GP del Qatar

MotoGP 2019. Vinales in pole a Losail

- Vinales conquista la prima pole della stagione davanti a Dovizioso e Marquez
MotoGP 2019. Vinales in pole a Losail

LOSAIL – E’ Maverick Vinales a conquistare la prima pole stagionale, davanti ad Andrea Dovizioso e a Marc Marquez. Settimo Danilo Peterucci (disturbato da Marquez), ottavo Franco Morbidelli, 13esimo Pecco Bagnaia, 14esimo Valentino Rossi, 15esimo Jorge Lorenzo, 19esimo Andrea Iannone.


Dopo quanto visto nelle prove, Danilo Petrucci sembrava il candidato numero uno alla pole position; deve averlo pensato anche Marc Marquez, che sia con la prima gomma soffice sia con la seconda, si è attaccato al pilota della Ducati, infastidendolo in maniera evidente – sia chiaro: non sono state fatte scorrettezze, ma l’azione di Marc è stata premeditata e Danilo non  è riuscito a reagire -, costringendolo a mollare il gas sia la prima sia la seconda volta. Con la prima gomma morbida, Petrucci ha chiuso settimo, con Marquez quarto; poi, con la seconda, Danilo ha di nuovo rallentato per non tirare il rivale, ma nell’ultimo giro ha comunque dovuto spingere, rimanendo però settimo, permettendo a Marquez di risalire al terzo posto. E’ finita con il box Ducati imbufalito, ma non può fare niente: Petrucci è ormai un punto di riferimento e deve abituarsi a questi giochetti.


«Siamo contenti che il campione del mondo abbia paura di noi» ha dichiarato il team manager Davide Tardozzi, che, se non altro, può celebrare la prima fila di un Andrea Dovizioso, che dopo aver faticato più del previsto sia nei test sia ieri, si porta al secondo posto, dimostrando che quando conta, lui c’è.


«Avevamo perso feeling nei test, con il lavoro e la calma siamo riusciti a recuperare una situazione critica. Ma i tempi contano poco, in gara, con il freddo e il vento può cambiare tutto» commenta Dovizioso, che ha fatto un netto passo in avanti anche nel passo. Se la può giocare.

 

YAMAHA: BENISSIMO VINALES (E NON SOLO), MALISSIMO ROSSI

Per come sta andando, però, forse il favorito è Vinales, molto veloce e, soprattutto, costante e determinato. Chissà se vedere Rossi così in difficoltà – non ha passato la Q1 – gli ha dato l’ulteriore carica: fatto sta che Maverick ha guidato alla grande, è stato tra i pochi a non preoccuparsi degli altri e a girare da solo, conquistando il miglior tempo sia con la prima sia con la seconda gomma. La sua voglia ha fatto la differenza: ha il passo per vincere. Ma in Yamaha si sorride anche per il quinto tempo di Fabio Quartararo, incredibile debutto in MotoGP, e l’ottavo tempo di Franco Morbidelli, mentre si interroga sul 14esimo posto di un Valentino Rossi irriconoscibile, lento in ogni circostanza: con il caldo, con il vento, con l’umidità, con le gomme soffici. Difficile capire le difficoltà del nove volte campione del mondo.

 

ATTENTI A MARQUEZ

I favori del pronostico sembrano essere per Vinales e le due Ducati, ma Marquez è lì, sornione, pronto a giocarsela, come ha dimostrato in qualifica. La Honda rimane molto delicata sull’avantreno, come dimostrano le due cadute sia di Marc sia di Jorge, finito a terra pesantemente nelle FP3 alla curva sei e in Q1 alla curva 2, fortunatamente in maniera meno violenta. In quel momento, Lorenzo si stava giocando l’accesso alla Q2, che ha fallito proprio per la scivolata, superato da un bravo Nakagami. Vedere cadere così tanto Jorge è piuttosto strano, ma sembra confermare che con la Honda si può andare molto veloci, ma bisogna stare molto attenti. Non solo: alla curva 2, sono caduti un sacco di piloti tra FP4 e qualifiche, a conferma che con queste temperature il tracciato diventa molto insidioso: Lorenzo aveva chiesto ripetutamente il cambio di orario, dalle 20 alle 19, lasciando ieri piuttosto seccato la Safety Commission. Il cambio di orario era probabilmente opportuno, ma non si poteva pensare di farlo il giorno prima del primo GP: bisognava pensarci prima, ma, come al solito, non è stato fatto.

 

GLI ALTRI

Molto bene Jack Miller, che ha fatto il suo miglior giro in assoluto del 2019, bene Cal Crutchlow, sesto dopo essere passato dalla Q1, incoraggiante il 12esimo posto di Aleix Espargaro, mentre Andrea Iannone continua a fare fatica. Malissimo, la KTM: Pol Espargaro è 16esimo, Johann Zarco addirittura 21esimo.

CLASSIFICA

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 329.3 1'53.546  
2 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Mission Winnow Ducati Ducati 342.0 1'53.744 0.198 / 0.198
3 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 346.0 1'53.745 0.199 / 0.001
4 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 344.7 1'53.809 0.263 / 0.064
5 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 335.1 1'53.946 0.400 / 0.137
6 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 346.4 1'54.095 0.549 / 0.149
7 9 Danilo PETRUCCI ITA Mission Winnow Ducati Ducati 338.7 1'54.200 0.654 / 0.105
8 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 332.4 1'54.236 0.690 / 0.036
9 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 336.7 1'54.239 0.693 / 0.003
10 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 335.5 1'54.257 0.711 / 0.018
11 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 338.7 1'54.390 0.844 / 0.133
12 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 342.2 1'54.917 1.371 / 0.527
  • max66665, Gallarate (VA)

    Caro Jorge, non prendertela con l'umidità, il problema maggiore è che da quando il ns Mostro ti ha messo gli occhi addosso, ti porta una jella pazzesca!!!
  • max66665, Gallarate (VA)

    Mi avete convinto: la Yamaha va proprio forte!!!
Inserisci il tuo commento