intese anche come una mezza ammissione di aver sbagliato nel secondo round di Jerez a forzare il rientro in pista. Ma è storia passata e, adesso, c’è da guardare con fiducia al futuro.

L'ottimismo del Dottor Villamor

Il primo a farlo è stato il professor Angel Villamor, uno degli ultimi medici a cui Marquez si era rivolto prima del ricovero in clinica a Madrid. In una intervista alla testata AS, il traumatologo (che in passato ha operato molti piloti della MotoGP e della Superbike) ha avuto parole di grande speranza: “L'inizio del mondiale, il 28 marzo in Qatar, non è così impossibile. La qualità dell’intervento a cui si è sottoposto potrebbe consentirgli tempi di recupero inferiori rispetto alla norma, ma serve cautela e non bisogna accelerare il percorso”. Speranza, ma anche prudenza, come ha ribadito ad una tv spagnola Emilio Alzamora: “Sarà il tempo a dettare termini e scadenze - ha aggiunto il manager di Marquez - se l'operazione è andata bene le scadenze saranno molto buone".

Non c’è una data, quindi, ma c’è un discreto ottimismo. Il perché lo ha spiegato, sempre nell’intervista rilasciata ad AS.com, proprio il dottor Angel Villamor: “Se tutto andrà per il meglio - ha affermato - in due mesi o tre si formerà il callo osseo e potrà iniziare una preparazione fisica che gli consenta di salire sulla moto. Potenzialmente potrebbe farcela per il 28 marzo, in occasione del GP del Qatar. Ma parliamo, appunto, di una possibilità e quindi non sono in disaccordo con chi sostiene che invece ci vorrà più tempo".

  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Parole di circostanza oltre che di speranza sia da parte di Alzamora che da parte del dottore sempre che quanto riportato corrisponda a verità, come è comprensibile e giusto che sia.
    Praticamente ciò che speriamo tutti… credo almeno.
    La verità è (come dice sempre anche lui) che occorre aspettare e sperare.
    Sul fatto che lui ritorni solo quando sarà al 100% avrei qualche dubbio per il semplice fatto che, braccio a parte lui al 100% non lo era nemmeno prima della caduta, ha le articolazioni delle spalle lesionate e quelle non torneranno mai più come madre natura gli aveva consegnato.
    Al 100% poteva considerarsi essere prima di avere problemi alle articolazioni o ancora prima che avesse avuto il problema alla testa e alla vista di conseguenza.
    Poi che per 100% si voglia intendere una situazione tale che gli possa permettere di pilotare bene e mettere ugualmente tutti dietro ok ma anche per questo bisognerà aspettare un riscontro pratico che solo il futuro ci potrà dare.

    Valentino Masini
  • Foxxes1, Carpi (MO)

    Sicuramente mm avrà avuto modo di riflettere e maturare, magari studiando nel frattempo gli avversari che durante la sua assenza sono cresciuti a livello competitivo. Per cui staremo a vedere se comincerà a vincere da subito o dovrà fare un breve periodo di adattamento., prima di tornare a vincere, gomme permettendo, perché il problema è dovuto principalmente a Michelin. A buon intenditore poche parole. Ciao.
Inserisci il tuo commento