MotoGP 2022. Vietate le manopole estese e altre novità nei regolamenti in Moto2 e Moto3

MotoGP 2022. Vietate le manopole estese e altre novità nei regolamenti in Moto2 e Moto3
Dorna, Fim, Irta si sono riunite nei giorni scorsi e hanno messo nero su bianco alcune modifiche ai regolamenti, anche per contenere i costi. Arrivano le concessioni per i team di Moto2. Tutte le novità
7 luglio 2022

Cambiano alcuni regolamenti per i campionati di Moto2 e Moto3. Le decisioni sono state prese durante una riunione tenuta il 24 giugno ad Assen in cui la Commissione Grand Prix era composta da Carmelo Ezpeleta (Dorna), Paul Duparc (FIM), Herve Poncharal (IRTA), Biense Bierma (MSMA), Mike Trimby (IRTA, Segretario dell'assemblea) e Corrado Cecchinelli (Direttore della Tecnologia).

Vediamo le modifiche comunicate da Dorna e Fim.

Età minima. In primis è stata ratificata la decisione dell’età minima, 18 anni, per accedere alle classi del motomondiale.

Sono previste alcune deroghe all’età minima: i vincitori del Fim Junior GP e della Rookies Cup possono accedere in Moto3 anche a 16 anni nel 2023 e a 17 anni dal 2024 in avanti. Stesso criterio anche per la classe di mezzo, che potrà accogliere il campione europeo di Moto2 a 17 anni.

Riduzione dei test privati. È prevista dal 2023 la riduzione dei test privati consentiti, che passano da 7 giorni a 4. Una decisione presa a seguito dell'aumento del numero di eventi in calendario.

Questo il programma di test:

- 1 test ufficiale di 3 giorni prima dell'inizio della stagione (nessun cambiamento)

- 4 giorni aggiuntivi di test privati (attualmente 7 giorni)

Anche in questo caso c’è un’eccezione che riguarda le squadre di Moto2 che nei due anni precedenti non hanno ottenuto sei punti concessione e che potranno sfruttare 7 giorni di test privati invece di 4. In sostanza saranno team con le concessioni, come già accade in MotoGP.

I punti concessione si basano sui risultati in gara, anche qui uguale alla MotoGP: 3 punti concessione per il primo posto, 2 punti per il secondo posto e un punto per il terzo posto.

Lunghezza impugnatura manubrio. "È stato notato recentemente che alcuni team di Moto3 hanno montato manopole del manubrio estese. Lo scopo è quello di consentire ai loro piloti di far scorrere ulteriormente la mano verso le forcelle per cercare di migliorare l'effetto aerodinamico del corpo nei rettilinei. Questa pratica è considerata estremamente pericolosa in quanto il pilota ha meno controllo della moto quando è in questa posizione.
Di conseguenza, con effetto immediato, la massima lunghezza fuori tutto consentita dell'impugnatura del manubrio in Moto3 e Moto2 è 130 mm".

Dispositivi che regolano l’altezza della moto alla partenza. I dispositivi che modifichino o regolino l'altezza di marcia statica della moto mentre è in movimento sono già proibiti. Da adesso in Moto2 e in Moto3 non è più possibile introdurre dispositivi che funzionano una sola volta alla partenza della gara.

Costi dei telai di Moto3. Una norma è stata stabilita per il prezzo massimo dei telai per la Moto3, che avranno un tetto di costo massimo di 87mila euro (Iva e spese di trasporto escluse), adesso il tetto era 85mila euro.

Da Automoto.it

Caricamento commenti...